Diritto 18 Settembre 2018

Numero chiuso, candidati: «Far emergere anomalie per evitare che si ripetano». E intanto pubblica graduatoria anonima

«Per i non ammessi alla facoltà di Medicina e Chirurgia la possibilità di presentare un ricorso è un diritto-dovere». La voce dei concorrenti dell’università Federico II di Napoli

di Isabella Faggiano

«Il merito non può essere penalizzato». È per questo che Alessandro, 18 anni di Casoria, dice «sì al ricorso». Il giovane napoletano era tra i 6 mila studenti che, lo scorso 4 settembre, hanno concorso per l’ammissione alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’università Federico II di Napoli.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, PUBBLICHE GRADUATORIE ANONIME. IDONEI 40.447 CANDIDATI SU 59.743, PASSA IL 67,7% DEL TOTALE

«Personalmente, nella mia aula – ha spiegato Alessandro ai microfoni di Sanità Informazione – non ho visto anomalie evidentissime. Ciò non esclude che altrove ci possano essere state irregolarità. E chi ne è stato spettatore – ha ribadito – ha il diritto di presentare un ricorso».

LEGGI LO SPECIALE SUL NUMERO CHIUSO

Un diritto che per altri studenti è soprattutto un dovere: «Il ricorso – ha commentato un altro dei concorrenti al test all’università partenopea – è una vera e propria necessità. Soltanto facendo emergere tutte le difformità possiamo evitare che continuino a ripetersi».

Il parere di professionisti esperti nella tutela di questo tipo di diritti è fondamentale per capire come muoversi. Ed ecco che il parere di realtà come Consulcesi, che si occupa da oltre vent’anni di tutela legale di medici e aspiranti camici bianchi, diventa importante in questi casi. Una valutazione che può essere richiesta in qualsiasi momento consultato il sito www.numerochiuso.info, che offre la possibilità anche di un confronto diretto tra tutti gli studenti.

E tra la folla di aspiranti camici bianchi non mancavano nemmeno i giovani al secondo o terzo tentativo. «Ho presentato un ricorso già lo scorso anno – ha spiegato uno dei candidati – perché ho avuto un problema con il lettore ottico che non ha considerato nessuna delle tre domande che avevo corretto, domande che mi avrebbero fatto raggiungere il punteggio necessario ad aggiudicarmi il posto in facoltà. Speriamo – ha concluso – che questa volta non emergano nuove anomalie».

Articoli correlati
Punteggi Test Medicina, a Napoli i genitori dicono no al numero chiuso e si battono per la meritocrazia
A minare la fiducia nell’attuale sistema selettivo sono le numerose irregolarità presenti ogni anno. La parola al consulente legale: «Entro 60 giorni è possibile fare ricorso al TAR e rientrare in graduatoria»
Dall’auricolare-spia ai documenti falsificati: record di irregolarità al Test di ingresso a Medicina
Pubblicati i punteggi. Consulcesi continua a ricevere e raccogliere segnalazioni dai candidati su www.numerochiuso.info e sui canali social. Il presidente Massimo Tortorella: «In oltre 20 anni mai accaduti casi del genere: il sistema di selezione si conferma inadeguato, non è ammissibile selezionare così i nostri medici del futuro»
«Sistema irregolare e non meritocratico», la protesta contro il numero chiuso: «Così si smantella la sanità pubblica»
Gruppi di protesta contro il test di Medicina si sono riuniti alla Sapienza in occasione della prova. «La volontà politica è quella di tagliare sulla spesa pubblica e il numero chiuso favorisce questo taglio
Numero chiuso, Studenti indipendenti al Ministro: «Più posti al test e raddoppiare le borse di specializzazione»
Il Movimento studentesco ha protestato contro l’imbuto formativo e la carenza di posti per la specializzazione: «Ci viene detto dal Ministero che ci sono numeri programmati, a seconda del fabbisogno della salute del Paese, ma se guardiamo i nostri ospedali ci rendiamo conto che non è così». Irregolarità al test di ingresso, continuano le segnalazioni
di Federica Bosco
Test Medicina, scatta la “corsa al ricorso”. Valsecchi (Bicocca): «2mila borse di specializzazione in più non bastano, servono risorse»
Dopo le segnalazioni di irregolarità tanti studenti stanno valutando di agire per tutelarsi. Secondo Maria Grazia Valsecchi, direttrice del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Bicocca di Milano, «il test può essere sempre migliorato. Di sicuro allo stato attuale una selezione va fatta, essendoci il numero chiuso»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali