28
GIU18

NTM-DAY LOMBARDIA: NUOVI SCENARI

  • Milano Piazza Duca d'Aosta, 4-6, 20124 Milano, MI, Italia
  • Hotel Glam
  • 28 Giugno 2018
  • 29 Giugno 2018

La Malattia polmonare da micobatteri non tubercolari (NTM-LD) è il termine che definisce una patologia causata da una rara e grave infezione batterica. E poiché la malattia non solo è rara ma si presenta anche con una sequela di sintomi decisamente aspecifici (che includono febbre, calo di peso, tosse, stanchezza, disturbi gastrointestinali, sudorazione notturna e presenza di sangue nell’espettorato) il percorso che conduce alla diagnosi è certamente non banale come l’insieme di procedure e di expertise specialistiche che ne consentono l’inquadramento eziologico e la terapia, quest’ultima da condursi in centri esperti perché può comportare l’assunzione di più antibiotici – fino a 4 insieme – per un periodo che può durare anche 24 mesi senza peraltro garantire l’eradicazione dell’infezione, poiché molti micobatteri non tubercolari rivelano un’elevata resistenza alla maggior parte dei trattamenti.
Nonostante la sua indubbia gravità di questa patologia non ci sono ancora numeri certi: se ne attendono dal Registro IRENE strumento che si vuole indispensabile per acquisire nuove conoscenze epidemiologiche, cliniche, di trattamento e di outcome su una patologia fino ad ora negletta e , come si è visto, difficile da trattare.
Quel che è certo è che l’incidenza di questa condizione è in aumento, e con essa anche i dati di mortalità.
Se il miglioramento delle tecniche diagnostiche può aver contribuito a questo incremento d’incidenza, il dato in sé non può comunque essere sottovalutato, così come non può essere trascurata la tendenza della malattia a colpire prevalentemente soggetti in età avanzata, immunocompromessi o con patologie che affliggono le vie aeree perché gli esisti della malattia possono essere anche molto gravi e richiedere lunghi cicli di ospedalizzazione e costi incrementali: un insieme di fattori che deve essere elemento di riflessione per tutti i professionisti che ne sono coinvolti.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila