Politica 5 aprile 2016

Allarme ECM: la Commissione valuta la riduzione a 30 crediti «Ma per chi non fa i corsi scattano le sanzioni»

ESCLUSIVA SANITA’ INFORMAZIONE – L’allarme di Luigi Conte FNOMCeO: «Nel 2015 calo preoccupante dei corsi svolti». Agenas segnala trend del triennio positivo, ma il presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi, Ermanno Calcatelli rivela: «Si ragiona sulla riduzione della quota obbligatoria»

Immagine articolo

Ridurre dagli attuali 50 crediti a 30 o 35 crediti la quota ECM da conseguire annualmente». È questa la soluzione “tampone” sul tavolo della nuova Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

A rivelarlo è il presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi (ONB), Ermanno Calcatelli, membro della stessa Commissione: «La proposta viene valutata già dalle primissime riunioni della Commissione ECM (insediatasi nel novembre 2015) proprio perché si è posta subito l’attenzione sul deficit formativo che riguarda molti colleghi. D’altronde la situazione è piuttosto complessa: il Ministero della Salute ha dettato la sua linea politica e sia noi Ordini, che la stessa FNOMCeO, pur cercando di assicurare il massimo supporto, non riusciamo a garantire ai medici più del 50% dei crediti obbligatori».

In una recente intervista Luigi Conte, segretario della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri, ha posto l’attenzione sul calo di frequenze nei corsi durante il 2015, motivandolo principalmente con l’impasse nel riformare la Commissione ECM, rimasta vacante da aprile a novembre scorsi.
Alle preoccupazioni della FNOMCeO sembrano opporsi i dati diffusi dell’Agenas che mettono a confronto i primi 18 mesi del triennio rispetto allo stesso arco del triennio precedente e segnano un aumento del 20% dei crediti assegnati, passati da 13,7 a 16,7 milioni, un incremento del 7,5% del numero di eventi registrati (da 69 a 74mila) e un leggero aumento dei partecipanti, cresciuti del 3%.

«Non si parli di contraddizione – chiarisce Conte – perché l’analisi Agenas, ricavata dai dati del Cogeaps, è relativa al triennio 2014-2016 mentre la nostra analisi è relativa solo al 2015». Per Conte il calo deve essere «un monito alle istituzioni, anche alla luce del fatto che molte aziende si stanno disimpegnando dagli obblighi formativi ed in molte strutture le ore riservate all’aggiornamento vengono sacrificate da quando è entrata in vigore la legge sull’orario di lavoro».

Fondamentale, dunque, far tornare l’aggiornamento al centro del dibattito e contestualmente creare le condizioni per consentire di essere in regola ai professionisti, che già possono comunque far leva sulle potenzialità della formazione a distanza (FAD). «L’intenzione – spiega il presidente Calcatelli anticipando ancora qualche dettaglio delle discussioni in seno alla Commissione ECM – sarebbe quella di abbassare la quota annuale dei crediti solo per un periodo di tempo limitato anche perché sarebbe una soluzione che risolverebbe il problema formale, ma sarebbe comunque una diminutio in chiave formativa».  Per i Biologi infatti l’ECM rappresenta un valore fondamentale nella professione, per citare le stesse parole usate in proposito dal ministro Beatrice Lorenzin :«Nel nostro caso – prosegue Calcatelli – chi partecipa ai concorsi e non è in regola coi crediti ECM viene automaticamente escluso. Il fatto che i bandi siano fermi da anni non fa porre il problema, che invece esiste per altre categorie dove invece i bandi ci sono: alla formazione va data la giusta importanza perché ricade sulla salute umana. Va, però, comunque sempre messo il professionista nella condizione di aggiornarsi e non far ricadere le colpe solo su di lui quando è tutto il sistema a dover essere migliorato».

Nel frattempo, però, in molti – sia rappresentanti del mondo medico, sia della politica – spingono per rivedere l’aggiornamento ECM su criteri legati alla premialità oltre che alle sanzioni. «Sarebbe ottimale: dovremmo punire chi non li fa, ma chi li fa tutti non viene preso in considerazione in quanto è “nella norma”. La premialità ci deve essere perché raggiungere 50 crediti significa non solo raggiungere un numero, ma significa veramente fare formazione, anche perché da quando c’è il profilo formativo la formazione sta diventando un po’ più selettiva sulla qualità e molto rigorosa in alcuni aspetti, per cui a mio avviso gli incentivi ci devono essere».

Articoli correlati
Organizzazione rete trasfusionale, nuovo confronto CIMO-Agenas: «Soddisfatti per nostro coinvolgimento»
È ripartito lunedì scorso il confronto sulla riorganizzazione della rete trasfusionale italiana, cui Agenas ha chiesto ai sindacati CIMO e Anaao-Assomed di partecipare con un ruolo tecnico-consultivo per rielaborare precedenti proposte rimaste inattive. L’iniziativa di ridisegnare il sistema aveva avuto origine con un primo documento elaborato da una commissione tecnica attivata presso l’Agenas e sottoposto […]
Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione
Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in Medicina. Cosa aspettarsi dal 2019, anno chiave che vedrà la fine di due trienni formativi
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...