19
FEB19

CONVEGNO “RISULTATI DELLO STUDIO NAZIONALE FERTILITÀ”

  • Roma Ministero della Salute - Auditorium "Cosimo Piccinno", Lungotevere Ripa, Roma, RM, Italia
  • Auditorium Cosimo Piccinno, Lungotevere Ripa 1
  • 19 Febbraio 2019
  • 19 Febbraio 2019

Il ministero della Salute, nell’ambito delle azioni centrali previste nel programma di attività del CCM per l’anno 2015, ha promosso il progetto “Studio Nazionale Fertilità” con l’obiettivo generale di raccogliere informazioni sulla salute sessuale e riproduttiva per orientare e sostenere la programmazione di interventi a sostegno della fertilità in Italia.

Il coordinamento dello studio è stato affidato all’Istituto superiore di sanità e hanno partecipato come unità operative l’Università degli studi di Roma “Sapienza”, l’Ospedale Evangelico Internazionale di Genova e l’Università degli studi di Bologna. Il progetto si è concluso a fine 2018. Sono state realizzate indagini rivolte sia alla popolazione potenzialmente fertile (adolescenti, studenti universitari e adulti in età fertile), sia ai professionisti sanitari (pediatri di libera scelta, medici di medicina generale, ginecologi, andrologi, endocrinologi, urologi, ostetriche).

In particolare per l’indagine adolescenti è stato coinvolto un campione complessivo di più di 16.000 studenti di 16-17 anni, di 482 scuole coinvolte distribuite su tutto il territorio nazionale. Tale studio consente di aggiornare l’ultima indagine su temi analoghi condotta dall’Iss nel 2000. L’indagine sugli studenti universitari ha visto la partecipazione di quasi 14.000 giovani e quella condotta sulla popolazione maschile e femminile in età fertile, 18-49 anni, utilizzando il sistema PASSI, ha permesso di realizzare più di 20.000 interviste e, per la prima volta, sono disponibili dati nazionali sulla propensione alla riproduzione, sulla conoscenza della fisiologia della fertilità e sull’eventuale accesso ai servizi sanitari in tema di fertilità nella popolazione adulta italiana.

Le indagini sui professionisti sono state condotte in collaborazione con la Federazione italiana medici pediatri (FIMP) e Federazione italiana medici di medicina generale (FIMMG) rispettivamente per i pediatri di libera scelta (PLS) e i medici di medicina generale (MMG) e hanno risposto circa 700 pediatri e circa 750 medici di famiglia. Per quanto riguarda gli specialisti (ginecologi, andrologi, urologi e endocrinologi) sono state coinvolte le rispettive società scientifiche per un’adesione in totale di circa 730 professionisti. Infine, grazie alla collaborazione della Federazione nazionale dell’ordine professionale delle ostetriche, hanno partecipato all’indagine circa 1.200 ostetriche.

Al convegno verranno presentati i risultati di queste indagini che forniscono una fotografia delle conoscenze, dei comportamenti e degli atteggiamenti in ambito sessuale e riproduttivo delle diverse fasce della popolazione, a partire dai giovanissimi, e mettono a fuoco anche conoscenze e comportamenti dei professionisti sanitari. I dati mostrano anche alcune differenze geografiche.

La prevista tavola rotonda e la discussione che seguirà offriranno la possibilità, a partire dai risultati delle indagini, di riflettere sulle possibili azioni da mettere in campo, sia in campo educativo che formativo e informativo, per la promozione della salute sessuale e riproduttiva nel nostro Paese.

PROGRAMMA

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone