Formazione 21 Luglio 2015 17:36

SPECIALE E-BOLA. Cinema e formazione, la nuova frontiera ECM protagonista in tutto il mondo 

Tavola Rotonda patrocinata da Ministero della Salute e Ministero degli Esteri. Presentato il progetto “Film Formazione” di Consulcesi per gli operatori sanitari. Grande eco mediatica sulla stampa italiana ed estera per l’innovativa iniziativa

SPECIALE E-BOLA. Cinema e formazione, la nuova frontiera ECM protagonista in tutto il mondo 

Se c’è una lezione da imparare dopo aver visto morire più di 11mila persone per colpa di un virus, in questo caso Ebola, è quella che dimostra quanto sia importante una formazione omogenea e di alto livello per il personale sanitario di tutto il mondo. Formazione che può essere diffusa utilizzando modalità di fruizione innovative (come quelle che uniscono il web e il cinema). Un esempio, in questo senso, è “e-bola”, film formativo disponibile in streaming al sito www.ebola-movie.com.


È quanto emerge dalla Tavola rotonda istituzionale che si è riunita nei giorni scorsi al Ministero della Salute. Al progetto, chiamato – per l’appunto – “La lezione di E-bola”, organizzato da Consulcesi Group e patrocinato dai Ministeri della Salute e degli Esteri, hanno partecipato in qualità di relatori il Ministro Plenipotenziario e Capo dell’Ufficio Emergenze del Ministero degli Esteri Mario Baldi, il Direttore Ufficio Malattie Infettive e profilassi del Ministero della Salute Maria Grazia Pompa, il “paziente zero” e medico di Emergency Fabrizio Pulvirenti, il Direttore Scientifico dell’ INMI “Lazzaro Spallanzani” di Roma, Prof. Giuseppe Ippolito, il Capo del Servizio Sanitario Aeronautica Militare, Generale Ispettore Piervalerio Manfroni e il CEO di Consulcesi Group Massimo Tortorella. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha invece preso parte all’evento attraverso un messaggio in cui, dopo aver ringraziato Consulcesi «per aver proposto questa iniziativa formativa ed informativa», ha ricordato quanto di buono fatto dall’Italia nella gestione dei due casi di Ebola che hanno toccato il nostro territorio.

Dalla tavola sono emerse varie posizioni e indicazioni provenienti dalle istituzioni italiane ed internazionali intervenute, che ora puntano a sollecitare la creazione di un coordinamento internazionale per la formazione a distanza per affrontare le presenti e future emergenze sanitarie mondiali. Il bilancio fatto dai relatori di fronte ad una folta platea di giornalisti e diplomatici di ogni parte del mondo è stato, infatti, molto duro: davanti all’emergenza Ebola il sistema ha mostrato tutte le sue criticità, evidenziando la necessità di formare ed informare adeguatamente i cittadini e soprattutto il personale sanitario nel mondo.

Ne è convinto Fabrizio Pulvirenti, il primo operatore sanitario italiano costretto a pagare con settimane di febbri emorragiche – e la paura di non sopravvivere – la voglia di salvare vite umane: «Formazione ed informazione – ha spiegato – giocano un ruolo chiave, ma l’attualità ci dimostra che ne serve sempre di più, così come si avverte la necessità di un coordinamento internazionale». Stando a quanto dichiarato invece dal Direttore Scientifico dell’ INMI “Lazzaro Spallanzani” di Roma, Prof. Giuseppe Ippolito, è «fondamentale investire nella formazione e nell’informazione» in quanto «c’è un calo d’attenzione nei confronti delle malattie infettive quando invece sarebbe necessario continuare ad investire».

La chiave di questo progetto formativo ed informativo promosso da Consulcesi è “e-bola”, film diretto dal regista Christian Marazziti e realizzato da Falcon Production, casa di produzione internazionale specializzata nella realizzazione di pellicole formative per medici. Il lungometraggio, disponibile in streaming gratuito per tutti, è affiancato da una serie di pillole informative accreditate Agenas che valgono 16 crediti ECM. “e-bola” è dunque il primo film al mondo ad unire cinema e formazione ed è stato realizzato con la consulenza scientifica dei medici e delle strutture – l’istituto per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” e l’Università “Sapienza” di Roma – che hanno fronteggiato il virus. Un progetto che, a pochi giorni dalla presentazione, ha già riscosso un enorme successo a livello mondiale: dagli americani CNBC e Boston Globe, ai francesi France 5 Tv (che ha trasmesso un approfondimento durante la trasmissione “Le magazine de la santé”), Allocine e Santé Médecine, agli inglesi di Medical News Today, sono centinaia i giornali internazionali e le televisioni che ne hanno parlato.

«”e-bola” – ha dichiarato infine Tortorella – è solo il primo di una serie di “Film Formazione” che rappresentano uno strumento di aggiornamento professionale innovativo e indispensabile per i professionisti sanitari di tutto il pianeta. Con questa pellicola abbiamo sperimentato un nuovo modo di formare, interessando l’operatore sanitario insieme al grande pubblico cercando di rendere più fruibile una storia tragicamente vera».

Articoli correlati
La medicina legale con Anelli. Palermo (Comlas): «Formazione continua indispensabile, non si finisce mai di studiare»
Vincenza Palermo (Presidente Comlas), Alessandro Dell’Erba (Presidente Famli) e Raffaele Migliorini (Medico legale Inps) concordano con il Presidente Fnomceo sulla importanza dell’aggiornamento professionale nell’ambito della medicina legale e della responsabilità sanitaria
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...