Lavoro 18 Febbraio 2019

Il contenzioso non risparmia gli infermieri. Pulimeno (Fnopi): «Puntare su formazione e migliore comunicazione tra le parti»

E sulla mediazione: «Soluzione necessaria». Il vicepresidente della Federazione nazionale degli Ordini degli Infermieri spiega ai nostri microfoni cosa fare per superare definitivamente un problema che non riguarda solo i medici

di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice

Per diminuire il contenzioso tra operatori sanitari e pazienti sono necessari tre step: aumentare la percezione della qualità del servizio offerto dal Ssn ai cittadini; creare una piattaforma di mediazione che possa risolvere qualsiasi questione senza farla arrivare necessariamente in tribunale; puntare forte sulla formazione. Sono queste le tre indicazioni che Ausilia Pulimeno, vicepresidente della Federazione nazionale degli Ordini degli infermieri (Fnopi), dà ai microfoni di Sanità Informazione a margine della recente conferenza organizzata dal Gruppo Consulcesi al Ministero della Salute per lanciare la proposta dell’Arbitrato della Salute, una sorta di camera di compensazione per ridurre le cause tra pazienti e operatori della salute che, nel 95% dei casi, si risolvono in un nulla di fatto.

«Senza dubbio – spiega il vicepresidente Fnopi – una mediazione ci vuole, questo è chiaro. È necessario però investire molto anche sulla formazione dei professionisti sanitari, oltre che puntare sulla relazione con i pazienti, quindi su una corretta comunicazione». Altro elemento fondamentale è poi «l’intervento della politica, delle istituzioni e, in generale, di chi governa il sistema». Secondo Pulimeno è infatti necessario riuscire ad «avere un Servizio sanitario nazionale davvero organizzato», che venga «gestito nel migliore dei modi», perché è da lì che passano «l’aumento o la diminuzione dei contenziosi e la percezione che il cittadino ha della sicurezza delle cure».

LEGGI LO SPECIALE ‘BASTA ODIO’ DI SANITA’ INFORMAZIONE

E qui entra in ballo il rapporto che il mondo sanitario deve riuscire ad instaurare con le persone: «Il paziente deve avere la chiara percezione che c’è un professionista che lo sta curando e che se ne è preso carico». Bisogna dunque «aumentare la fiducia che il cittadino ha nei confronti di questi professionisti e sviluppare una modalità di organizzazione che allarghi un po’ il suo raggio d’azione anche e soprattutto su alcuni territori dove, con ogni probabilità, non arriva un servizio adeguato. Per questo molti cittadini sono veramente arrabbiati».

 

 

Articoli correlati
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
La Giornata del personale sanitario e socio-sanitario sarà il 20 febbraio
Via libera della Camera per onorare «il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio degli operatori sanitari e sociosanitari nel corso della pandemia da coronavirus». Grande soddisfazione da parte di FNOMCeO e FNOPI
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Fnopi: «Nuovi Lea, che fine ha fatto il “decreto Tariffe”?»
Aceti, presidente Fnopi, contro i tre anni di ritardo sul decreto tariffe: «Non fa che accrescere le disuguaglianza tra regioni»
Anziani e RSA, appello di FNOPI per riforma urgente e condivisa: «Servono almeno 29.700 professionisti»
Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione delle professioni infermieristiche, sottolinea la volontà degli infermieri, che già si occupano in prima linea dei fragili e degli anziani, di essere parte attiva nel cambiamento che il nuovo modello di sanità che si sta via via disegnando richiede
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...