Formazione 18 Novembre 2019

Specializzandi, Tuzi (M5S): «In legge di Bilancio al momento non c’è un euro per le borse. Ne servono almeno 4mila»

Il deputato Cinque Stelle, da sempre vicino alle tematiche degli specializzandi, cita anche il problema dei nullaosta delle scuole non accreditate che non arrivano: «Sono professionisti che vogliono formarsi nella scuola migliore possibile. Ho già presentato un’interrogazione al ministero competente, ne presenterò delle altre, perché anche i giudici ci stanno dando ragione»

«Nella Legge di Bilancio ancora non c’è un euro per le borse di specializzazione, ma quest’anno servono almeno 4mila borse strutturali e sono anche poche», così il deputato del Movimento 5 Stelle Manuel Tuzi commentando la Legge di Bilancio su cui è al lavoro il Governo.

Tuzi spiega: «Ci sono due ministeri competenti per la richiesta di risorse. L’anno scorso tra MMG e SSM si trovarono oltre 4mila nuovi posti e non era sufficiente. Era di più di quanto avesse messo il precedente governo in 5 anni, certo, ma oggi bisogna fare uno sforzo ulteriore, perché il sistema sta implodendo e l’imbuto sta aumentando».

«Non c’è solo questo – aggiunge il deputato medico -, c’è un problema ancora più urgente e ne va della formazione dei nostri giovani medici, si deve dare delle risposte alle centinaia di specializzandi a cui non viene rilasciato il nullaosta, sono professionisti che vogliono formarsi nella scuola migliore possibile. Se la scuola non è accreditata o non ha richiesto l’accreditamento deve lasciar andare i ragazzi».

LEGGI ANCHE: «SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE NON ACCREDITATE NEGANO NULLA OSTA AL TRASFERIMENTO». LA DENUNCIA DI TUZI (M5S)

Manuel Tuzi che da tempo è al lavoro per la categoria dei medici specializzandi annuncia: «Ho già presentato un’interrogazione al ministero competente, ne presenterò delle altre, perché anche i giudici ci stanno dando ragione e stanno dando riscontro positivo ai giovani medici. Ci sono decisioni dell’Osservatorio che le Università hanno ignorato e questo non è più accettabile. Serve una riforma globale del sistema e dell’osservatorio nazionale a cui vanno dati i poteri necessari per gestire queste vicende. I giovani specializzandi non sono di proprietà delle scuole, ma sono giovani professionisti che hanno bisogno di avere la migliore formazione possibile dallo Stato. Viene data una borsa di formazione pagata con soldi pubblici, non dalle Università, come cittadino italiano e come medico, pretendo che i futuri medici del domani siano formati nelle migliori scuole possibili e non intrappolati per colpa di qualche professore universitario in una scuola che non ha i requisiti».

«Questa è una battaglia in cui deve essere coinvolta anche la FNOMCeO, che deve sostenere i giovani camici che si trovano in questa situazione, servono risposte. Serve un’ordinanza subito da parte del ministero che chiarisca la situazione», conclude l’esponente 5 Stelle.

Articoli correlati
Disabilità, D’Arrando (M5S) lancia il ‘budget di salute’: «Così mettiamo la persona al centro di un progetto terapeutico personalizzato»
«L’obiettivo è un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata nella comunità», sottolinea la deputata M5S Celeste D’Arrando. Nella legge di Bilancio previsto un piano nazionale per la disabilità di 1,3 miliardi di euro
Duemila posti in più, fondo ad hoc e meccanismo ‘recupera-borse’: ecco la riforma delle specializzazioni e della laurea abilitante targata M5S
Il pentastellato Manuel Tuzi ha presentato alla Camera il testo. Tra le novità un fondo che avrà un iban pubblico finanziabile da soggetti privati, da medici, da enti, fondazioni e federazioni in maniera trasparente. «Serviva un intervento strutturale che aumentasse la capacità formativa degli atenei oltre le 11.500 unità» sottolinea il deputato M5S
Patto per la Salute, raggiunta l’intesa. Accordo sul ‘care giver’ familiare e specializzandi in corsia
La Conferenza delle Regioni ha dato il via libera, unanime, al documento di programmazione 2019-2021 che attende ora soltanto il passaggio formale della Conferenza Stato-Regioni
Legge di Bilancio | FederSpecializzandi, Sigm, Movimento Giotto e Aim: «Non bastano 900 borse in più, ne servono 2mila»  
Nell'appello la richiesta di «affiancare le Regioni nel processo di pianificazione del fabbisogno di medici in risposta al bisogno di salute della popolazione, e, dall’altro, potenziare il sistema di accreditamento delle Scuole di Specializzazione»
Allattamento al seno, due Ddl per promuoverlo. Mautone (M5S): «Raddoppiare periodo di riposo della madre nei primi sei mesi»
«Il latte materno è unico nel suo genere sottolinea il senatore e pediatra Cinque Stelle -. Per questo bisogna agire su due fronti: promuovere l'importanza di allattare al seno, laddove non vi sono patologie che lo impediscono, e aiutare le mamme a poterlo fare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...