Formazione 13 Settembre 2019 09:16

Test Medicina, scatta la “corsa al ricorso”. Valsecchi (Bicocca): «2mila borse di specializzazione in più non bastano, servono risorse»

Dopo le segnalazioni di irregolarità tanti studenti stanno valutando di agire per tutelarsi. Secondo Maria Grazia Valsecchi, direttrice del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Bicocca di Milano, «il test può essere sempre migliorato. Di sicuro allo stato attuale una selezione va fatta, essendoci il numero chiuso»

di Federica Bosco

A pochi giorni dal test di accesso alla facoltà di Medicina scatta tra gli studenti la “corsa al ricorso”. Ad alimentare dubbi e sospetti soprattutto i dati emersi da un’analisi di Google trends secondo cui nella notte precedente l’esame sono stati registrati picchi di ricerca su alcuni argomenti comparsi la mattina seguente nelle domande del test.

Errori e irregolarità sono stati segnalati in tutta Italia tanto che Consulcesi, network legale leader nella tutela dei medici, segnala che sono già centinaia le segnalazioni raccolte sul portale www.numerochiuso.info, sui canali social e dai consulenti presenti fisicamente in diverse università in giro per l’Italia.

LEGGI ANCHE: SUPEREROI CONTRO IL NUMERO CHIUSO: «AIUTIAMO I FUTURI MEDICI A SUPERARE IL LORO PRIMO, GRANDE NEMICO»

Eppure, la macchina organizzativa sembrava aver funzionato bene. «Sono stati oltre duemila i ragazzi che hanno partecipato alla selezione – spiega Maria Grazia Valsecchi, direttrice del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Bicocca di Milano – tutto ha funzionato al meglio, grazie al lavoro di un centinaio di addetti, tra docenti e tecnici». Un copione che si è ripetuto in molti atenei dove è stato svolto un lavoro attento e preciso per garantire al massimo i 68919 iscritti e che però potrebbe non bastare. Ecco dunque che il tanto discusso e discutibile numero chiuso ritorna sotto accusa. «La valutazione è sempre difficile da fare – analizza la professoressa Valsecchi – il test può essere sempre migliorato. Di sicuro allo stato attuale qualcosa che porti ad una selezione va fatto, essendoci un numero chiuso… Quest’anno il test è stato lievemente modificato, valuteremo la soddisfazione anche degli utenti».

Il tema della carenza dei camici bianchi da tempo in Italia è attenzionato. Secondo lei quale potrebbe essere una soluzione percorribile per ridurre il gap rispetto gli altri Paesi Europei?

«Prima di tutto devo dire che quest’anno il governo ha fatto delle azioni per incrementare il numero dei posti in tutte le facoltà del 20% e d’altro canto ha anche dato duemila borse in più alle scuole di specialità perché in realtà il problema è sulle scuole di specializzazione: è in quell’ambito che si sente maggiormente la carenza. Ciò che conta poi è che il sistema sanitario abbia le risorse per assumerli. E qui occorre ancora lavorare…».

 

 

Articoli correlati
Concorso Medici di Medicina Generale, in Lombardia si presentano in 750 per 174 posti
Tra i candidati prevale la convinzione che la medicina territoriale vada cambiata
di Federica Bosco
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
Numero chiuso Medicina: dal Consiglio di Stato via libera a frequenza corsi a chi è entrato con riserva
L’ordinanza 590/221 sottolinea l’«urgenza di proseguire gli studi». Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Ancora una volta si è dovuti passare per i Tribunali per ottenere il diritto allo studio»
Numero chiuso, polemica in Sardegna. Pd: «Abolirlo non risolverebbe problema. Soluzione è aumentare le borse di specializzazione»
Una nota congiunta di Paola Boldrini, Vice Presidente Comm. Igiene e Sanità, Gianfranco Ganau, capogruppo del Pd al Consiglio regionale della Sardegna e Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione sanitaria del Pd contesta l'ipotesi avanzata dal senatore Carlo Doria di abolire il numero chiuso
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco