Lavoro 15 Luglio 2019

Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può

Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza

Immagine articolo

«Un pugno in pieno viso». Il progetto C.A.R.E. (Consapevolezza, Ascolto, Riconoscimento, Empatia) di FNOPI (Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche) e FNOMCeO (Federazione nazionale degli Ordini dei medici), che nasce per riconoscere e disinnescare la violenza contro gli operatori della salute, inizia con il racconto di un medico aggredito durante il turno in Pronto soccorso dai parenti di una piccola paziente. Aggressione totalmente ingiustificata, dal momento che la situazione era stata gestita correttamente ed in tempi brevi.

Nel 1996, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la violenza sul posto di lavoro uno dei problemi più gravi per la salute pubblica, e stabilito che lavorare in ambito sanitario espone ad un rischio di aggressione cinque volte maggiore che in altri contesti. I dati sono allarmanti: il Dipartimento di Biomedicina e prevenzione dell’Università Tor Vergata di Roma riferisce che l’89,6% degli infermieri è stato vittima di violenza fisica, verbale, telefonica o di molestie sessuali sul luogo di lavoro. Secondo le statistiche, urla, offese, insulti, minacce sono capitate più di 15 volte nel 26,6% dei casi, tra le 14 e le 15 volte nel 35,7% e nel 31,9% dei casi da una a tre volte. Passando ai camici bianchi, il 50% di loro, nell’ultimo anno, ha subìto aggressioni verbali ed il 4% è stato vittima di violenza fisica.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI A OPERATORI SANITARI, FNOPI E FNOMCEO LANCIANO CORSI ECM GRATUITI PER IMPARARE A ‘DISINNESCARE’ SITUAZIONI DIFFICILI

Il responsabile del progetto è il Professor Massimo Picozzi, psichiatra, criminologo e scrittore, docente per la Polizia di Stato e per l’Arma dei Carabinieri. Il corso si basa sulla tecnica della de-escalation e consiste in una serie di interventi basati sulla comunicazione verbale e non verbale per ridurre l’intensità della tensione nelle relazioni umane. «La persona che assume un atteggiamento aggressivo non si sente compreso: il compito di ogni operatore è riconoscere queste particolari esigenze per evitare episodi di rabbia incontrollata e comprendere il suo stato d’animo e le sue emozioni» ha specificato il professore.

I motivi: la gestione delle emozioni

Lo studio FNOMCeO-FNOPI intuisce i motivi della violenza nel lavoro stesso che ogni giorno porta gli operatori a contatto con paura, dolore e rabbia. E, le emozioni, non sono vissute da tutti allo stesso modo, anzi, molti non sanno gestirle.

La violenza non fa parte del nostro mestiere

Minimizzare, banalizzare la violenza o accettarla in ogni sua forma, pensando che sia qualcosa di “integrante” della professione, è pericoloso, significa “votarsi al ruolo di vittime e privarsi di qualsiasi spazio di azione e di intervento”. «Uno dei dati a nostro avviso più allarmanti – ha spiegato il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli – è la rassegnazione che emerge dalle risposte dei nostri colleghi: il 48% di chi ha subito un’aggressione verbale ritiene l’evento “abituale”, il 12% “inevitabile”, quasi come se facesse parte della routine o fosse da annoverare tra i normali rischi professionali. Le percentuali cambiano di poco in coloro che hanno subito violenza fisica: quasi il 16% ritiene l’evento “inevitabile”, il 42% lo considera “abituale”. Questa percezione falsata e quasi rassegnata del fenomeno – ha aggiunto Anelli – porta con sé gravi effetti collaterali: dalla mancata denuncia alle autorità all’immobilismo dei decisori, fino ad arrivare al burnout dei professionisti, con conseguente demotivazione nello svolgimento della professione».

Cosa fare: empatici sì, remissivi no

Provare a disinnescare il conflitto si può, attraverso una comunicazione efficace: senza alzare la voce, in modo fermo, pacato e rispettoso ma deciso, con linguaggio socioculturale in linea con la persona, facendosi capire senza accusare o giudicare, mantenendo il contatto visivo e la distanza di sicurezza.

Se, con il miglior approccio relazionale e seguendo le strategie più efficaci di comunicazione, non è stato possibile evitare l’azione violenta, si deve essere preparati a difendersi o a fuggire e per questo serve una formazione apposita.

«La nostra professione – ha commentato la presidente della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche Barbara Mangiacavalli – che vede coinvolti negli atti di violenza una percentuale altissima di infermieri, ha come scopo il rapporto coi pazienti. Per noi – ha specificato – è essenziale avere una relazione privilegiata con loro, ma è altrettanto essenziale che i cittadini, spesso sopraffatti dalla tensione e dalle paure che generano i problemi di salute, comprendano che i nostri professionisti lavorano per loro e per il loro bene e non li aggrediscano, ma li mettano nelle condizioni di dare il meglio di sé per poterli davvero aiutare» ha concluso.

LEGGI ANCHE:«LA SANITÀ SI BASA SULLO SFRUTTAMENTO INFINITO E GRATUITO DI MEDICI E PROFESSIONISTI SANITARI»

Un lavoro tanto importante quanto delicato come quello del medico e dell’operatore sanitario deve essere necessariamente svolto in contesti sicuri, controllati e in condizioni di serenità e rispetto reciproco.

Articoli correlati
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid
La partecipazione dei medici è volontaria ma è importante che i professionisti che decidono di aderire garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare