9 aprile 2018

Gabriella Levato

Segretario Fimmg Lombardia

Gabriella Levato, 53 anni, medico di famiglia a Cologno Monzese guiderà la squadra della federazione dei medici di famiglia lombardi. «Il primo pensiero di questo esecutivo – ha dichiarato Gabriella Levato – va ai giovani che frequentano il corso di formazione in medicina generale e che, nella nostra regione, appena ottenuto l’attestato entreranno in pochi […]

Gabriella Levato, 53 anni, medico di famiglia a Cologno Monzese guiderà la squadra della federazione dei medici di famiglia lombardi.

«Il primo pensiero di questo esecutivo – ha dichiarato Gabriella Levato – va ai giovani che frequentano il corso di formazione in medicina generale e che, nella nostra regione, appena ottenuto l’attestato entreranno in pochi mesi e a pieno titolo nella medicina di famiglia. Il nostro impegno, per evitare il default della medicina territoriale sarà di marcare strette le istituzioni per aumentare il numero delle borse del corso di formazione. Se non riusciremo infatti a sostituire appieno il numero di colleghi  che nel giro di pochi anni andranno in pensione  (entro il 2023 andranno in pensione, per il raggiungimento dei requisiti anagrafici, circa 1500 medici di famiglia su 6000) sarà difficile impedire il ritorno alla realtà delle medicina generale, con 5000 assistiti e oltre, magistralmente interpretata dal Albero Sordi nel “medico della mutua”».

«Lavoreremo inoltre per potenziare il ruolo dei medici di famiglia nella presa in carico delle patologie croniche, per  promuovere la dotazione negli studi medici della diagnostica strumentale (ecg, spirometria, retinografia, TAO, tele monitoraggio domiciliare) anche in telemedicina per offrire maggiori servizi ai cittadini lombardi in una logica di prossimità e per essere supportati nei nostri studi da personale non medico debitamente formato», conclude.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...