26
NOV19

CLIMA, INQUINAMENTO ATMOSFERICO ED EFFETTI SULLA SALUTE IN ITALIA

  • Roma Viale Giorgio Ribotta, 5, Roma, RM, Italia
  • Ministero della Salute - Auditorium Biagio D’Alba
  • 26 November 2019
  • 26 November 2019


Il convegno nasce dalla volontà di condividere in anteprima le ultime evidenze disponibili a livello nazionale e internazionale sugli impatti delle temperature estreme e dell’inquinamento atmosferico e sugli interventi per migliorare l’adattamento della popolazione e la risposta del sistema sanitario per la prevenzione degli effetti a breve termine.

Gran parte dell’evento sarà dedicata ai risultati del progetto CCM, azione centrale, “Piano operativo nazionale integrato per la previsione e la prevenzione degli effetti delle ondate di calore e dell’inquinamento atmosferico sulla salute” che ha visto il coinvolgimento anche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e ai risultati del progetto BEEP – Big Data in Epidemiologia Ambientale Occupazionale, coordinato dall’INAIL, in collaborazione con il CNR e il Dipartimento di Epidemiologia del Lazio.  Verranno presentati i dati sugli effetti di inquinamento atmosferico e temperature estreme su tutto il territorio nazionale, in grado di evidenziare l’effetto sia nelle grandi aree urbane, sia nelle zone suburbane e rurali del nostro Paese e di identificare le aree più vulnerabili.

programma

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...