Gli Esperti Rispondono 20 Luglio 2015 12:55

Il mondo delle assicurazioni

Se il pagamento di due premi non garantisce la copertura

di Assicurazione

Sono un medico anestesista libero professionista. Due anni fa io e i medici della mia equipe ricevemmo un avviso di garanzia per il decesso di un paziente durante un intervento. Il mio Assicuratore, dopo essere stato da me informato della cosa, mi ha risposto che al momento non poteva assumere in carico il danno in quanto “il fatto non concretizzava  ai sensi delle condizioni di polizza un sinistro”. La lettura della polizza mi confermava purtroppo che la definizione di sinistro riguardava esclusivamente  il caso di “richiesta di risarcimento del danno”; nel mio caso tale richiesta in verità non esisteva. Ritenni che la richiesta mi sarebbe prima o poi pervenuta, invece dopo un paio di mesi ho ricevuto la disdetta della polizza dal mio assicuratore. Sono stato costretto quindi a trovarmi un altro assicuratore disponibile a coprire la mia responsabilità professionale, il quale però mi ha esplicitamente escluso dalla garanzia l’evento nel quale ero stato coinvolto. E’ accettabile che un professionista che ha sempre pagato la sua polizza (nel caso mio addirittura due!) si trovi in una situazione come la mia?

Si tratta di un  caso di evidente vessatorietà della clausola “Claims made”, aggravata dalla ormai obsoleta limitatezza della definizione di sinistro adottata dalla sua polizza e, mi permetto di dirlo, dal comportamento quanto meno poco corrente del suo assicuratore che ha provveduto a disdire con inusuale tempestività la sua polizza. Temo che Lei possa far ben poco. Anche la citazione in giudizio del suo primo assicuratore, contestandogli il fine elusivo della sua disdetta, mi sembra una via incerta e comunque tardiva. Il suo è un caso al quale il legislatore sembra aver messo riparo. Infatti nella bozza del DPR – quello che dovrà regolamentare  l’assicurazione di responsabilità professionale sanitaria – la definizione di sinistro è ampia e comprende anche il caso di ricevimento di un avviso di garanzia.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura  

Articoli correlati
Responsabilità medica: lui ha l’amante, alla vedova non spetta il risarcimento
La sentenza 9010/2022 della Cassazione esclude il danno parentale dopo aver accertato che tra i due coniugi fosse venuta meno l’intensità del legame. La Corte d’Appello ora dovrà riesaminare il caso che aveva portato ad un risarcimento di oltre 260mila euro
Enpam Sicura: Milillo e Santini condannati a risarcire Enpam
Il Tribunale civile di Roma ha condannato Giacomo Milillo e Giulio Santini a risarcire a Enpam, l’Ente previdenziale di medici e odontoiatri, 1,7 milioni di euro
Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»
Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»
di Federica Bosco
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
L’evoluzione dell’anestesia: dalla neve all’etere, la modernità inizia con la Grande Guerra
Corrado Cecchetti, responsabile Area Rossa del dipartimento di emergenza del Bambin Gesù di Roma: «Per il futuro forme di anestesia sempre meno legate ad una reale compromissione e controllo delle funzioni vitali del paziente, a favore di tecniche loco regionali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali