25
NOV20

CONFERENZA STAMPA SOI

  • 25 November 2020
  • 25 November 2020

L’emergenza coronavirus Sars-Cov2 sta nuovamente mettendo sotto pressione il sistema sanitario nazionale; molti ospedali per aumentare la disponibilità di posti per i pazienti colpiti da Covid-19 chiudono altri reparti. Accade ad esempio per l’oculistica, con migliaia di pazienti costretti a rinunciare a curare i propri occhi, come ha denunciato il presidente della Soi, Società oftalmologica italiana, Matteo Piovella.

«C’è una riduzione di visite e interventi del 50% – ha spiegato – quindi 6 milioni di visite e 500mila interventi in meno, per 2 fattori principali: il primo è che, in questa seconda fase di difficoltà, gli ospedali non sono disponibili a erogare le prestazioni di tipo oculistico, anche quelle d’urgenza, perché ovviamente tutte le risorse devono essere dedicate a fronteggiare il Covid ma bisognerebbe anche essere in grado di non abbandonare i pazienti oculistici che hanno bisogno. In secondo luogo, abbiamo mantenuto strutture che tenevano separate le persone positive e potenzialmente contagiose dai pazienti sani però, siccome oggi a livello generale questo non può essere garantito, le persone stesse si rifiutano di fare visite oculistiche o interventi perché pensano di rischiare la vita e prendere il Covid-19».

La soluzione, come già più volte rimarcato, secondo la Soi è incentivare la diffusione e l’utilizzo dei tamponi antigenici rapidi, per testare, tracciare e poi trattare gli eventuali positivi, laddove possibile anche con la formula dell’autodiagnosi.

«Si tratta di seguire la strada già utilizzata in Sud Corea, Cina, Hong Kong e Singapore degli auto-test – ha concluso Piovella – ci sono dei test paragonabili ai test di gravidanza normalmente utilizzati da tutti che la maggioranza delle persone è in grado di utilizzare per fare una auto-diagnosi di positività. Ovvio che le persone che si trovassero in difficoltà sarebbero quelle che avrebbero pieno accesso a un’assistenza per avere un test veritiero e affidabile».

PER PARTECIPARE:

Entra nella riunione in Zoom

https://zoom.us/j/4690390483

ID riunione: 469 039 0483

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco