21
GIU18

Il vincitore del Nobel 2017 per la Medicina alla Sapienza

  • Roma Piazzale Aldo Moro, Roma, RM, Italia
  • Aula magna del Palazzo del Rettorato
  • 21 Giugno 2018
  • 21 Giugno 2018

Giovedì 21 giugno, il premio Nobel per la Medicina 2017 Michael Moriss Rosbash, sarà alla Sapienza per il convegno della Società italiana di biofisica e biologia molecolare (SIBBM), “When and where: temporal and spatial regulation of biological processes”.

All’interno dell’evento, organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Biologia e biotecnologie Charles Darwin dell’Ateneo, Rosbash terrà la “Riccardo Cortese Lecture” dal titolo “Circadian rhythms, gene expression and RNA processing”, presso l’Aula magna del Palazzo del Rettorato.

Rosbash è un genetista statunitense, docente presso la Brandeis University e ricercatore presso l’Howard Hughes Medical Institute, è stato eletto dall’Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti d’America nel 2003 e, insieme a Jeffrey C. Hall e Michael W. Young, ha vinto il premio Nobel per la Medicina per il contributo allo studio dei meccanismi molecolari che controllano il ritmo circadiano.

I ritmi circadiani sono i ritmi biologici più studiati, hanno una periodicità di 24 ore (circa dies, quasi un giorno) e caratterizzano tutti gli organismi viventi, dai più semplici all’uomo. La capacità di regolare aspetti fisiologici e comportamentali fondamentali, come il ritmo sonno-veglia e i tempi di rilascio degli ormoni, spiega il crescente interesse scientifico nei confronti sia del ruolo funzionale, che delle basi molecolari che ne garantiscono il mantenimento.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila