Lavoro 21 Settembre 2018 17:29

Carenza infermieri, la proposta FNOPO: «Restituiamo a sole ostetriche la cura delle donne nelle aree materno-infantili»

La strategia della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica punta alla razionalizzazione delle risorse umane in sanità e all’utilizzo “appropriato” dei professionisti sanitari. «L’ostetrica può offrire da sola l’80% delle cure ostetriche, come certificato dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità»

La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica scende in campo e propone una possibile soluzione alla carenza di professionisti sanitari nel Sistema Sanitario Nazionale. Nelle strutture dell’area materno infantile, quali le Unità operative di ostetricia e ginecologia, gli ambulatori ostetrico-ginecologici e i consultori dei servizi di Gravidanza medicalmente assistita e oncofertilità, la cura delle donne potrebbe essere affidata esclusivamente alle ostetriche. In questo modo, gli infermieri “liberati” dal carico di lavoro, potrebbero essere meglio utilizzati in altri setting ospedalieri e territoriali. «Azioni replicabili negli ambiti di intervento specifici della professione ostetrica», sottolineano le rappresentanti delle 22mila ostetriche italiane.

La FNOPO vuole ricordare come sia possibile un ampliamento delle cure ostetriche alla popolazione femminile, con costi contenuti e sostenibili per il Servizio pubblico. Una attuazione del tutto fattibile, ovvero ricorrendo in modo appropriato alle prestazioni della professionista ostetrica che per legge, grazie al corso di studi e al riconoscimento delle sue competenze in Europa e in Italia (vedi anche ultimo D.Lgs 15/2016), da sola può offrire l’80% delle cure ostetriche, come certificato dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità.

Una strategia, quella proposta dalla FNOPO, che punta alla «razionalizzazione delle risorse umane in sanità» e all’«utilizzo “appropriato” dei professionisti sanitari, come per tutte le altre risorse». Inoltre, al fine di contribuire alla gestione delle criticità legate alla “carenza infermieristica”, la FNOPO ha attivato in alcune Regioni campione un’indagine per quantificare il contingente infermieristico attualmente impegnato nelle strutture dell’area materno-infantile.

La Federazione ricorda poi come «l’adozione su larga scala di alcuni modelli come quello di “Ostetrica di famiglia e di comunità” e il ricorso mono professionale nei diversi ambiti di assistenza materna (Punti nascita, Pronto soccorsi ostetrico ginecologici, comprese le reti STAM/STEN, consultori familiari e Case della salute per la donna e bambino) renderebbe il SSN più efficace, oltre che efficiente».

«È evidente a tutti come siano giunti ormai i tempi per interventi lungimiranti, improntati sulla difesa e tutela della salute di tutti i cittadini e basati sui loro effettivi bisogni. Per tale motivo – continuano i vertici FNOPO – auspichiamo che il decreto di urgenza del quale ha parlato la ministra Giulia Grillo e sul quale si sta lavorando, si basi su interventi strutturali, come l’implementazione delle risorse umane che potranno migliorare la qualità dell’assistenza e della cura offerte e, contemporaneamente restituire una migliore qualità alle condizioni di lavoro».

LEGGI ANCHE: LA CARENZA DI INFERMIERI REGIONE PER REGIONE NEL SSN. FNOPI: «CORRERE AI RIPARI»

 

Articoli correlati
Nel 2050 i morti per infezioni ospedaliere in Italia saranno 450 mila. Lo studio
Censimento degli infermieri ANIPIO e le soluzioni proposte da ANIPIO e FNOPI
Ostetriche in Usca, continuità assistenziale in ospedale: le richieste di FNOPO ad Agenas
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica ha avviato una collaborazione con l’Agenas nell’ambito del “Progetto sulla definizione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno del personale sanitario”. La presidente FNOPO: «Abbiamo offerto il nostro contributo per illustrare le peculiarità e le problematiche della nostra professione»
di Isabella Faggiano
Formazione ECM, l’Opi Fi-Pt invita gli infermieri a verificare la propria posizione
Dal 2022 scatteranno i controlli e le sanzioni, che spetteranno agli Ordini professionali
Infermieri senza bonus da un anno, Bottega (NurSind): «Sanare ingiustizia, tra i lavoratori c’è sconforto»
Dove sono finiti i 335 milioni stanziati in Legge di Bilancio per l'indennità di specificità riservata agli infermieri? Mentre i medici hanno ricevuto la loro con lo stipendio di gennaio 2021, i colleghi aspettano da quasi un anno. NurSind dice basta e minaccia ritorsioni se non ci sarà un emendamento
Sanitari no vax, Pais (FNOPI): «Chi rifiuta la scienza tradisce la deontologia professionale»
Le Federazioni delle professioni socio-sanitarie, insieme al CNOAS, hanno sottoscritto un documento contro i comportamenti antiscientifici dei sanitari. Il consigliere nazionale FNOPI: «La nostra Federazione sta monitorando tutti i procedimenti disciplinari attivati per avere un quadro chiaro della situazione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi