30
NOV21

Sindrome di Sjögren Primaria Sistemica: approccio interdisciplinare per una malattia rara, degenerativa e multiorgano

  • 30 November 2021
  • 30 November 2021

In occasione del XIII Convegno Nazionale “ Sindrome di Sjögren Primaria Sistemica: approccio interdisciplinare per una malattia rara, degenerativa e multiorgano”, l’A.N.I.Ma.S.S. ODV, Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren, organizza un Simposio per confrontare e approfondire prospettive della malattia e evidenziare criticità e bisogni inevasi.

Circostanza idonea per far ripresentare l’interrogazione parlamentare e rendere attuativa la mozione a tutela delle persone malate e dell’inserimento della Sindrome di Sjögren primaria sistemica come rara nei LEA.

L’appuntamento organizzato da A.N.I.Ma.S.S. ODV in collaborazione col Dipartimento della Psicosomatica e Psicologia Medica Università di Verona è patrocinato dal Centro Coordinamento Malattie Rare, dall’Intergruppo Parlamentare delle Malattie Rare, dal Comune di Salerno, dall’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Salerno, dall’ASL di Salerno, dalla Federfarma Salerno, dalla FIMMG di Salerno, dalla FOFI, dall’Ordine delle Ostetriche di Salerno, dalla SIR, dal CReI, dalla SIOH, dall’A.I.F.I., dalla CSMG, da OMAR, da Alleanze Malattie Rare, dall’AMCI Regione Campania.

Interverranno le massime Autorità regionali e nazionali, i vertici dell’INPS, politici e i massimi esperti della patologia e ricercatori.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale