20
FEB19

CAMBIAMENTI AMBIENTALI GLOBALI E DISPOSITIVI MEDICI (CADM). IL LIBRO BIANCO

  • Roma Istituto Superiore di Sanità, Aula Bovet, Viale Regina Elena 299
  • Istituto Superiore di Sanità
  • 20 Febbraio 2019
  • 20 Febbraio 2019

La globalizzazione e l’urbanizzazione in atto rappresentano una sfida per la capacità di tutelare la salute pubblica a livello mondiale. L’impatto antropico sta modificando l’ambiente su scala globale. Questi cambiamenti possono avere effetti diretti e indiretti sulla salute delle popolazioni introducendo anche nuove patologie. Le ondate di calore e le alluvioni sono un esempio di questi cambiamenti. In questo contesto si stanno anche modificando gli usi e le necessità dei Dispositivi Medici nella quotidianità. Lo studio degli stili di vita, della qualità dell’ambiente e dei possibili campi di applicazione possono essere fattori correlati nell’individuazione di eventuali tipologie di
Dispositivi Medici che potrebbero contribuire a supportare le necessità terapeutiche e di prevenzione delle popolazioni sia nella quotidianità che in caso di allerte ambientali.

Nel corso del convegno saranno presentati i risultati dello studio nazionale e del Libro Bianco

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone