Formazione 13 ottobre 2017

Formazione ECM, Chiriatti (FIMMG Roma): «Scadenza si avvicina, FAD soluzione utile e semplice per ottemperare obbligo»

Il Vicesegretario Provinciale Vicario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale parla ai nostri microfoni dell’imminente fine della proroga: «Abbiamo visto tutti cosa è successo ai medici competenti. Spero non si ripeta un caso simile»

L’obbligo ECM è un problema che «è cascato un po’ in testa, negli ultimi anni, a diversi medici». Basti pensare a quel che è successo «ai medici competenti, che hanno avuto i guai che tutti sappiamo e che sono stati ampiamente raccontati dalla stampa». L’obiettivo di questi ultimi mesi di proroga è dunque quello di «evitare il ripetersi di situazioni simili», anche se è verosimile pensare che alcuni camici bianchi «potrebbero riscontrare problemi». Alberto Chiriatti, Vicesegretario Provinciale Vicario FIMMG Roma, spiega ai nostri microfoni come i medici di medicina generale si stanno preparando all’ormai imminente fine della proroga di un anno concessa ai camici bianchi per mettersi in regola con l’obbligo formativo per il triennio 2014-2016. E consiglia: «La Formazione a Distanza è un ottimo strumento, semplice e veloce, per acquisire tutti i crediti necessari».

Un tema molto importante per i medici, soprattutto in questo periodo, è quello dell’aggiornamento ECM. Siamo vicinissimi alla scadenza della proroga. Possiamo tracciare un bilancio di come è andata e fare uno stato dell’arte della situazione?

«Quello della formazione continua è un problema che ci è un po’ cascato in testa negli ultimi anni soprattutto ai colleghi un po’ meno attenti a certe situazioni. Ricordiamo il caso dei medici competenti che hanno avuto i problemi che tutti sappiamo, in quanto sono stati raccontati dalla cronaca. In realtà ci sono anche dei vulnus legati a carenze istituzionali. Io e i miei colleghi medici di medicina generale dovremmo avere da contratto almeno due terzi dei crediti ECM forniti in accordo con le Regioni. In realtà, almeno per quanto riguarda il Lazio, che è la Regione in cui opero, questa norma non è mai stata attuata. Per questo si può senza dubbio creare qualche problema per i colleghi nei termini di regolarità della loro posizione nei riguardi dell’aggiornamento professionale».

Siamo vicinissimi alla scadenza della proroga. Può verificarsi un nuovo caso simile ai medici competenti?

«Mi auguro di no, ma il problema potrebbe esserci. Se andiamo a vedere nello specifico la questione, può darsi che un certo numero di colleghi possa riscontrare problemi, specialmente quelli un po’ più avanti con l’età e chi non è molto attento a questo tipo di situazioni. Quindi sicuramente è un qualcosa su cui bisognerebbe intervenire in qualche modo».

Parla di colleghi un po’ disattenti. Dobbiamo dire che in questo periodo però la formazione ECM sta vivendo una fase di trasformazione molto importante. Un dato ormai assodato è che molti suoi colleghi, tanti medici, si aggiornano attraverso la Formazione a Distanza, una modalità di fruizione che permette di sopperire a queste lacune.

«Assolutamente sì, anche perché è venuta un po’ a mancare quello che era il finanziamento per la formazione grazie all’industria. È chiaro che con la diminuzione di investimenti da parte dell’industria sono venute a mancare quelle forme residenziali che spesso aiutavano a raggiungere gli obiettivi richiesti. La FAD è sicuramente una forma avanzata, utile, più semplice di fruizione. La si fa da casa, ma forse non è molto accettata dal collega più anziano proprio perché il confronto con le nuove tecnologie può essere visto come un qualcosa di complicato. Però è il futuro. Sono convinto che le persone più giovani e che hanno magari una maggiore dimestichezza con la tecnica informatica possono sicuramente utilizzarla molto bene. Chi invece è un po’ più avanti con l’età, e ricordo che la categoria dei medici tendenzialmente lo è, tant’è che i medici di famiglia hanno il problema del pensionamento nei prossimi anni, può riscontrare qualche difficoltà».

Articoli correlati
Che cos’è la formazione individuale?
Le attività di “formazione individuale” comprendono tutte le attività formative non erogate da provider accreditati ECM, e possono consistere in: attività di ricerca scientifica, tutoraggio individuale, attività di formazione individuale all’estero e autoformazione. Per maggiori dettagli è possibile consultare il Capitolo 3 (Formazione individuale) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
La frequenza di un evento all’estero non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...