Formazione 13 ottobre 2017

Formazione ECM, Chiriatti (FIMMG Roma): «Scadenza si avvicina, FAD soluzione utile e semplice per ottemperare obbligo»

Il Vicesegretario Provinciale Vicario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale parla ai nostri microfoni dell’imminente fine della proroga: «Abbiamo visto tutti cosa è successo ai medici competenti. Spero non si ripeta un caso simile»

L’obbligo ECM è un problema che «è cascato un po’ in testa, negli ultimi anni, a diversi medici». Basti pensare a quel che è successo «ai medici competenti, che hanno avuto i guai che tutti sappiamo e che sono stati ampiamente raccontati dalla stampa». L’obiettivo di questi ultimi mesi di proroga è dunque quello di «evitare il ripetersi di situazioni simili», anche se è verosimile pensare che alcuni camici bianchi «potrebbero riscontrare problemi». Alberto Chiriatti, Vicesegretario Provinciale Vicario FIMMG Roma, spiega ai nostri microfoni come i medici di medicina generale si stanno preparando all’ormai imminente fine della proroga di un anno concessa ai camici bianchi per mettersi in regola con l’obbligo formativo per il triennio 2014-2016. E consiglia: «La Formazione a Distanza è un ottimo strumento, semplice e veloce, per acquisire tutti i crediti necessari».

Un tema molto importante per i medici, soprattutto in questo periodo, è quello dell’aggiornamento ECM. Siamo vicinissimi alla scadenza della proroga. Possiamo tracciare un bilancio di come è andata e fare uno stato dell’arte della situazione?

«Quello della formazione continua è un problema che ci è un po’ cascato in testa negli ultimi anni soprattutto ai colleghi un po’ meno attenti a certe situazioni. Ricordiamo il caso dei medici competenti che hanno avuto i problemi che tutti sappiamo, in quanto sono stati raccontati dalla cronaca. In realtà ci sono anche dei vulnus legati a carenze istituzionali. Io e i miei colleghi medici di medicina generale dovremmo avere da contratto almeno due terzi dei crediti ECM forniti in accordo con le Regioni. In realtà, almeno per quanto riguarda il Lazio, che è la Regione in cui opero, questa norma non è mai stata attuata. Per questo si può senza dubbio creare qualche problema per i colleghi nei termini di regolarità della loro posizione nei riguardi dell’aggiornamento professionale».

Siamo vicinissimi alla scadenza della proroga. Può verificarsi un nuovo caso simile ai medici competenti?

«Mi auguro di no, ma il problema potrebbe esserci. Se andiamo a vedere nello specifico la questione, può darsi che un certo numero di colleghi possa riscontrare problemi, specialmente quelli un po’ più avanti con l’età e chi non è molto attento a questo tipo di situazioni. Quindi sicuramente è un qualcosa su cui bisognerebbe intervenire in qualche modo».

Parla di colleghi un po’ disattenti. Dobbiamo dire che in questo periodo però la formazione ECM sta vivendo una fase di trasformazione molto importante. Un dato ormai assodato è che molti suoi colleghi, tanti medici, si aggiornano attraverso la Formazione a Distanza, una modalità di fruizione che permette di sopperire a queste lacune.

«Assolutamente sì, anche perché è venuta un po’ a mancare quello che era il finanziamento per la formazione grazie all’industria. È chiaro che con la diminuzione di investimenti da parte dell’industria sono venute a mancare quelle forme residenziali che spesso aiutavano a raggiungere gli obiettivi richiesti. La FAD è sicuramente una forma avanzata, utile, più semplice di fruizione. La si fa da casa, ma forse non è molto accettata dal collega più anziano proprio perché il confronto con le nuove tecnologie può essere visto come un qualcosa di complicato. Però è il futuro. Sono convinto che le persone più giovani e che hanno magari una maggiore dimestichezza con la tecnica informatica possono sicuramente utilizzarla molto bene. Chi invece è un po’ più avanti con l’età, e ricordo che la categoria dei medici tendenzialmente lo è, tant’è che i medici di famiglia hanno il problema del pensionamento nei prossimi anni, può riscontrare qualche difficoltà».

Articoli correlati
Formazione ECM, Bovenga (Cogeaps): «Numeri in aumento rispetto a trienni precedenti. FAD supererà la residenziale»
I dati illustrati dal presidente del Cogeaps non sono ancora definitivi: «Tutti i professionisti sanitari sono potenzialmente in regola con il triennio 2014-2016. Possono infatti spostare al triennio precedente i crediti conseguiti fino al 31 dicembre 2019. Su una platea di 120mila professionisti, tuttavia, solo 4388 ad oggi hanno usufruito di questa opportunità»
Formazione continua in Medicina, al via l’Evento nazionale ECM, Bevere (AGENAS): “Introdotte novità determinanti”
Adesione record per l’evento organizzato dalla Commissione Nazionale Formazione Continua con il supporto di AGENAS. Coletto, Presidente AGENAS - «Formazione sempre più vissuta come fattore strategico e insostituibile per essere al passo con una sanità in continua evoluzione». Bevere, Dg AGENAS: «Questa due giorni va a concludere un triennio di innovazione e ammodernamento del settore dell’ECM»
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Formazione ECM, Bovenga (Cogeaps): «È un dovere deontologico ma è anche requisito fondamentale per concorsi e iscrizione ad albi»
Al Forum Risk Management di Firenze il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie è intervenuto alla sessione organizzata dalla Simedet. A breve la pubblicazione del nuovo Manuale per la formazione dei professionisti sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...