28
SET18

NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI – LA VISIONE: COME COMUNICATO OCCHIO E CERVELLO?

  • Roma Via Santo Stefano Rotondo, 6, Roma, RM, Italia
  • Presidio Ospedaliero Britannico
  • 28 Settembre 2018
  • 28 Settembre 2018

Anche quest’anno si terrà dal 22 al 29 settembre la “Settimana della scienza” promossa dalla Commissione Europea, che coinvolgerà oltre 250 città europee con l’obiettivo di sostenere la ricerca scientifica attraverso, incontri, conferenze visite ed eventi nei più autorevoli centri di ricerca e conoscere la figura dei ricercatori che operano su tutto il territorio comunitario.

La settimana culminerà il 28 settembre con la “NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI” evento di grande rilevanza che avrà il compito di avvicinare cittadini di ogni età al mondo della ricerca scientifica creando l’opportunità di instaurare un legame con la popolazione sui principali temi della ricerca.

Anche la IRCCS Fondazione Bietti parteciperà all’evento con l’organizzazione di una manifestazione dal titolo: “La visione: come comunicano occhio e cervello? “. Facendo riferimento alle più attuali evidenze scientifiche, i partecipanti all’evento riceveranno informazioni sui raffinati fenomeni neurofisiologici che permettono la visione. Questi hanno inizio dalla trasformazione degli stimoli luminosi in impulsi elettrici da parte di cellule retiniche specializzate e sarà possibile osservare, nei nostri laboratori, la complessa struttura della retina umana attraverso le scansioni “in vivo” ottenute grazie all’Optical Coherence Tomography (OCT) e di comprendere come le varie cellule retiniche generino attività elettrica misurabile attraverso l’Elettroretinogramma (ERG). Sarà inoltre possibile osservare al microscopio le caratteristiche delle cellule retiniche e dei fattori biologici responsabili del loro buon funzionamento. Gli impulsi elettrici sono veicolati, attraverso le vie nervose visive, a specifiche aree cerebrali che hanno il compito di decodificarli. Sarà quindi possibile osservare, come il cervello risponde agli stimoli visivi analizzando sia le risposte bioelettriche fornite della corteccia occipitale (tramite la registrazione dei Potenziali Evocati Visivi) che gli indicatori soggettivi della percezione visiva come l’acuità, la visione dei colori, il campo visivo.

CONSULTA QUI IL PROGRAMMA

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...