15
GEN18

Lancio del progetto ID-EPTRI, una nuova infrastruttura di ricerca per favorire lo sviluppo di migliori farmaci pediatrici

  • Roma Viale di Trastevere, 76, Roma, RM, Italy
  • Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Sala della Comunicazione
  • 15 Gennaio 2018
  • 16 Gennaio 2018

ID-EPTRI (European Paediatric Translational Research Infrastructure) è un progetto coordinato dal Consorzio per Valutazioni Biologiche e Farmacologiche (CVBF-TEDDY) che ha ricevuto 3 milioni di euro di finanziamento dalla Commissione Europea. Il progetto, che durerà 24 mesi, ha come obiettivo quello di creare il framework per una nuova infrastruttura di ricerca (IR) pediatrica europea. I bambini rappresentano il 20% della popolazione europea e la loro cura è una delle più importanti priorità e sfide per l’Europa. Lo sviluppo di farmaci pediatrici e strategie di trattamento basati sull’evidenza è quindi fondamentale. Oggigiorno circa il 50% dei farmaci destinati ai bambini e giovani pazienti non è stato testato in modo specifico per loro. Per questo motivo, risulta strategico lo sviluppo di una infrastruttura di ricerca adeguata che possa risolvere questo gap favorendo la ricerca pediatrica a partire dalle prime fasi di sviluppo di un farmaco fino alla formulazione pediatrica. I bambini e i giovani pazienti non possono essere paragonati agli adulti nel loro percorso di crescita e hanno un metabolismo diverso. Per questo motivo, l’unico modo per sviluppare farmaci adatti alla popolazione pediatrica è quello di studiare e testare questi farmaci in maniera specifica per questo tipo di popolazione “speciale”. Un’infrastruttura dedicata, che integri i diversi networks che si occupano di ricerca di base per la popolazione pediatrica, aiuterà a ridurre i tempi e aumentare il numero di progetti. E inoltre, favorirà un più rapido trasferimento dei risultati ottenuti nella pratica clinica.

La nuova infrastruttura di ricerca, EPTRI, è complementare alle altre infrastrutture di ricerca presenti in campo biomedico e agisce come un ‘Servizio per l’integrazione della ricerca pediatrica’ nello scenario delle IR riconosciute dall’ESFRI (European Strategy Forum on Research Infrastructures). Il progetto coinvolge 26 partners appartenenti a paesi europei e non europei, che includono IR già esistenti, università di alto livello, centri europei scientifici e clinici di eccellenza ed è finalizzato a creare un Conceptual Design Report (CDR) per la realizzazione della infrastruttura di ricerca pediatrica Europea.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...