05
LUG18

LA MEDICINA LEGALE E L’ACCERTAMENTO DELLA VERITÀ

  • Roma Viale Regina Elena, 336, Roma, RM, Italia
  • Aula Gerin - Edificio di Medicina legale
  • 05 Luglio 2018
  • 07 Luglio 2018

L’iniziativa si propone di affrontare in un’ottica multidisciplinare il ruolo della medicina legale nell’accertamento scientifico della verità, con l’obiettivo di fornire ai professionisti del settore una serie di soluzioni operative utili nella pratica quotidiana della medicina legale. La sessione di apertura sarà dedicata alla valorizzazione della buona scienza nel processo, attraverso un confronto fra esperti del settore. La metodologia medico-legale e il ruolo dei consulenti e dei periti, anche alla luce delle novità introdotte dalla legge Gelli del 2017, faranno da premessa alla tavola rotonda del pomeriggio, dedicata al contenzioso in settori specialistici della medicina. Focus della giornata del 6 luglio saranno invece le novità introdotte dalla legge 219/2017 in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento, temi legati alla questione dell’autodeterminazione e del fine vita. In parallelo, nella sessione di patologia forense verrà approfondito il tema della tanatocronologia, anch’essa finalizzata all’accertamento della verità. Quest’ultimo argomento verrà ripreso nella mattina di sabato, durante la sessione dedicata al supporto fornito alla medicina legale dalle tecniche innovative in tossicologia e genetica. Nella sessione pomeridiana di venerdì il congresso verterà su alcune delle principali novità introdotte dalla legge Gelli in materia di rischio clinico e misure assicurative o di autoritenzione.

CONSULTA QUI IL PROGRAMMA

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila