Formazione 5 settembre 2017

Ritardi record per l’accesso a scuole di specializzazione: «Accreditamento subito» il Sit-in al Giovani Medici Day 2017

I primi a scendere in piazza i camici bianchi del Segretariato Italiano Giovani Medici. Andrea Silenzi (Presidente Sigm): «Nell’incertezza 15mila aspiranti specializzandi, è ora di chiudere la partita»

«Questo mese è trascorso inutilmente, con un rimpallo di responsabilità che non ha risolto la questione: serve il bando di concorso, subito, senza ulteriori esitazioni perché gli specializzandi sono risorse fondamentali per la sanità di domani». Lo dichiara Andrea Silenzi, il Presidente del Segretariato Italiano Giovani Medici, portavoce della protesta contro i ritardi record del concorso di accesso alle specializzazioni mediche arenato nel processo di accreditamento delle scuole secondo la riforma prevista dal Decreto interministeriale 402/2017.

Giovani medici aspiranti specializzandi, arrivati da tutta l’Italia, si sono riuniti oggi in sit-in davanti a palazzo Montecitorio per il #GiovaniMediciDay2017 programmato per chiedere l’immediata pubblicazione del bando con il nuovo regolamento di concorso che includa l’attribuzione dei contratti alle scuole di specializzazione già pre-accreditate dall’Osservatorio Nazionale.

LEGGI ANCHE: SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN MEDICINA: «ECCO IL PERCHÉ DELLE BOCCIATURE»

«La nostra associazione ha invocato questa manifestazione e organizzato il #GiovaniMediciDay2017 per rispondere alle esigenze degli aspiranti specializzandi in attesa del bando di concorso per accedere alle scuole di specializzazione. Sono passati oramai diversi mesi da quello che doveva essere il termine di uscita del bando di concorso – spiega Silenzi -. C’è stato un ritardo preventivato inizialmente perché erano state promesse delle migliorie dai Ministeri, in primis quella dell’accreditamento delle scuole di specializzazione, quindi permettere agli specializzandi di ricevere una formazione soltanto nei reparti di qualità, ma è passato troppo tempo ed è ora di dare risposte. Basta perdere tempo prezioso, è ora di chiudere la partita».

La Sigm inoltre chiede maggiori investimenti da parte dello Stato e delle singole Regioni sul capitolo della formazione post-lauream di area medica. «Uno degli obiettivi della manifestazione di oggi – prosegue il presidente di Sigm – in accordo con il passato è anche richiamare l’attenzione sulla programmazione. Ciò significa fare una stima, come sistema Paese, di quanti medici abbiamo bisogno in futuro e quali coperture economiche garantire ai neo-laureati. Non è un vezzo specializzarsi, non è un qualcosa che spetta di diritto ai giovani medici, è qualcosa d’importantissimo perché senza la specializzazione non possono essere utili al nostro Servizio Sanitario Nazionale. Sicuramente servirà nella prossima finanziaria un maggior stanziamento di fondi per poter rispondere a questa criticità»

Articoli correlati
Inail, firmato accordo recepimento Acn specialistica ambulatoriale
Nei prossimi mesi nuova convocazione per discutere la parte economica del triennio 2016-2018 e i relativi arretrati. Cisl Medici: «Grande soddisfazione»
Come sarà l’ospedale del futuro? Andrea Silenzi (SIMM): «Medici e intelligenza artificiale lavoreranno insieme»
«Servono nuove competenze per gestire il progresso». L’intervista al Presidente della Società Giovani Medici
Carenza medici, Consulcesi: «Bene SIGM, elezioni occasione per riprogrammare la sanità»
Anche la principale realtà di tutela della classe medica appoggia la posizione di Andrea Silenzi, Presidente SIGM: «Felici che il tema della programmazione dei medici sia entrato nel dibattito della campagna elettorale. Prioritaria nuova programmazione quali-quantitativa metodologicamente fondata»
Rinnovo FNOMCeO, AIM e SIGM: «Si avvii rifondazione della Professione medica in linea con evoluzione del sistema salute»
In merito al rinnovo del Comitato Centrale FNOMCeO, l’Associazione Italiana Medici (AIM) e l’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) si dichiarano solidali con la posizione del Presidente dell’Ordine dei Medici di Piacenza, ossia ad avviare un percorso di rifondazione della Professione medica e dell’istituzione ordinistica che sia in linea con l’evoluzione del sistema salute. L’Associazione Italiana Medici (AIM) e […]
Legge di stabilità, Giovani Medici SIGM: «Grave attentato al futuro del SSN»
«Zero euro per contratti di formazione medica post lauream. Grave responsabilità del Governo. Totale assenza della Politica tutta e delle Istituzioni, sorde alle giuste richieste delle nuove generazioni di camici bianchi. Grave attentato al futuro del Servizio Sanitario Nazionale». Questo il pensiero e la delusione espressi dai Giovani Medici SIGM sulla Legge di Stabilità. «L’Associazione Italiana Giovani […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...