15
DIC17

IV Congresso Nazionale FIMEUC – Prospettive future del sistema emergenza urgenza

  • Firenze Via de' Cerretani, 54, Firenze, FI, Tuscany, Italia
  • Auditorium al Duomo
  • 15 Dicembre 2017
  • 15 Dicembre 2017

Firenze ospita il IV Congresso Nazionale della FIMEUC (Federazione Italiana Medicina Emergenza Urgenza e Catastrofi) dal titolo “Prospettive future del sistema emergenza urgenza: un nuovo assetto legislativo”.

25 anni dopo l’inserimento delle prestazioni in emergenza urgenza tra i livelli essenziali di assistenza, il sistema appare oggi diverso nelle singole regioni e senza alcuna effettiva integrazione tra il sistema di emergenza preospedaliera ed ospedaliera. Questa difformità insieme alle nuove conoscenze, alla necessità di nuovi assetti organizzativi, ai nuovi bisogni, impongono una revisione della normativa che tenga conto della nuova scuola di specializzazione in medicina di emergenza-urgenza, delle attività di cura e di diagnosi del settore preospedaliero ed ospedaliero, per i pazienti di ogni età, delle carriere e contratti dei medici di
emergenza. La Fimeuc, da sempre impegnata a lavorare sui tavoli tecnici intersocietari e con le istituzioni, si è fatta promotrice di questa necessità e propone nel IV congresso nazionale una riscrittura della normativa che tenga conto di questi aspetti. Il congresso rappresenta il momento finale di un percorso di studio e l’occasione per il confronto con i decisori pubblici sulla proposta, affinché alcune richieste fondamentali per il cambiamento ed il miglioramento siano accolte e realizzate.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...