15 Novembre 2022 09:31

Alberto Momoli

PRESIDENTE SIOT

La guida della Società scientifica è stata affidata dall’assemblea dei soci al Direttore dell’U.O.C di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale “San Bortolo” di Vicenza

Il Dott. Alberto Momoli, veronese classe 1957, è il presidente della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia per il biennio 2022-24. Sarà coadiuvato da un nuovo Consiglio Direttivo composto dai due vicepresidenti: Dott. Sebastiano Cudoni e Prof. Pietro Randelli; affiancati dai consiglieri: Dott. Gaetano Bruno, Dott. Massimo Candela, Prof. Olimpio Galasso, Prof. Giuseppe Milano, Dott. Norberto Negri, Prof. Rocco Papalia, Prof. Cosimo Tudisco e Prof. Luigi Zagra. Il Collegio dei revisori dei conti è composto da: Dott. Alessandro Masini, Dott. Fabrizio Rivera e Prof. Pietro Ruggieri.

Una gremita assemblea ordinaria dei soci, riunita presso il Centro Congressi Rome Cavalieri Waldorf Astoria in occasione del 105° Congresso Nazionale della SIOT, ha ascoltato le parole del neo Presidente il quale ha subito voluto ringraziare il Prof. Lanfranco Del Sasso e il Prof. Giuseppe Sessa. Il primo  per averlo incoraggiato più di dieci anni fa ad impegnarsi all’interno della Società scientifica e il secondo per aver avviato un percorso di riavvicinamento tra mondo accademico e quello ospedaliero che in passato hanno vissuto dei momenti di incomprensione. Ringraziamenti sentiti anche ai due past president, il Prof. Francesco Falez e il Prof. Paolo Tranquilli Leali, per aver saputo traghettare la Società negli ultimi difficili anni.

Il neo presidente SIOT Dott. Alberto Momoli ha tracciato le sue linee programmatiche in un discorso efficace e concreto: “Abbiamo sempre guardato alla SIOT con grande rispetto e anche con un po’ di timore reverenziale. Il mondo ora però è cambiato, e con esso deve cambiare l’ortopedia – chiarisce il dott. Momoli. “La Società deve mantenere le prerogative scientifiche e divulgative per cui è nata, continuando ad essere il punto di riferimento degli Ortopedici e Traumatologi italiani, ma deve essere in grado adeguarsi a questi cambiamenti con tutte le risorse di cui dispone”.

Dovrà proseguire il sostegno al sistema di protezione collettivo Siot Safe che “nelle sue fasi iniziali non è forse stato adeguatamente capito ma che rappresenta un’arma irrinunciabile per difendere la nostra categoria che è quotidianamente sotto attacco”. Il Dott. Momoli ha anche sottolineato come il progetto Siot Safe rappresenti non solo uno strumento di tutela individuale ma anche una preziosa fonte di dati sulle nostre attività.

Altro tema toccato dal Presidente riguarda i rapporti con le società super-specialistiche affiliate, che sono la forza della SIOT e che esprimono, ciascuna nel proprio ambito, una grande capacità di elaborazione scientifica. “Però troppo spesso le attività congressuali e gli argomenti si sovrappongono tra loro. Anche se è un compito difficile, ritengo che ormai i tempi per un cambiamento siano maturi. La SIOT non è in concorrenza con le Società super-specialistiche ma deve intraprendere con loro un percorso di collaborazione reciproca” – chiarisce il Dott. Momoli.

Il Presidente coinvolgerà nel prossimo biennio il Consiglio Direttivo con specifiche deleghe, in modo che ciascuno possa lavorare per obiettivi. Le conclusioni sono dedicate all’attenzione alle nuove generazioni: “E’ necessario proteggere e accompagnare nella formazione i nuovi specializzandi e i giovani specialisti, coinvolgendoli maggiormente in tutte attività della Società” – ha affermato il Dott. Momoli.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa