15 Maggio 2018

Federico Gelli

Responsabile del rischio in sanità di Federsanità Anci

Federico Gelli è stato nominato responsabile del rischio in sanità di Federsanità Anci.  La nomina è stata conferita dalla Presidente Tiziana Frittelli  – direttore generale del Policlinico Tor Vergata di Roma – con l’obiettivo di valorizzare il lavoro svolto da Federsanità ANCI nel corso degli ultimi anni e dare attuazione ad iniziative di prevenzione in […]

Immagine articolo

Federico Gelli è stato nominato responsabile del rischio in sanità di Federsanità Anci. 

La nomina è stata conferita dalla Presidente Tiziana Frittelli  – direttore generale del Policlinico Tor Vergata di Roma – con l’obiettivo di valorizzare il lavoro svolto da Federsanità ANCI nel corso degli ultimi anni e dare attuazione ad iniziative di prevenzione in tutte le strutture sanitarie del territorio.

Gelli è stato relatore per la Camera dei Deputati della Legge 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, approvata dal Parlamento in via definitiva il 28 febbraio 2017.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone