Lavoro 9 Novembre 2017

Mille medici pugliesi in piazza, Anelli: «Vogliamo sanità umana e vicina a cittadini, basta alibi economici»

Il corteo ha visto la partecipazione di tutte le sigle sindacali della categoria. Il Presidente dell’Omceo di Bari: «Nonostante la pioggia, siamo tutti qui per esprimere il nostro malessere e dire la nostra sulle scelte di politica sanitaria della Regione Puglia»

Immagine articolo

«Stiamo manifestando il malessere della professione, la difficoltà di esercitare il nostro lavoro». Sono le parole di Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei Medici di Bari, al telefono con Sanità Informazione direttamente dal corteo di protesta a cui hanno aderito tutte le sigle sindacali di categoria rappresentative della grande maggioranza dei medici pugliesi.

«Nonostante la pioggia e nonostante lo sciopero dei mezzi pubblici la professione si è mobilitata. Sono presenti tutte le articolazioni della professione: dagli ospedalieri pubblici a quelli privati, dai convenzionati territoriali agli accreditati ai liberi professionisti, ci siamo tutti. E tutti insieme vogliamo dire la nostra. Questa manifestazione è il punto di partenza per riprogrammare una sanità più umana, più vicina ai cittadini, che tolga ogni tipo di alibi sulla questione economica e provi a salvaguardare la salute della gente», prosegue Anelli.

«Stanno riducendo il personale e i servizi, intervenendo sull’attività quotidiana della professione e mettendo in crisi quell’alleanza terapeutica e quel rapporto con il paziente che dovrebbe essere il fondamento dell’intero Servizio Sanitario Nazionale – puntualizza il Presidente -. Il definanziamento dei servizi sanitari delle Regioni del Sud sta portando a un aumento degli indici negativi di salute, come l’indice di sopravvivenza, che al Sud è minore rispetto a quello delle Regioni del nord».

I medici scesi in piazza vogliono avere voce nelle scelte di politica sanitaria della Regione Puglia, riconquistando quell’autonomia e quel tempo clinico da dedicare al paziente, usurpato oggi da «croniche carenze di personale» dall’«iperburocratizzazione» e da «carenze organizzative e strutturali»; ma anche quella «dignità e serenità di esercizio della professione» che sono stati, come si legge in una nota, «scientemente negati negli ultimi anni, con una serie di provvedimenti di natura ragionieristica», anche se «in nome di obiettivi condivisibili».

A questo proposito i medici hanno invitato il Presidente Emiliano a «sostenere un cambiamento della posizione della Puglia all’interno della Conferenza Stato Regioni affinché – prosegue la nota – vengano rivisti i meccanismi di finanziamento e i tetti di spesa». Inoltre, la manifestazione intende sollecitare il governo regionale «a costituire con i medici dei tavoli di discussione, per definire provvedimenti che diano finalmente risposte condivise e sostenibili alla crisi della Sanità regionale». I sindacati hanno manifestato «riconoscenza per l’attenzione mostrata dalla politica verso i temi sollevati dai medici», ma hanno ribadito «il carattere indipendente della mobilitazione, che vuole essere un momento di espressione del malessere di un’intera categoria».

Hanno aderito alla manifestazione le sigle sindacali rappresentative di tutte le categorie, dai medici di famiglia agli ospedalieri pubblici e privati, dai medici del territorio agli specialisti convenzionati e accreditati. Tra le tante ecco le sigle presenti: AAROI, ANAAO, BRANCHE A VISITA E ACCREDITATI (SBV), CIMO, CIMOP, CISL MEDICI, FASSID, FESMED, FIMMG, SMI, SUMAI, UIL MEDICI, USSMO, INTESA.

Articoli correlati
Obesità, la ricetta di Pierpaolo Sileri: «Educazione nelle scuole e approccio multidisciplinare per contrastarla. In futuro valutare l’ingresso nei LEA»
Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha organizzato un incontro in Senato con società scientifiche e associazioni dei pazienti dal titolo “L’obesità, una malattia da prevenire e curare”
Contratto medici, intersindacale: «Aran non ci ha convocato, tempo sta per scadere»
In una nota diffusa alla stampa i sindacati parlano di uno stallo che «denuncia inequivocabilmente una clamorosa impreparazione di Governo e Regioni su un tema che sta incentivando il disagio dei sanitari»
Sanità privata, Cgil, Cisl e Uil: «Mobilitazione in tutte le strutture del Lazio. Arriveremo al nuovo contratto, con altri scioperi se necessario»
Flash mob all’Isola Tiberina. «Vogliamo che i cittadini conoscano e condividano le ragioni delle migliaia di lavoratrici e lavoratori che da oltre 12 anni aspettano un nuovo contratto»
Contratto medici, riprendono le trattative. Intersindacale convocata da Aran per il 13 marzo
Il nodo da superare rimane lo sblocco della Retribuzione Individuale di Anzianità
Sanità privata, Cgil Cisl e Uil interrompono trattativa rinnovo contratto
Tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto della Sanità Privata interrotto e avvio dello stato di agitazione. Ad annunciarlo sono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, comunicandolo in una lettera alle controparti Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari), motivando così la decisione: «A seguito della vostra indisponibilità a […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone