15 maggio 2018

Federico Gelli

Responsabile del rischio in sanità di Federsanità Anci

Federico Gelli è stato nominato responsabile del rischio in sanità di Federsanità Anci.  La nomina è stata conferita dalla Presidente Tiziana Frittelli  – direttore generale del Policlinico Tor Vergata di Roma – con l’obiettivo di valorizzare il lavoro svolto da Federsanità ANCI nel corso degli ultimi anni e dare attuazione ad iniziative di prevenzione in […]

Immagine articolo

Federico Gelli è stato nominato responsabile del rischio in sanità di Federsanità Anci. 

La nomina è stata conferita dalla Presidente Tiziana Frittelli  – direttore generale del Policlinico Tor Vergata di Roma – con l’obiettivo di valorizzare il lavoro svolto da Federsanità ANCI nel corso degli ultimi anni e dare attuazione ad iniziative di prevenzione in tutte le strutture sanitarie del territorio.

Gelli è stato relatore per la Camera dei Deputati della Legge 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, approvata dal Parlamento in via definitiva il 28 febbraio 2017.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...