Federfarmaroma 3 maggio 2017

«Farmacie rurali, è ora che lo Stato faccia la sua parte»

Rurale è quella farmacia ubicata in Comuni, frazioni o centri abitati con popolazione non superiore ai 5.000 abitanti. Se la popolazione è inferiore alle 3.000 unità, la farmacia è classificata come rurale sussidiata ed ha diritto, tenuto conto anche del suo fatturato SSN, ad un trattamento di maggior favore che si concretizza in uno sconto sulla notula, pari all’1,5%, invece dei soliti sconti scalari. I titolari di queste farmacie […]

di Silvia Pagliacci - Presidente Federfarma Perugia

Rurale è quella farmacia ubicata in Comuni, frazioni o centri abitati con popolazione non superiore ai 5.000 abitanti. Se la popolazione è inferiore alle 3.000 unità, la farmacia è classificata come rurale sussidiata ed ha diritto, tenuto conto anche del suo fatturato SSN, ad un trattamento di maggior favore che si concretizza in uno sconto sulla notula, pari all’1,5%, invece dei soliti sconti scalari. I titolari di queste farmacie ricevono una indennità di residenza e, in alcuni casigli viene corrisposto un contributo di solidarietà da parte dell’associazione di categoriaNoi di Federfarma Perugia, ad esempio, corrispondiamo annualmente un contributo alle 9  farmacie rurali con fatturato più basso. Perché questo trattamento? Perché le farmacie rurali operano in situazioni molto, molto difficili. In quei piccoli centri, dove spesso è complicato perfino trovare un carabiniere o un parroco, talvolta manca anche il medico, attratto dalle opportunità lavorative della città. 

Ma se chi abita in quel paesino ha un’esigenza o un dubbio relativo al suo stato di salute, a chi può rivolgersi? Ovviamente al farmacista. Il quale, però, può fare conto quasi esclusivamente esclusivamente sui farmaci per remunerare la sua attività Non può, come accade in altri luoghi, aumentare il proprio fatturato con il parafarmaco ovvero con tutti quei prodotti che, ahimè, in quelle zone hanno una domanda più bassa risotto alla città. 

In più, in Italia, a parte alcune eccezioni, l’indennità di residenza non viene rivalutata dal 1969!!

Ci sono titolari rurali che ricevono meno di 500 euro mensili di indennità mentre ne dovrebbero prendere 8.500, se, come giusto, si volesse considerare l’aumento del costo della vita.

Insomma, molti esercizi sono in estrema difficoltà, eppure provano a diventare quella “farmacia di servizi” di cui tanto si parla. Così, quando manca il medico, il paziente si rivolge con fiducia e speranza al farmacista. È per questo che spesso superiamo le 48 ore settimanali di lavoro e forniamo un servizio notturno che non viene neanche pagato dallo Stato! 

 E Il paradosso è che mentre l’Europa investe nelle aree interne, sostenendo che rappresentano una ricchezza per il Paese, l’Italia va nella direzione diametralmente opposta, tagliando le risorse destinate a farmacie e piccole e medie imprese. Tutto ciò è folle e a nostro avviso lo Stato italiano dovrebbe tutelare le farmacie ed in modo particolare quelle rurali.

Federfarma Nazionale già 50 anni fa ha voluto la creazione del Sunifar (il Sindacato Unitario Farmacisti Rurali), inserendola nell’articolo 7 dello Statuto, proprio per tutelare e supportare chi apre e gestisce una farmacia in posti spesso estremamente piccoli e difficili da raggiungere. Ora però è lo Stato a dover fare la sua parte e sostenere le farmacie rurali, perché con il tempo sono diventate dei veri e propri presidi di salute che forniscono un servizio assolutamente necessario alla popolazione. 

Articoli correlati
Screening diabete in farmacia, torna il DiaDay: Pagliacci (Sunifar): «Lo scorso anno individuati oltre 4mila malati ignari»
Presto al via la seconda edizione della campagna nazionale dell’analisi gratuita nelle farmacie di tutta Italia: «Scoprire per tempo il diabete, o accertarne la predisposizione, aiuta il paziente a curarsi prima e meglio e al Ssn di risparmiare risorse»
Celiachia, Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Stop ai buoni in forma cartacea, cambiamo tutto»
La Regione Lazio approverà nella prossima Giunta una vera e propria rivoluzione nella gestione dei rimborsi e dei buoni per i prodotti per celiaci. Per garantire una maggiore sostenibilità della dieta senza glutine e consentire ai pazienti meno fortunati di vivere la propria patologia in maniera più serena, lo Stato italiano garantisce infatti ai pazienti diagnosticati l’erogazione […]
Padova, la lotta alla sedentarietà si fa in farmacia
Per sensibilizzare i cittadini sui rischi associati a uno stile di vita sedentario, dal 21 al 26 maggio, nelle 17 farmacie specializzate di Padova e provincia sarà possibile misurare gratuitamente la circonferenza addominale e ricevere una consulenza qualificata per costruire insieme un percorso di salute e benessere. è importante combattere la sedentarietà: può portare a gravi […]
Ipertensione, al via Progetto Zero di A.L.I.Ce. Italia Onlus e SIMG
Prevenire l’ipertensione arteriosa, definita anche “killer silenzioso”: questo l’obiettivo del Progetto Zero, nato dalla proficua collaborazione dell’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale (A.L.I.Ce. Italia Onlus) con la Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG). A.L.I.Ce. Italia Onlus ribadisce l’appello diffuso in occasione di “Aprile mese della prevenzione”, ricordando quanto sia importante il […]
Elezioni, Mandelli (Forza Italia): «Puntare su prevenzione e prossimità per garantire lunga vita al SSN»
Intervista ad Andrea Mandelli, riconfermato alla guida della FOFI (Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani), Senatore uscente di Forza Italia e ricandidato per Montecitorio nelle prossime elezioni del 4 marzo. Il punto sulle sfide della professione e sulle priorità della politica per la salute e la sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...