17
OTT17

Silver Economy: l’invecchiamento come risorsa

  • Roma Via Alessandro Farnese, 3, Roma, RM, Italia
  • Sede ENPAPI
  • 17 Ottobre 2017
  • 17 Ottobre 2017

Oggi un italiano su quattro ha più di 65 anni, nel 2050 saranno uno su tre. Ma per l’Italia, Paese più anziano d’Europa, la prospettiva non è soltanto quella di un inevitabile ulteriore aumento dei costi di sanità, pensioni e assistenza. Secondo gli esperti che parteciperanno al workshop sulla “silver economy”, organizzato da Assoprevidenza in collaborazione con Itinerari Previdenziali, l’invecchiamento della popolazione rappresenta una grande opportunità da cogliere.

I “senior” attivi vivono in case di proprietà, hanno redditi mediamente alti e maggiore patrimonio accumulato, hanno quindi tempo e mezzi di spesa per sé e per i familiari, mentre da parte dei più anziani che vanno verso la perdita dell’autonomia cresce la domanda di assistenza sanitaria e di servizi adeguati. Dal workshop di Assoprevidenza, oltre che un identikit degli over 65 italiani e delle loro abitudini di vita e di consumi, verranno le proposte per realizzare una via italiana alla “silver economy”, sviluppando proficuamente prodotti e servizi (edilizia, salute, turismo e tempo libero, tecnologia, ecc.) che rispondano alle esigenze di una fascia di età determinante per il Paese.

Mario Schiavon (Presidente ENPAPI) porterà i suoi saluti augurali, a cui seguirà l’introduzione ai lavori del Presidente di Assoprevidenza Sergio Corbello. Parteciperanno poi Roberto Bernabei (Presidente Italia Longeva), Davide Squarzoni (Direttore Generale Prometeia Advisor Sim), Edoardo Zaccardi (Area Lavoro e Welfare Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali), Julien Le Louët (Responsabile investimenti OCIRP), Mariuccia Rossini (Vice Presidente Gruppo Sanità e Membro Consiglio Generale Assolombarda). Alla tavola rotonda “un nuovo interessante macro-trend per l’investimento istituzionale) parteciperanno Fabrizio Bianchi (Head of Institutional Clients Italy Schroders), Francesca Ciceri (Head of Institutional Clients Amundi), Guido Crivellaro (Portfolio Manager Symphonia Sgr), Luca Del Vecchio (Coordinatore Operativo Progetto Sanità Confindustria), Stefano Granata (Presidente Coop CGM) e Lino Enrico Stoppani (Vice Presidente Confcommercio). Le conclusioni sono affidate al Sottosegretario Ministero dell’Economia e delle Finanze Pierpaolo Baretta.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...