02
LUG18

Salute e migrazione: curare e prendersi cura

  • Roma Via Magenta, 5, Roma, RM, Italia
  • Sede Medici Senza Frontiere e Save the Children
  • 02 Luglio 2018
  • 05 Luglio 2018

Il Corso “Salute e migrazione: curare e prendersi cura – L’approccio interculturale alla vulnerabilità e la salute del minore migrante”, organizzato nell’ambito del Progetto Sanità di Frontiera dell’Osservatorio Internazionale per la Salute (OIS) in collaborazione con Medici Senza Frontiere e Save the Children, si svolgerà a Roma nei giorni 2,3,4 e 5 Luglio 2018 presso le sedi delle due organizzazioni sopraccitate.

Tale corso rappresenta la continuazione del percorso intrapreso a Lampedusa nel dicembre 2016, proseguito con i corsi organizzati a Roma in collaborazione rispettivamente con il Centro Astalli e la Croce Rossa Italiana che hanno visto la partecipazione delle principali organizzazioni che, a diverso titolo, sono impegnate in questo settore in Italia.

Il programma, che è articolato in quattro sessioni, intende offrire un panorama completo delle questioni relative alla medicina delle migrazioni:

– la prima sessione “Il Contesto”, sarà dedicata dapprima ad un inquadramento del fenomeno migratorio a livello globale, poi all’analisi del contesto italiano, alle evoluzioni della migrazione nel nostro paese, alle politiche di accoglienza e alle politiche più strettamente sanitarie in atto. Orario 9.00 – 17.00;

– la seconda sessione “Ferite invisibili e interculturalità: la comunicazione possibile” affronterà la tematica attuale dell’approccio interculturale alla salute, che diviene tanto più rilevante nei casi in cui i traumi subiti dai migranti coinvolgano anche la sfera psichica e che richiedano quindi all’operatore sanitario di avvalersi di competenze più ampie rispetto a quelle strettamente mediche. Orario 9.30 – 17.00;

– la terza sessione “La tutela della salute dei minori migranti in famiglia e non accompagnati” illustrerà il sistema salute italiano in favore dei minori migranti, inquadrerà le attuali normative ed i percorsi di tutela e accoglienza previsti, e tratterà poi alcuni focus tematici quali l’accertamento dell’età e l’alimentazione del minore in età pediatrica. Orario 9.30 – 17.00;

– la quarta sessione “Buone pratiche e prospettive” intende fornire ai partecipanti esempi virtuosi e replicabili di tutela della salute dei migranti, nella convinzione che la messa in rete delle esperienze sia una chiave preziosa di mutuo apprendimento, di sviluppo di nuove strade e dunque una preziosa opportunità di progresso. Orario 9.30 – 16.30.

Assieme agli esperti di Medici Senza Frontiere e di Save the Children, che hanno collaborato alla organizzazione del corso e che ospiteranno l’evento, saranno coinvolti, tra gli altri, relatori del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore di Sanità, dell’OIM, dell’UNHCR, dell’ASGI, dell’IDOS, del Centro Astalli, del SAMIFO-Asl Roma1.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...