Giovani 3 Ottobre 2016 17:55

Test Medicina: allarme regolarità graduatoria, in arrivo valanghe di ricorsi

Nel giorno dell’uscita della graduatoria per l’accesso alle facoltà di Medicina non si placano le polemiche per le molte irregolarità riscontrate e denunciate dagli studenti nell’ambito delle prove. Tra domande annullate e violazioni dell’obbligo di segretezza, già annunciati migliaia di ricorsi. Spunta l’ipotesi risarcitoria per gli esclusi

Test di medicina: è già allarme ricorsi. A poche ore dalla pubblicazione della graduatoria nazionale, che ha sancito in prima battuta chi può ambire a indossare il camice bianco e chi, purtroppo, no, gli studenti sono sul piede di guerra, pronti a intraprendere migliaia di ricorsi. Associazioni universitarie e studi legali sono al loro fianco: primi fra tutti, gli avvocati di Consulcesi, che fin dallo svolgimento del test dello scorso 6 settembre non hanno esitato a denunciare che qualcosa non quadrava.

«Sin dal giorno stesso delle prove siamo stati contattati da centinaia di studenti  – spiegano da Consulcesi – e con loro abbiamo raccolto segnalazioni di numerose irregolarità sul nostro sportello virtuale www.numerochiuso.info e abbiamo ripetutamente annunciato l’inevitabile valanga di ricorsi in arrivo».

I motivi del contendere, in effetti, sono diversi: al momento della pubblicazione dei risultati, ha fatto scalpore la contestuale decisione del Miur di annullare la domanda numero 16, attribuendo il medesimo punteggio a tutte le risposte date. Un episodio che ha scatenato le proteste delle associazioni universitarie, le quali hanno parlato chiaramente di «graduatoria falsata».

Ad essere messa in discussione dagli esperti, anche l’effettiva correttezza del quesito n. 33, e l’elenco delle contestazioni si fa sempre più lungo: utilizzo di smartphone, tempi di consegna non rispettati e violazione dell’obbligo di segretezza circa il contenuto delle domande, in aperto contrasto con quanto sancito dal decreto 312/2016. Una serie di irregolarità che infiammano una situazione già di per sé incandescente, soprattutto a causa della spietatezza dei numeri: 63mila aspiranti medici si stanno contendendo gli appena 9mila posti a disposizione.

Anche in considerazione di quanto accaduto due anni fa per le Scuole di specializzazione in Medicina, quando furono proprio gli errori contenuti nel test a provocare la riammissione in sovrannumero dei candidati esclusi, è prevedibile che chi oggi ha visto i propri sogni infrangersi contro la dura realtà della graduatoria non esiterà ad adire le vie legali. Un’opportunità resa particolarmente ghiotta dalla concreta possibilità di ottenere in tribunale anche un risarcimento in denaro: «La giurisprudenza è chiara: per ogni anno di ritardo nell’ammissione, allo studente spettano fino a 10mila euro», sottolineano gli esperti di Consulcesi.

Articoli correlati
Gas serra e cambiamento climatico: il Tribunale Internazionale per il Diritto del Mare emette la prima advisory opinion
Legali Consulcesi: “Pronuncia storica che sottolinea la responsabilità degli Stati nel contrastare l’inquinamento dell’aria, riconosciuta, insieme al cambiamento climatico, una reale minaccia per i diritti umani”
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...