Formazione 13 Settembre 2019

Test Medicina, scatta la “corsa al ricorso”. Valsecchi (Bicocca): «2mila borse di specializzazione in più non bastano, servono risorse»

Dopo le segnalazioni di irregolarità tanti studenti stanno valutando di agire per tutelarsi. Secondo Maria Grazia Valsecchi, direttrice del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Bicocca di Milano, «il test può essere sempre migliorato. Di sicuro allo stato attuale una selezione va fatta, essendoci il numero chiuso»

di Federica Bosco

A pochi giorni dal test di accesso alla facoltà di Medicina scatta tra gli studenti la “corsa al ricorso”. Ad alimentare dubbi e sospetti soprattutto i dati emersi da un’analisi di Google trends secondo cui nella notte precedente l’esame sono stati registrati picchi di ricerca su alcuni argomenti comparsi la mattina seguente nelle domande del test.

Errori e irregolarità sono stati segnalati in tutta Italia tanto che Consulcesi, network legale leader nella tutela dei medici, segnala che sono già centinaia le segnalazioni raccolte sul portale www.numerochiuso.info, sui canali social e dai consulenti presenti fisicamente in diverse università in giro per l’Italia.

LEGGI ANCHE: SUPEREROI CONTRO IL NUMERO CHIUSO: «AIUTIAMO I FUTURI MEDICI A SUPERARE IL LORO PRIMO, GRANDE NEMICO»

Eppure, la macchina organizzativa sembrava aver funzionato bene. «Sono stati oltre duemila i ragazzi che hanno partecipato alla selezione – spiega Maria Grazia Valsecchi, direttrice del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Bicocca di Milano – tutto ha funzionato al meglio, grazie al lavoro di un centinaio di addetti, tra docenti e tecnici». Un copione che si è ripetuto in molti atenei dove è stato svolto un lavoro attento e preciso per garantire al massimo i 68919 iscritti e che però potrebbe non bastare. Ecco dunque che il tanto discusso e discutibile numero chiuso ritorna sotto accusa. «La valutazione è sempre difficile da fare – analizza la professoressa Valsecchi – il test può essere sempre migliorato. Di sicuro allo stato attuale qualcosa che porti ad una selezione va fatto, essendoci un numero chiuso… Quest’anno il test è stato lievemente modificato, valuteremo la soddisfazione anche degli utenti».

Il tema della carenza dei camici bianchi da tempo in Italia è attenzionato. Secondo lei quale potrebbe essere una soluzione percorribile per ridurre il gap rispetto gli altri Paesi Europei?

«Prima di tutto devo dire che quest’anno il governo ha fatto delle azioni per incrementare il numero dei posti in tutte le facoltà del 20% e d’altro canto ha anche dato duemila borse in più alle scuole di specialità perché in realtà il problema è sulle scuole di specializzazione: è in quell’ambito che si sente maggiormente la carenza. Ciò che conta poi è che il sistema sanitario abbia le risorse per assumerli. E qui occorre ancora lavorare…».

 

 

Articoli correlati
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...