Formazione 28 Maggio 2019 10:44

Formazione ECM, Stella (FNOMCeO): «Serve maggiore responsabilizzazione del medico»

«Il tema – spiega Roberto Stella, membro del Consiglio nazionale della FNOMCeO – al di là dei crediti e al di là dei numeri, per noi come Ordine e come professione, è quello della qualità delle cure»

Formazione ECM, Stella (FNOMCeO): «Serve maggiore responsabilizzazione del medico»

L’aggiornamento professionale tiene banco nel dibattitto all’interno del mondo medico. In occasione degli Stati generali della professione medica a Roma abbiamo raccolto la voce del presidente OMCeO di Varese e membro del Comitato Centrale FNOMCeO, Roberto Stella, che si dice convinto della necessità di una «maggiore responsabilizzazione del medico» per risolvere la scarsa attenzione dei camici bianchi riguardo l’adempimento degli obblighi di legge in tema ECM.

Si è parlato molto in questi giorni dell’aggiornamento professionale dei medici. 2 medici su 10 non si aggiornano, cosa si potrebbe fare per migliorare?

«Questo è un tema che sicuramente ci tocca molto molto da vicino, come Ordine e come Federazione. Certamente il problema dell’aggiornamento professionale è un tema sul quale da tanto tempo lavoriamo. Il cambiamento si è avuto nell’introduzione del percorso di accreditamento professionale e quindi del raggiungimento di obiettivi formativi legati anche all’acquisizione di crediti. Quindi questo aspetto, se si vuole un po’ formale, ha messo in crisi il sistema. Tenendo conto che per molti medici l’aggiornamento di fatto si realizza nella professione, con i lavori di tutti i giorni e si realizza sul campo. Oggi noi ci troviamo di fronte ad una necessità di trasferire anche altro tipo di competenze utilizzando altri strumenti, quello dell’aggiornamento attraverso i corsi, attraverso la formazione a distanza, attraverso le simulazioni ecc. Credo che il grosso lavoro sia quello di intervenire su una maggiore responsabilizzazione del medico rispetto alle necessità della propria formazione. Anche perché il tema, al di là dei crediti e al di là dei numeri, di fatto per noi come Ordine e come professione è quello della qualità delle cure. Quindi per noi oggi spingere i medici ad aggiornarsi, a rispettare questo tipo di norme, ma soprattutto a vivere l’aggiornamento come un momento fondamentale della professione vuol dire anche cercare di garantire una miglior qualità ai cittadini. Quindi lavoreremo sia sui percorsi di formazione, sia sulla sensibilizzazione e l’incentivazione dei medici, sia anche nel creare condizioni perché questo aggiornamento possa essere realizzato in maniera più facile».

LEGGI: ECM, PENSIONATI CISL: «PERCHÉ IL SISTEMA SANITARIO NON INVESTE IN QUESTO AMBITO?»

Esporre il certificato dell’aggiornamento professionale può essere una soluzione, soprattutto per tranquillizzare quei pazienti preoccupati di essere curati magari da un professionista non più aggiornato?

«Guardi sinceramente io in questo momento ho qualche difficoltà a considerare che il certificato di acquisizione dei crediti corrisponda alla qualità professionale. Sono molto critico su questo, perché probabilmente quello che va fatto è un cambiamento nell’idea di formazione, nei percorsi che i medici fanno per accreditarsi sotto il profilo delle competenze e delle capacità professionali. Credo che non sia quello il tema, probabilmente potremmo avere dei medici certificati ma poco preparati professionalmente p dei medici non certificati di grande capacità. Io credo vada fatta un’inversione di tendenza. Oggi a mio giudizio il tema forte è quello di lavorare sulla valutazione della qualità della formazione e soprattutto sulla valutazione degli esiti della formazione, cioè qual è poi il risultato degli esiti formativi. Quindi forse introdurre dei criteri per la valutazione dei professionisti, come succede in altri paesi dove l’accreditamento non è tanto misurato solo sull’acquisizione di un certo numero di crediti formativi, ma sull’acquisizione di competenze verificate. Quindi io lavorerei più su quello: qualità della formazione e valutazione degli esiti».

Articoli correlati
ECM, a fine mese scade la possibilità di spostamento crediti dai trienni passati
Fino al 30 giugno 2022 sarà ancora possibile spostare i crediti di altri trienni per completare quelli in scadenza. Cosa si può fare per raggiungere l'obbligo formativo
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali