20
FEB19

LO STATO DELLA RICERCA IN ITALIA: LIBERTÀ E FINANZIAMENTI

  • Roma Viale Davide Lubin, 2, Roma, RM, Italia
  • Sala “Parlamentino” del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro
  • 20 Febbraio 2019
  • 20 Febbraio 2019

Si terrà mercoledì 20 febbraio 2019, dalle 14:30 alle 17:30, presso la sala “Parlamentino” del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, in viale Davide Lubin 2 a Roma, l’evento ‘Lo Stato della Ricerca in Italia: libertà e finanziamenti’, organizzato dall’Associazione Luca Coscioni.

Il 20 febbraio ricorre il 13esimo anniversario della morte di Luca Coscioni, che aveva fondato assieme a Emma Bonino e Marco Pannella, l’Associazione che ancora oggi porta il suo nome per porre all’attenzione della politica la necessità di proteggere e promuovere le ricerche sulle cellule staminali embrionali per le loro enormi potenzialità terapeutiche. Dopo molti anni, sfidando legislazioni e decisioni molto restrittive, ci sono almeno 20 trial clinici in corso in giro per il mondo, in Europa solo nei paesi nordici e nel Regno Unito, in Italia nessuno.

Per ricordare e aggiornare le proposte riformatrici del suo fondatore, nel giorno della sua scomparsa, l’Associazione Luca Coscioni intende organizzare un incontro aperto al pubblico per presentare lo ‘stato della libertà di ricerca scientifica in Italia’.
L’appuntamento di quest’anno si carica di ulteriori significati istituzionali. Nel corso del 2019 infatti, l’Italia sarà davanti al Consiglio ONU sui diritti umani per la sua Revisione Periodica Universale e dovrà presentare il proprio rapporto al Comitato delle Nazioni unite sui diritti economici, sociali e culturali. Da settimane l’Associazione ha avviato il lavoro di preparazione di “documenti ombra” da presentare alle Nazioni unite per evidenziare quali siano le riforme necessarie affinché l’Italia rispetti pienamente tutti quei diritti umani che sono in relazione con la scienza – intesa come ricerca da regolamentare ma da consentire e finanziare e scienza intesa come produttrice di innovazioni terapeutiche da far beneficiare tutti.

Sono previsti gli interventi di:

Filomena Gallo, avvocato cassazionista e segretario nazionale dell’Associazione Luca Coscioni.
Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni.
Rodolfo e Anna Cristina Coscioni per un ricordo del figlio Luca.
Professor Lorenzo Fioramonti, Vice-ministro per la Ricerca che invierà un videomessaggio.

Partendo dalla Relazione 2018 del CNR sulla “Ricerca e innovazione in Italia” sono previsti tre interventi principali dei professori:

  • Daniele Archibugi, Dirigente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Roma, Professore di Innovation, Governance and Public Policy all’Università di Londra, Birkbeck College, School of Business, Economics and Informatics.
    Amedeo Santosuosso, Presidente del Centro di Ricerca Interdipartimentale European Centre for Law, Science and New Technologies (ECLT) dell’Università di Pavia sin dalla sua fondazione e insegnante di Diritto, Scienza, nuove Tecnologie presso il medesimo Ateneo.
    Gilberto Corbellini, Direttore del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale – Consiglio Nazionale delle Ricerche.
  • Ludovica Poli, dell’Università di Torino, Simone Penasa, dell’Università di Trento e Costanza Hermanin, del Collège d’Europe di Bruges, presenteranno i contenuti dei “rapporti ombra” per le Nazioni unite preparati dall’Associazione Luca Coscioni sui diritti della e alla scienza in Italia, Vittoria Brambilla, Ricercatore Botanica Generale, Università di Milano, e la Professoressa Graziella Messina, Dipartimento di Bioscienze Università di Milano.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone