30
MAY19

9° CONVEGNO NAZIONALE SULLE MALATTIE MITOCONDRIALI

  • Rom Holiday Inn Rome - Eur Parco Dei Medici, Viale Castello della Magliana, Roma, RM, Italia
  • Holiday Inn Rome Eur Parco dei Medici
  • 30 May 2019
  • 02 June 2019

Dal 2010, il Convegno Nazionale sulle Malattie Mitocondriali rappresenta un APPUNTAMENTO ANNUALE molto importante e sentito dalla COMUNITÀ SCIENTIFICA ITALIANA che si occupa di queste patologie, dai MALATI e dalle loro FAMIGLIE ed è l’occasione per tutti noi per rivedere vecchi amici e accoglierne di nuovi nella nostra Mito Famiglia.

Come lo scorso anno, il Convegno si terrà a ROMA, città che ospita alcuni dei maggiori centri di riferimento a livello italiano e internazionale per lo studio e la cura delle malattie mitocondriali.

Come ogni anno, il convegno sarà articolato in DUE SEZIONI:

– LA PRIMA, CON UN PROGRAMMA SCIENTIFICO DI ALTISSIMO LIVELLO ACCREDITATO ECM, tratterà i principali temi legati alle sindromi mitocondriali, con un focus sia sugli studi di base sia sui trattamenti specifici e le terapie complementari d’ausilio e vedrà la partecipazione dei massimi esperti italiani di malattie mitocondriali;

– LA SECONDA, RIVOLTA AI PAZIENTI E ALLE FAMIGLIE, tratterà temi che riguardano gli aspetti medici e la gestione quotidiana della malattia.

PROGRAMMA

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali