Università 8 Maggio 2019 12:19

«Il Paese cerca scopritori di possibilità di cure» l’appello di Scaccabarozzi (Pres. Farmindustria) agli studenti di medicina del Campus di Roma

Non più solo in corsia. Oggi i medici servono anche nel settore farmaceutico. È questo il messaggio emerso dall’incontro: “Il farmaco dalla ricerca di base alla terapia: sinergie tra accademia e impresa sulle nuove prospettive occupazionali del settore farmaceutico”, in Università Campus Bio-Medico di Roma. All’evento hanno partecipato Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria, Alessandro Mugelli, […]

Non più solo in corsia. Oggi i medici servono anche nel settore farmaceutico. È questo il messaggio emerso dall’incontro: “Il farmaco dalla ricerca di base alla terapia: sinergie tra accademia e impresa sulle nuove prospettive occupazionali del settore farmaceutico”, in Università Campus Bio-Medico di Roma.

All’evento hanno partecipato Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria, Alessandro Mugelli, Presidente della Società Italiana di Farmacologia e il Professore Giorgio Minotti, Preside della Facoltà dipartimentale di Medicina e Chirurgia, Università Campus Bio-Medico di Roma.

“Se è vero che oggi il 65% dei bambini che frequenta la scuola elementare inizia a studiare per una professione che ancora non esiste, è pur vero che oggi molti dei nostri studenti non sanno che possono percorrere delle strade professionali che già esistono e attendono di essere imboccate. Il medico quindi non è più solo quello in camice bianco, ma può diventare uno scopritore di possibilità di cura. Ed ecco allora che si aprono una serie di bivi professionali, che spesso però i nostri studenti non conoscono”, ha affermato il Preside Minotti.

Un settore, quello farmaceutico, che conta 65.400 occupati diretti e altrettanti nell’indotto, molti dei quali sotto i 35 anni e con una forte presenza femminile. Dal 2018, l’industria farmaceutica italiana ha raggiunto i vertici delle classifiche in ambito europeo per la produzione e, dopo le crisi degli ultimi anni, continua a vivere una stagione di crescita fatta di dinamismo e innovazione continua.

Noi siamo settore che produce vita, produce valore, farmaci e per portare avanti tutte queste attività ci servono le competenze mediche”, ha affermato Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria. Sono soprattutto le direzioni scientifiche e della ricerca le figure più richieste dalle industrie del farmaco.

“Abbiamo difficoltà a trovare proprio medici, perché spesso i laureati in medicina sono spaventati dalla mancanza dell’attività clinica, non sapendo che si può esercitare anche da noi. Infatti, nelle nostre aziende portiamo avanti proprio progetti di ricerca clinica. Per chi decide di entrare a far parte di questo mondo, dunque, ci può essere la possibilità di essere coinvolti in qualcosa di meraviglioso che porta a donare più tempo alla vita e più vita al tempo per i malati che stanno aspettando una cura”, prosegue Scaccabarozzi.

Non solo medici però. Tutte le figure scientifiche sono chiamate a dare il loro contributo nella ricerca farmaceutica. Come ha sottolineato, Alessandro Mugelli presidente della Società Italiana di Farmacologia: “Nella ricerca del farmaco c’è spazio per persone che hanno conoscenze nel campo della biologia e della chimica, gli spazi sono tantissimi. Si va dall’identificazione di nuovi principi attivi, alla farmacogenomica che sta rivoluzionando il mondo della terapia”.

Un mondo, quello dell’industria del farmaco, che ha aperto le sue porte agli studenti dell’Università Campus Bio-Medico di Roma e che trova nei laboratori di ricerca dell’Ateneo romano e nel suo Policlinico Universitario un ambiente che vive a stretto contatto con le dinamiche di sviluppo e innovazione delle nuove cure e dei nuovi dispositivi per le diagnosi e le terapie. Una realtà che è quotidianamente a contatto con tematiche come il livello di spesa per i farmaci, l’appropriatezza delle terapie, le problematiche connesse dell’ospedalizzazione e la cura delle malattie croniche.

“Oggi è una giornata di fertilizzazione reciproca tra chi forma e chi aspetta i nuovi professionisti del futuro. Sappiamo che il mondo dell’industria guarda all’accademia perché ci sono le competenze e le risorse del futuro, che sono gli studenti”, ha concluso il Preside Minotti.

Articoli correlati
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Gli asili nido non compromettono lo sviluppo comportamentale
Cari mamma e papà, niente più sensi di colpa quando si lascia il proprio bambino all'asilo nido, anche se per lungo tempo. Uno studio internazionale ha dimostrato che il tempo trascorso in queste strutture per l'infanzia non compromette lo sviluppo comportamentale dei bambini
Da antipertensivi a ibuprofene, in Italia è allarme carenza farmaci
Antiepilettici, antidepressivi, diuretici, antipertensivi sono diventati quasi introvabili. Così come il paracetamolo e l'ibuprofene, in particolare ai dosaggi indicati per i bambini. In totale in Italia sarebbero circa 3mila i farmaci a rischio reperibilità. Le cause sono diverse e dipendono in parte dalla pandemia e in parte dall'attuale crisi internazionale
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni