15
GEN18

Lancio del progetto ID-EPTRI, una nuova infrastruttura di ricerca per favorire lo sviluppo di migliori farmaci pediatrici

  • Roma Viale di Trastevere, 76, Roma, RM, Italy
  • Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Sala della Comunicazione
  • 15 Gennaio 2018
  • 16 Gennaio 2018

ID-EPTRI (European Paediatric Translational Research Infrastructure) è un progetto coordinato dal Consorzio per Valutazioni Biologiche e Farmacologiche (CVBF-TEDDY) che ha ricevuto 3 milioni di euro di finanziamento dalla Commissione Europea. Il progetto, che durerà 24 mesi, ha come obiettivo quello di creare il framework per una nuova infrastruttura di ricerca (IR) pediatrica europea. I bambini rappresentano il 20% della popolazione europea e la loro cura è una delle più importanti priorità e sfide per l’Europa. Lo sviluppo di farmaci pediatrici e strategie di trattamento basati sull’evidenza è quindi fondamentale. Oggigiorno circa il 50% dei farmaci destinati ai bambini e giovani pazienti non è stato testato in modo specifico per loro. Per questo motivo, risulta strategico lo sviluppo di una infrastruttura di ricerca adeguata che possa risolvere questo gap favorendo la ricerca pediatrica a partire dalle prime fasi di sviluppo di un farmaco fino alla formulazione pediatrica. I bambini e i giovani pazienti non possono essere paragonati agli adulti nel loro percorso di crescita e hanno un metabolismo diverso. Per questo motivo, l’unico modo per sviluppare farmaci adatti alla popolazione pediatrica è quello di studiare e testare questi farmaci in maniera specifica per questo tipo di popolazione “speciale”. Un’infrastruttura dedicata, che integri i diversi networks che si occupano di ricerca di base per la popolazione pediatrica, aiuterà a ridurre i tempi e aumentare il numero di progetti. E inoltre, favorirà un più rapido trasferimento dei risultati ottenuti nella pratica clinica.

La nuova infrastruttura di ricerca, EPTRI, è complementare alle altre infrastrutture di ricerca presenti in campo biomedico e agisce come un ‘Servizio per l’integrazione della ricerca pediatrica’ nello scenario delle IR riconosciute dall’ESFRI (European Strategy Forum on Research Infrastructures). Il progetto coinvolge 26 partners appartenenti a paesi europei e non europei, che includono IR già esistenti, università di alto livello, centri europei scientifici e clinici di eccellenza ed è finalizzato a creare un Conceptual Design Report (CDR) per la realizzazione della infrastruttura di ricerca pediatrica Europea.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone