Formazione 7 Febbraio 2019 13:16

Formazione, Vanja Ciolli (CeOR): «Aggiornamento fondamentale, tecnico ortopedico responsabile sicurezza dispositivi e qualità processi di produzione»

«Il tecnico ortopedico è obbligato da norme regionali e nazionali ad aggiornarsi al passo con l’evoluzione continua in medicina e a rispondere ai crediti formativi necessari» dichiara Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR) a Sanità Informazione

I tecnici ortopedici non solo sono tenuti a formarsi ed aggiornarsi perché hanno la responsabilità di verificare la sicurezza d’uso dei dispositivi sanitari ma anche a sottoscrivere un’assicurazione per la responsabilità civile professionale. Secondo Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR), tutto rientra «nell’insieme dei processi qualitativi» per garantire un rapporto di fiducia con il cittadino-paziente.

Chi è e di che cosa si occupa il tecnico ortopedico? «Identifichiamo innanzitutto qual è la figura professionale del tecnico ortopedico – spiega  Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR) a Sanità Informazione in occasione del convegno ‘Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive’ organizzato da UIF presso la Corte d’Appello di Roma con OMCeO Roma e la partnership media della nostra testata -. Si tratta di un operatore sanitario che sulla base di una diagnosi medica, partecipa all’individuazione di un percorso riabilitativo individuale e pone in opera, realizza, progetta, applica e adatta dei dispositivi medici per l’appunto di diversa natura: funzionale, sostitutiva, compensativa, correttiva. Parliamo di dispositivi medici che possono essere esoscheletrici o meccanici».

Chi sono i fruitori del servizio? «Invalidi civili, minori, disabili. Per questo, l’aspetto formativo è fondamentale. Il tecnico ortopedico è giustamente tenuto, per una serie di norme regionali e nazionali ad essere evidentemente aggiornato, al passo con l’evoluzione continua in medicina e a rispondere ai crediti formativi necessari, e non solo. È responsabile anche della qualità dei processi di produzione – prosegue Ciolli – in un campo “borderline” tra l’artigianato e l’industria, nel senso che adatta dei presidi su misura finiti ma progetta e realizza dei prodotti anche artigianali.

Il tecnico ortopedico ha anche un altro compito: «Firma delle dichiarazioni di conformità che sono sostitutive, ad esempio del marchio CE. Abbiamo un rapporto importante con il paziente e fruitore finale, perché siamo noi che andiamo ad adattare e a correggere – e nel tempo a visionare e supervisionare –  i lavori che vengono consegnati per l’appunto ad una fascia così debole della popolazione».

Articoli correlati
Le pubblicazioni scientifiche danno diritto a crediti ECM?
Sì, sono una tipologia di formazione individuale, secondo quanto stabilito al paragrafo 3.2.1 (Pubblicazioni scientifiche) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario. I professionisti sanitari autori di pubblicazioni scientifiche censite nelle banche dati internazionali Scopus e Web of Science/Web of Knowledge maturano il diritto al riconoscimento, per singola pubblicazione, di: – 3 crediti (se […]
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Covid: con pandemia aumentano allergie da ‘interni’
Gli acari i principali nemici. I rimedi degli esperti per rimuoverli
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...