Formazione 18 Novembre 2019 13:28

Specializzandi, Tuzi (M5S): «In legge di Bilancio al momento non c’è un euro per le borse. Ne servono almeno 4mila»

Il deputato Cinque Stelle, da sempre vicino alle tematiche degli specializzandi, cita anche il problema dei nullaosta delle scuole non accreditate che non arrivano: «Sono professionisti che vogliono formarsi nella scuola migliore possibile. Ho già presentato un’interrogazione al ministero competente, ne presenterò delle altre, perché anche i giudici ci stanno dando ragione»

«Nella Legge di Bilancio ancora non c’è un euro per le borse di specializzazione, ma quest’anno servono almeno 4mila borse strutturali e sono anche poche», così il deputato del Movimento 5 Stelle Manuel Tuzi commentando la Legge di Bilancio su cui è al lavoro il Governo.

Tuzi spiega: «Ci sono due ministeri competenti per la richiesta di risorse. L’anno scorso tra MMG e SSM si trovarono oltre 4mila nuovi posti e non era sufficiente. Era di più di quanto avesse messo il precedente governo in 5 anni, certo, ma oggi bisogna fare uno sforzo ulteriore, perché il sistema sta implodendo e l’imbuto sta aumentando».

«Non c’è solo questo – aggiunge il deputato medico -, c’è un problema ancora più urgente e ne va della formazione dei nostri giovani medici, si deve dare delle risposte alle centinaia di specializzandi a cui non viene rilasciato il nullaosta, sono professionisti che vogliono formarsi nella scuola migliore possibile. Se la scuola non è accreditata o non ha richiesto l’accreditamento deve lasciar andare i ragazzi».

LEGGI ANCHE: «SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE NON ACCREDITATE NEGANO NULLA OSTA AL TRASFERIMENTO». LA DENUNCIA DI TUZI (M5S)

Manuel Tuzi che da tempo è al lavoro per la categoria dei medici specializzandi annuncia: «Ho già presentato un’interrogazione al ministero competente, ne presenterò delle altre, perché anche i giudici ci stanno dando ragione e stanno dando riscontro positivo ai giovani medici. Ci sono decisioni dell’Osservatorio che le Università hanno ignorato e questo non è più accettabile. Serve una riforma globale del sistema e dell’osservatorio nazionale a cui vanno dati i poteri necessari per gestire queste vicende. I giovani specializzandi non sono di proprietà delle scuole, ma sono giovani professionisti che hanno bisogno di avere la migliore formazione possibile dallo Stato. Viene data una borsa di formazione pagata con soldi pubblici, non dalle Università, come cittadino italiano e come medico, pretendo che i futuri medici del domani siano formati nelle migliori scuole possibili e non intrappolati per colpa di qualche professore universitario in una scuola che non ha i requisiti».

«Questa è una battaglia in cui deve essere coinvolta anche la FNOMCeO, che deve sostenere i giovani camici che si trovano in questa situazione, servono risposte. Serve un’ordinanza subito da parte del ministero che chiarisca la situazione», conclude l’esponente 5 Stelle.

Articoli correlati
SOS giovani, al Convegno M5S anche pediatri e psicologi: «Con pandemia disturbi del neurosviluppo e dell’umore»
«Dobbiamo fare una cosa importante per i nostri ragazzi: vederli, ascoltarli, coinvolgerli. Durante questa pandemia hanno sofferto molto, è aumentata la dispersione scolastica, le patologie dei più giovani» ha spiegato il sottosegretario all'Istruzione Barbara Floridia tra i protagonisti dell'evento "Sos giovani. Prevenire è meglio che curare"
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Rete Registro Tumori, M5S a Speranza: «Subito decreto attuativo per istituzione referto epidemiologico»
La capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità del Senato, Elisa Pirro, chiede inoltre quale sede fisica si intenda individuare per ospitare il registro tumori nazionale
Sanità in Calabria, Misiti (M5S): «Carenza personale sanitario aggrava situazione già difficile. Basta spettacolarizzazione dei media»
Misiti contesta la narrazione dei media che spesso parlano «di una sanità calabrese che non ha nulla da offrire, al pari di un territorio sottosviluppato». Secondo il deputato e medico M5S «non si può di certo negare che l’attrattiva per i giovani professionisti, medici, infermieri e oss sia pressoché nulla» e dunque bisogna «cambiare paradigma»
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM