Gli Esperti Rispondono 20 luglio 2015

Il mondo delle assicurazioni

Se il pagamento di due premi non garantisce la copertura

di Assicurazione

Sono un medico anestesista libero professionista. Due anni fa io e i medici della mia equipe ricevemmo un avviso di garanzia per il decesso di un paziente durante un intervento. Il mio Assicuratore, dopo essere stato da me informato della cosa, mi ha risposto che al momento non poteva assumere in carico il danno in quanto “il fatto non concretizzava  ai sensi delle condizioni di polizza un sinistro”. La lettura della polizza mi confermava purtroppo che la definizione di sinistro riguardava esclusivamente  il caso di “richiesta di risarcimento del danno”; nel mio caso tale richiesta in verità non esisteva. Ritenni che la richiesta mi sarebbe prima o poi pervenuta, invece dopo un paio di mesi ho ricevuto la disdetta della polizza dal mio assicuratore. Sono stato costretto quindi a trovarmi un altro assicuratore disponibile a coprire la mia responsabilità professionale, il quale però mi ha esplicitamente escluso dalla garanzia l’evento nel quale ero stato coinvolto. E’ accettabile che un professionista che ha sempre pagato la sua polizza (nel caso mio addirittura due!) si trovi in una situazione come la mia?

Si tratta di un  caso di evidente vessatorietà della clausola “Claims made”, aggravata dalla ormai obsoleta limitatezza della definizione di sinistro adottata dalla sua polizza e, mi permetto di dirlo, dal comportamento quanto meno poco corrente del suo assicuratore che ha provveduto a disdire con inusuale tempestività la sua polizza. Temo che Lei possa far ben poco. Anche la citazione in giudizio del suo primo assicuratore, contestandogli il fine elusivo della sua disdetta, mi sembra una via incerta e comunque tardiva. Il suo è un caso al quale il legislatore sembra aver messo riparo. Infatti nella bozza del DPR – quello che dovrà regolamentare  l’assicurazione di responsabilità professionale sanitaria – la definizione di sinistro è ampia e comprende anche il caso di ricevimento di un avviso di garanzia.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura  

Articoli correlati
Spot risarcimenti, il Garante apre la pratica ma il precedente è contro i medici…
Attesa a giorni la valutazione dell'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria di Rai, Mediaset e degli altri editori. Tra richieste di ritiro dello spot da tutte le emittenti e le scuse da parte della Rai, la polemica sullo spot con Enrica Bonaccorti che sollecita azioni legali contro la malasanità non è ancora chiusa. E il 16 gennaio il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli incontrerà il Consiglio nazionale forense
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
FNOMCeO, “Obiettivo dignità”: i medici lanciano petizione online contro gli spot che sollecitano risarcimenti danni in ambito sanitario
Una petizione online per chiedere al Ministro della Salute, Giulia Grillo, di sollecitare «l’adozione di strumenti di controllo preventivo, al fine di evitare che messaggi distorti, veicolati su canali pubblici, arrechino danno al Servizio Sanitario nazionale, che, nonostante tutte le difficoltà, assicura elevati livelli certificati di tutela della salute e di assistenza ai cittadini» È […]
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Errori in sanità, Riccardo Tartaglia: «Istruire i medici ad una comunicazione ‘difficile’»
«È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ improntata alla massima trasparenza e chiarezza», così il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano