Formazione 5 Settembre 2017

Ritardi record per l’accesso a scuole di specializzazione: «Accreditamento subito» il Sit-in al Giovani Medici Day 2017

I primi a scendere in piazza i camici bianchi del Segretariato Italiano Giovani Medici. Andrea Silenzi (Presidente Sigm): «Nell’incertezza 15mila aspiranti specializzandi, è ora di chiudere la partita»

«Questo mese è trascorso inutilmente, con un rimpallo di responsabilità che non ha risolto la questione: serve il bando di concorso, subito, senza ulteriori esitazioni perché gli specializzandi sono risorse fondamentali per la sanità di domani». Lo dichiara Andrea Silenzi, il Presidente del Segretariato Italiano Giovani Medici, portavoce della protesta contro i ritardi record del concorso di accesso alle specializzazioni mediche arenato nel processo di accreditamento delle scuole secondo la riforma prevista dal Decreto interministeriale 402/2017.

Giovani medici aspiranti specializzandi, arrivati da tutta l’Italia, si sono riuniti oggi in sit-in davanti a palazzo Montecitorio per il #GiovaniMediciDay2017 programmato per chiedere l’immediata pubblicazione del bando con il nuovo regolamento di concorso che includa l’attribuzione dei contratti alle scuole di specializzazione già pre-accreditate dall’Osservatorio Nazionale.

LEGGI ANCHE: SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN MEDICINA: «ECCO IL PERCHÉ DELLE BOCCIATURE»

«La nostra associazione ha invocato questa manifestazione e organizzato il #GiovaniMediciDay2017 per rispondere alle esigenze degli aspiranti specializzandi in attesa del bando di concorso per accedere alle scuole di specializzazione. Sono passati oramai diversi mesi da quello che doveva essere il termine di uscita del bando di concorso – spiega Silenzi -. C’è stato un ritardo preventivato inizialmente perché erano state promesse delle migliorie dai Ministeri, in primis quella dell’accreditamento delle scuole di specializzazione, quindi permettere agli specializzandi di ricevere una formazione soltanto nei reparti di qualità, ma è passato troppo tempo ed è ora di dare risposte. Basta perdere tempo prezioso, è ora di chiudere la partita».

La Sigm inoltre chiede maggiori investimenti da parte dello Stato e delle singole Regioni sul capitolo della formazione post-lauream di area medica. «Uno degli obiettivi della manifestazione di oggi – prosegue il presidente di Sigm – in accordo con il passato è anche richiamare l’attenzione sulla programmazione. Ciò significa fare una stima, come sistema Paese, di quanti medici abbiamo bisogno in futuro e quali coperture economiche garantire ai neo-laureati. Non è un vezzo specializzarsi, non è un qualcosa che spetta di diritto ai giovani medici, è qualcosa d’importantissimo perché senza la specializzazione non possono essere utili al nostro Servizio Sanitario Nazionale. Sicuramente servirà nella prossima finanziaria un maggior stanziamento di fondi per poter rispondere a questa criticità»

Articoli correlati
«La risposta allo smaltimento delle liste d’attesa non può essere l’impiego degli specializzandi»
di Federica Orlando, Vice Presidente Vicario del Segretariato Italiano Giovani Medici
di Federica Orlando, Vice Presidente Vicario del SIGM
Scuole di specializzazione, pubblicata la data in cui si svolgerà il concorso di ammissione
Domani i giovani medici in piazza Monte Citorio per richiedere la riforma del sistema formativo
Le nostre richieste per il Ministero dell’Università e della Ricerca
di Segretariato Italiano Giovani Medici SIGM
di Segretariato Italiano Giovani Medici SIGM
Formazione specialistica, nel decreto “Maggio” 4-5mila borse in più. Lavagno (SIGM): «Speriamo non le cancellino di nuovo, è l’ultima occasione»
Il Coordinatore del Dipartimento per la formazione Post-Laurea del Segretariato: «Il personale siamo noi e avremmo dovuto essere formati tempo fa per poter lavorare in questa emergenza. Dovesse presentarsi un’altra situazione simile, saremmo punto a capo, se non peggio»
Ora basta! Vogliamo il rispetto del ruolo degli specializzandi e il riconoscimento del lavoro svolto
degli Specializzandi rete Covid-19 Regione Lazio
di Specializzandi rete Covid-19 Regione Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli