Lavoro 18 Febbraio 2019 17:24

Il contenzioso non risparmia gli infermieri. Pulimeno (Fnopi): «Puntare su formazione e migliore comunicazione tra le parti»

E sulla mediazione: «Soluzione necessaria». Il vicepresidente della Federazione nazionale degli Ordini degli Infermieri spiega ai nostri microfoni cosa fare per superare definitivamente un problema che non riguarda solo i medici

di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice

Per diminuire il contenzioso tra operatori sanitari e pazienti sono necessari tre step: aumentare la percezione della qualità del servizio offerto dal Ssn ai cittadini; creare una piattaforma di mediazione che possa risolvere qualsiasi questione senza farla arrivare necessariamente in tribunale; puntare forte sulla formazione. Sono queste le tre indicazioni che Ausilia Pulimeno, vicepresidente della Federazione nazionale degli Ordini degli infermieri (Fnopi), dà ai microfoni di Sanità Informazione a margine della recente conferenza organizzata dal Gruppo Consulcesi al Ministero della Salute per lanciare la proposta dell’Arbitrato della Salute, una sorta di camera di compensazione per ridurre le cause tra pazienti e operatori della salute che, nel 95% dei casi, si risolvono in un nulla di fatto.

«Senza dubbio – spiega il vicepresidente Fnopi – una mediazione ci vuole, questo è chiaro. È necessario però investire molto anche sulla formazione dei professionisti sanitari, oltre che puntare sulla relazione con i pazienti, quindi su una corretta comunicazione». Altro elemento fondamentale è poi «l’intervento della politica, delle istituzioni e, in generale, di chi governa il sistema». Secondo Pulimeno è infatti necessario riuscire ad «avere un Servizio sanitario nazionale davvero organizzato», che venga «gestito nel migliore dei modi», perché è da lì che passano «l’aumento o la diminuzione dei contenziosi e la percezione che il cittadino ha della sicurezza delle cure».

LEGGI LO SPECIALE ‘BASTA ODIO’ DI SANITA’ INFORMAZIONE

E qui entra in ballo il rapporto che il mondo sanitario deve riuscire ad instaurare con le persone: «Il paziente deve avere la chiara percezione che c’è un professionista che lo sta curando e che se ne è preso carico». Bisogna dunque «aumentare la fiducia che il cittadino ha nei confronti di questi professionisti e sviluppare una modalità di organizzazione che allarghi un po’ il suo raggio d’azione anche e soprattutto su alcuni territori dove, con ogni probabilità, non arriva un servizio adeguato. Per questo molti cittadini sono veramente arrabbiati».

 

 

Articoli correlati
Infermieri, primo rapporto sulle violenze: 125mila casi sommersi in un anno, 75% contro donne
Mangiacavalli (presidente FNOPI): «Da eroi del Covid a vittime invisibili. Subito inserimento nella categoria lavori usuranti»
Infermieri in fuga all’estero, in Svizzera stipendi d’oro e carriera
Migliaia di infermieri italiani hanno deciso di lavorare all'estero. Tra le mete ambite c'è la Svizzera
Stati Generali FNOPI: in 3 giorni oltre mille infermieri attivi per ridisegnare il proprio futuro
Draoli (FNOPI): «Dal 28 marzo al 2 maggio è attivo il sito statigenerali.fnopi.it. L’obiettivo è approdare ad una piattaforma condivisa che, entro l’autunno, ridisegni la professione infermieristica in Italia, anche attraverso la modifica delle norme primarie e dei percorsi formativi»
Infermieri ucraini in Italia. Fnopi: «No a sanatorie per eventuali stabilizzazioni, sì all’accoglienza nel nostro SSN»
Fnopi: «Gli infermieri ucraini in Italia potrebbero avere grande valenza non tanto per sostituzioni di personale mancante, quanto per fungere da mediatori culturali con i tanti pazienti fuggiti dalla guerra che ci troveremo ad assistere. Necessario progettare accoglienza degli studenti di infermieristica negli Atenei italiani»
Anelli (Fnomceo): «Massima disponibilità, sostegno e supporto per chi arriva da assurdo teatro di guerra»
La FNOMCeO raccoglie e condivide l’appello dei colleghi russi per dire basta alla guerra. Mangiacavalli (Fnopi): «Doverosa accoglienza e accesso a prestazioni sanitarie indispensabili per i rifugiati. Popolo con basso tasso di vaccinazione, attorno al 30%»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali