12 luglio 2018

Stomaco, colon e fegato giganti all’ospedale Gemelli di Roma

Una giornata all’insegna dell’educazione ai corretti stili di vita e alla prevenzione delle malattie del tratto digerente grazie al singolare allestimento di modelli giganti di stomaco, colon e fegato nella hall del Policlinico Gemelli a disposizione dei visitatori per un tour “virtuale” dentro questi importanti organi. Grande la partecipazione del pubblico che ha potuto addentrarsi […]

Una giornata all’insegna dell’educazione ai corretti stili di vita e alla prevenzione delle malattie del tratto digerente grazie al singolare allestimento di modelli giganti di stomaco, colon e fegato nella hall del Policlinico Gemelli a disposizione dei visitatori per un tour “virtuale” dentro questi importanti organi. Grande la partecipazione del pubblico che ha potuto addentrarsi negli organi gastrointestinali del corpo umano, al cui interno personale medico del Policlinico ha illustrato come insorgono le principali patologie del tratto digerente e come mantenerlo in salute.

L’occasione è stata il meeting “Gastro-Urgenze 2018. GI Emergencies: The role of GUT microbiota”, che si è svolto presso l’Aula Brasca della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, dedicato in particolare al ruolo del microbiota intestinale nelle emergenze dell’apparato digerente.

«Quando ho iniziato il mio percorso di studi – ha detto il prof. Rocco Bellantone, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica, in apertura dei lavori – non c’erano grandi conoscenze sulle patologie che colpiscono gli organi gastrointestinali ritenuti meno nobili del cuore e del cervello. Anche grazie all’importante contributo clinico e scientifico della nostra Scuola di Gastroenterologia da allora molti passi in avanti sono stati fatti nello studio delle patologie che colpiscono il tratto digerente. Questo originale meeting unisce l’aggiornamento su uno dei temi promettenti nella medicina qual è il microbiota nella salute e nella malattia dell’uomo, ma anche un momento di educazione sanitaria per la popolazione che rappresenta un ulteriore compito di un policlinico universitario come il nostro».

«Tanti accessi al Pronto Soccorso  – hanno spiegato i presidenti del meeting scientifico, i professori Francesco Franceschi, Direttore UOC Medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso, Antonio Gasbarrini, Direttore Area Gastroenterologia e Oncologia Medica, e Guido Costamagna, Direttore del Dipartimento Scienze Gastroenterologiche, Endocrinologiche e Nefro-Urologiche della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS – riguardano emergenze gastrointestinali, basti pensare che il dolore addominale puro rappresenta circa il 5-10% di tutti gli accessi. Le emergenze principali sono di tipo infettivo e infiammatorio, quali per esempio la gastroenterite acuta, ma anche la diverticolite, l’appendicite o la colecistite, patologie in costante aumento».

Tra gli esperti presenti al meeting scientifico, il professor Francis Megraud, Centre Hospitalier Universitaire de Bordeaux, che ha tenuto una lecture sulla storia dell’Helicobacter pylori, batterio responsabile dell’ulcera.

Tanti gli argomenti trattati nel corso della giornata di lavori: i temi principali vanno dall’importanza del microbiota gastrico e intestinale per la salute generale della persona, alle patologie alcool-correlate (a cura del professor Giovanni Addolorato, dell’Unità Operativa patologie alcol relate del Gemelli), al futuro dell’endoscopia (a cura del professor Guido Costamagna), al ruolo sociale del Pronto soccorso (professoressa Francesca Zuccari della Comunità di Sant’Egidio, signora Gianna Iasilli, responsabile della Villetta della Misericordia e dottor Francesco Rocco Pugliese, Presidente Nazionale della Società Italiana di Medicina D’Emergenza-Urgenza).

Nel pomeriggio si sono svolte una serie di sessioni sulle varie emergenze gastrointestinali che vanno dalle emorragie digestive del tratto superiore e inferiore, alle infezioni (gastroenterite e diverticolite acuta), alle malattie infiammatorie (per esempio il morbo di Crohn o la rettocolite ulcerosa), alle patologie bilio-pancreatiche (colangite e pancreatite) e sull’importanza dei servizi di microbiologia e radiologia dedicati all’emergenza.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...