Federfarmaroma 3 maggio 2017

«Farmacie rurali, è ora che lo Stato faccia la sua parte»

Rurale è quella farmacia ubicata in Comuni, frazioni o centri abitati con popolazione non superiore ai 5.000 abitanti. Se la popolazione è inferiore alle 3.000 unità, la farmacia è classificata come rurale sussidiata ed ha diritto, tenuto conto anche del suo fatturato SSN, ad un trattamento di maggior favore che si concretizza in uno sconto sulla notula, pari all’1,5%, invece dei soliti sconti scalari. I titolari di queste farmacie […]

di Silvia Pagliacci - Presidente Federfarma Perugia

Rurale è quella farmacia ubicata in Comuni, frazioni o centri abitati con popolazione non superiore ai 5.000 abitanti. Se la popolazione è inferiore alle 3.000 unità, la farmacia è classificata come rurale sussidiata ed ha diritto, tenuto conto anche del suo fatturato SSN, ad un trattamento di maggior favore che si concretizza in uno sconto sulla notula, pari all’1,5%, invece dei soliti sconti scalari. I titolari di queste farmacie ricevono una indennità di residenza e, in alcuni casigli viene corrisposto un contributo di solidarietà da parte dell’associazione di categoriaNoi di Federfarma Perugia, ad esempio, corrispondiamo annualmente un contributo alle 9  farmacie rurali con fatturato più basso. Perché questo trattamento? Perché le farmacie rurali operano in situazioni molto, molto difficili. In quei piccoli centri, dove spesso è complicato perfino trovare un carabiniere o un parroco, talvolta manca anche il medico, attratto dalle opportunità lavorative della città. 

Ma se chi abita in quel paesino ha un’esigenza o un dubbio relativo al suo stato di salute, a chi può rivolgersi? Ovviamente al farmacista. Il quale, però, può fare conto quasi esclusivamente esclusivamente sui farmaci per remunerare la sua attività Non può, come accade in altri luoghi, aumentare il proprio fatturato con il parafarmaco ovvero con tutti quei prodotti che, ahimè, in quelle zone hanno una domanda più bassa risotto alla città. 

In più, in Italia, a parte alcune eccezioni, l’indennità di residenza non viene rivalutata dal 1969!!

Ci sono titolari rurali che ricevono meno di 500 euro mensili di indennità mentre ne dovrebbero prendere 8.500, se, come giusto, si volesse considerare l’aumento del costo della vita.

Insomma, molti esercizi sono in estrema difficoltà, eppure provano a diventare quella “farmacia di servizi” di cui tanto si parla. Così, quando manca il medico, il paziente si rivolge con fiducia e speranza al farmacista. È per questo che spesso superiamo le 48 ore settimanali di lavoro e forniamo un servizio notturno che non viene neanche pagato dallo Stato! 

 E Il paradosso è che mentre l’Europa investe nelle aree interne, sostenendo che rappresentano una ricchezza per il Paese, l’Italia va nella direzione diametralmente opposta, tagliando le risorse destinate a farmacie e piccole e medie imprese. Tutto ciò è folle e a nostro avviso lo Stato italiano dovrebbe tutelare le farmacie ed in modo particolare quelle rurali.

Federfarma Nazionale già 50 anni fa ha voluto la creazione del Sunifar (il Sindacato Unitario Farmacisti Rurali), inserendola nell’articolo 7 dello Statuto, proprio per tutelare e supportare chi apre e gestisce una farmacia in posti spesso estremamente piccoli e difficili da raggiungere. Ora però è lo Stato a dover fare la sua parte e sostenere le farmacie rurali, perché con il tempo sono diventate dei veri e propri presidi di salute che forniscono un servizio assolutamente necessario alla popolazione. 

Articoli correlati
Cittadinanzattiva e SIFO lanciano il progetto di monitoraggio civico delle farmacie ospedaliere
Un’osservazione sul campo delle attività delle farmacie ospedaliere, con il fine di misurare dal punto di vista dei cittadini l’accessibilità e la qualità dei servizi offerti, la loro capacità di garantire i diritti del malato, nonché individuare possibili azioni di miglioramento per una organizzazione più a misura di cittadino, valorizzandone al contempo il ruolo fondamentale […]
Farmacie italiane: molte potenzialità, troppe inespresse. I risultati del “I rapporto annuale”
Il presidente di Federfarma-Sunifar: «Grazie ai grandi sforzi compiuti dai titolari delle farmacie rurali il servizio è omogeneo su tutto il territorio nazionale»
di Isabella Faggiano
Diabete: Federfarma Roma, Regione Lazio e Asl portano la guida nelle farmacie
Dalla collaborazione tra le principali istituzioni sanitarie della Regione nasce un documento informativo destinato ai pazienti con valori glicemici alterati o a rischio malattia. Vittorio Contarina (Pres. Federfarma Roma): “Grande iniziativa che completa il DiaDay. In questo modo il paziente non viene lasciato solo dopo lo screening". Alessio D’Amato (Assessore Sanità Regione Lazio): “Poter fare uno screening gratuito è una opportunità importante per individuare malattia”
Screening diabete in farmacia, torna il DiaDay: Pagliacci (Sunifar): «Lo scorso anno individuati oltre 4mila malati ignari»
Presto al via la seconda edizione della campagna nazionale dell’analisi gratuita nelle farmacie di tutta Italia: «Scoprire per tempo il diabete, o accertarne la predisposizione, aiuta il paziente a curarsi prima e meglio e al Ssn di risparmiare risorse»
Celiachia, Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Stop ai buoni in forma cartacea, cambiamo tutto»
La Regione Lazio approverà nella prossima Giunta una vera e propria rivoluzione nella gestione dei rimborsi e dei buoni per i prodotti per celiaci. Per garantire una maggiore sostenibilità della dieta senza glutine e consentire ai pazienti meno fortunati di vivere la propria patologia in maniera più serena, lo Stato italiano garantisce infatti ai pazienti diagnosticati l’erogazione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...