Formazione 13 Settembre 2019

Test Medicina, scatta la “corsa al ricorso”. Valsecchi (Bicocca): «2mila borse di specializzazione in più non bastano, servono risorse»

Dopo le segnalazioni di irregolarità tanti studenti stanno valutando di agire per tutelarsi. Secondo Maria Grazia Valsecchi, direttrice del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Bicocca di Milano, «il test può essere sempre migliorato. Di sicuro allo stato attuale una selezione va fatta, essendoci il numero chiuso»

di Federica Bosco

A pochi giorni dal test di accesso alla facoltà di Medicina scatta tra gli studenti la “corsa al ricorso”. Ad alimentare dubbi e sospetti soprattutto i dati emersi da un’analisi di Google trends secondo cui nella notte precedente l’esame sono stati registrati picchi di ricerca su alcuni argomenti comparsi la mattina seguente nelle domande del test.

Errori e irregolarità sono stati segnalati in tutta Italia tanto che Consulcesi, network legale leader nella tutela dei medici, segnala che sono già centinaia le segnalazioni raccolte sul portale www.numerochiuso.info, sui canali social e dai consulenti presenti fisicamente in diverse università in giro per l’Italia.

LEGGI ANCHE: SUPEREROI CONTRO IL NUMERO CHIUSO: «AIUTIAMO I FUTURI MEDICI A SUPERARE IL LORO PRIMO, GRANDE NEMICO»

Eppure, la macchina organizzativa sembrava aver funzionato bene. «Sono stati oltre duemila i ragazzi che hanno partecipato alla selezione – spiega Maria Grazia Valsecchi, direttrice del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Bicocca di Milano – tutto ha funzionato al meglio, grazie al lavoro di un centinaio di addetti, tra docenti e tecnici». Un copione che si è ripetuto in molti atenei dove è stato svolto un lavoro attento e preciso per garantire al massimo i 68919 iscritti e che però potrebbe non bastare. Ecco dunque che il tanto discusso e discutibile numero chiuso ritorna sotto accusa. «La valutazione è sempre difficile da fare – analizza la professoressa Valsecchi – il test può essere sempre migliorato. Di sicuro allo stato attuale qualcosa che porti ad una selezione va fatto, essendoci un numero chiuso… Quest’anno il test è stato lievemente modificato, valuteremo la soddisfazione anche degli utenti».

Il tema della carenza dei camici bianchi da tempo in Italia è attenzionato. Secondo lei quale potrebbe essere una soluzione percorribile per ridurre il gap rispetto gli altri Paesi Europei?

«Prima di tutto devo dire che quest’anno il governo ha fatto delle azioni per incrementare il numero dei posti in tutte le facoltà del 20% e d’altro canto ha anche dato duemila borse in più alle scuole di specialità perché in realtà il problema è sulle scuole di specializzazione: è in quell’ambito che si sente maggiormente la carenza. Ciò che conta poi è che il sistema sanitario abbia le risorse per assumerli. E qui occorre ancora lavorare…».

 

 

Articoli correlati
Facoltà di Medicina di Ferrara, ecco com’è andata la sperimentazione. Il rettore: «Test è sistema selettivo inidoneo»
All’Università di Ferrara primo anno con 600 studenti di Medicina, il triplo degli anni passati. Zauli: «Siamo riusciti a erogare lezioni frontali ed esercitazioni. Con il test d'ingresso selezioniamo in maniera non ottimale chi entra a Medicina e perdiamo per strada potenziali ottimi medici»
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
«Da grande voglio fare il medico ma…». Quando il test di Medicina ti cambia la vita
Quattro aspiranti camici bianchi si raccontano a Sanità Informazione: chi ha superato l’ostacolo del numero chiuso e chi ha lasciato il sogno nel cassetto
Test Medicina, Consulcesi: «50mila non diventeranno medici. Con la prova a crocette a farcela non saranno solo i più bravi, anche i più furbi»
Ogni anno 18mila potenziali ricorrenti e migliaia di riammissioni bocciano il Numero Chiuso. Il presidente Massimo Tortorella «Duemila iscritti in meno scoraggiati dal sistema anti-meritocratico. Vigileremo sulla regolarità della prova in tutte le università italiane»
Test Medicina, al via le iscrizioni. Ecco la suddivisione di posti per ateneo
Ci si può iscrivere al test di Medicina dal primo al 23 luglio. Sono 13.072 i posti disponibili (1.500 in più rispetto allo scorso anno)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...