30
SEP19

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA RABBIA

  • Roma Sala Turina, Viale Giorgio Ribotta 5 Roma
  • Ministero della Salute
  • 30 September 2019
  • 30 September 2019

La rabbia, una encefalite virale zoonosica classificata fra le malattie topicali neglette, causa ogni anno, nel mondo, oltre 59.000 decessi umani, colpendo soprattutto i bambini di età inferiore a 15 anni. Oltre 14 milioni di persone nel mondo ricevono la profilassi post-esposizione a seguito di morsicature animali. La maggior parte dei decessi è causata dal mantenimento dell’infezione nella popolazione canina.
In ambito animale, sono stati riportati episodi di elevata mortalità nel bestiame, in particolare in America Latina, ma anche in Africa.
In Europa la cosiddetta “rabbia silvestre”, ovvero mantenuta da animali selvatici, ha come serbatoio essenzialmente la volpe rossa, anche se nell’Europa orientale il cane procione ha assunto un ruolo epidemiologico importante.
Le numerose campagne di vaccinazione orale delle volpi hanno portato alla possibilità di eradicare la malattia dal territorio dell’Unione Europea presumibilmente nel 2020. Permangono tuttavia rischi di introduzione dai Paesi extra-EU, ancora endemici. Infine non va sottovalutato il rischio nel nostro continente, legato alla circolazione di virus rabbia-correlati nei pipistrelli insettivori.
Il piano strategico globale “Zero by 30” che vede la collaborazione di Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dell’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale (OIE), della Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e della ONG Global Alliance for Rabies Control (GARC)prevede di eliminare i decessi umani dovuti a rabbia canina entro il 2030. Nell’ambito di tale piano e con lo scopo di creare consapevolezza negli attori della sanità animale e umana in Italia, Il Ministero della Salute ha organizzato un evento formativo-informativo in occasione della Giornata Mondiale della Rabbia.

Obiettivi del workshop

Nell’ambito delle iniziative per celebrare la Giornata Mondiale contro la rabbia, il workshop si propone di dare visibilità all’argomento. In particolare il workshop si propone di:

  • accrescere le conoscenze in tema di prevenzione, sorveglianza e controllo della rabbia sia in ambito umano che animale
  • presentare esperienze di cooperazione internazionale che contribuiscono all’applicazione della strategia globale Zero by 30 contro la rabbia e al raggiungimento della salute per tutti nel 2030.

Qui il programma

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali