Diritto 18 settembre 2018

Numero chiuso, candidati: «Far emergere anomalie per evitare che si ripetano». E intanto pubblica graduatoria anonima

«Per i non ammessi alla facoltà di Medicina e Chirurgia la possibilità di presentare un ricorso è un diritto-dovere». La voce dei concorrenti dell’università Federico II di Napoli

di Isabella Faggiano

«Il merito non può essere penalizzato». È per questo che Alessandro, 18 anni di Casoria, dice «sì al ricorso». Il giovane napoletano era tra i 6 mila studenti che, lo scorso 4 settembre, hanno concorso per l’ammissione alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’università Federico II di Napoli.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, PUBBLICHE GRADUATORIE ANONIME. IDONEI 40.447 CANDIDATI SU 59.743, PASSA IL 67,7% DEL TOTALE

«Personalmente, nella mia aula – ha spiegato Alessandro ai microfoni di Sanità Informazione – non ho visto anomalie evidentissime. Ciò non esclude che altrove ci possano essere state irregolarità. E chi ne è stato spettatore – ha ribadito – ha il diritto di presentare un ricorso».

LEGGI LO SPECIALE SUL NUMERO CHIUSO

Un diritto che per altri studenti è soprattutto un dovere: «Il ricorso – ha commentato un altro dei concorrenti al test all’università partenopea – è una vera e propria necessità. Soltanto facendo emergere tutte le difformità possiamo evitare che continuino a ripetersi».

Il parere di professionisti esperti nella tutela di questo tipo di diritti è fondamentale per capire come muoversi. Ed ecco che il parere di realtà come Consulcesi, che si occupa da oltre vent’anni di tutela legale di medici e aspiranti camici bianchi, diventa importante in questi casi. Una valutazione che può essere richiesta in qualsiasi momento consultato il sito www.numerochiuso.info, che offre la possibilità anche di un confronto diretto tra tutti gli studenti.

E tra la folla di aspiranti camici bianchi non mancavano nemmeno i giovani al secondo o terzo tentativo. «Ho presentato un ricorso già lo scorso anno – ha spiegato uno dei candidati – perché ho avuto un problema con il lettore ottico che non ha considerato nessuna delle tre domande che avevo corretto, domande che mi avrebbero fatto raggiungere il punteggio necessario ad aggiudicarmi il posto in facoltà. Speriamo – ha concluso – che questa volta non emergano nuove anomalie».

Articoli correlati
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi
Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esame non piace a nessuno: si muove anche il Parlamento. Irregolarità e ricorsi: migliaia di studenti vanno in tribunale
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»
Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi
di Serena Santi e Isabella Faggiano
Numero chiuso, Ines Simona Pisano (Tar Lazio): «La normativa viola il diritto allo studio sancito dalla Costituzione italiana»
«Sul numero chiuso occorre un ripensamento da parte del Legislatore: tra dieci anni rischiamo di trovarci senza né medici né assistenza e la nostra sanità andrà a rotoli». Così la dottoressa Pisano a margine del convegno sulla Formazione Specialistica medica promosso da Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila