20
SET17

La presa in carico del paziente cardiovascolare cronico: aspetti clinici, economici ed organizzativi

  • Roma Piazza di Pietra, Roma, RM, Italia
  • Sala Giunta del Tempio di Adriano
  • 20 Settembre 2017
  • 20 Settembre 2017

In una società sempre più anziana come la nostra, la presa in carico del paziente nel trattamento delle patologie croniche cardiovascolari rappresenta una delle sfide più significative a cui il Servizio Sanitario Nazionale italiano deve e dovrà far fronte nel prossimo futuro. Un confronto continuo tra i principali attori del Sistema sui diversi aspetti del fenomeno, è utile nonché necessario, al fine di individuare nel modo più efficace soluzioni orientate all’ottimizzazione sia del percorso di cura del paziente sia dell’utilizzo delle risorse disponibili. La complessità di questo argomento deriva, infatti, dalla necessità da un lato di garantire la sostenibilità economico/finanziaria del SSN, presupposto necessario per la sua esistenza futura e, nel contempo dalla necessità di garantire il miglior trattamento possibile. La giornata di approfondimento “La presa in carico del paziente cardiovascolare cronico: aspetti clinici, economici ed organizzativi” si pone, quindi, l’obiettivo di mettere a confronto i punti di vista di tutti gli attori coinvolti in tale processo, orientando il dibattito all’individuazione e alla condivisione di soluzioni da
mettere in atto nel breve e nel lungo termine.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...