Usura bancaria, linea dura della Cassazione: «Per i mutui il vero Taeg è quello della stipula» 

Tassi usurari sui mutui? La Cassazione torna a farsi sentire sull’usura bancaria, sanzionando il comportamento delle banche. I giudici della Suprema Corte – con la sentenza n.801 dello scorso 19 gennaio – hanno  messo in guardia gli istituti bancari, aprendo un nuovo fronte di ricorsi. Chiamata in causa, la prima sezione civile della Cassazione ha […]

di Anatocismo

Tassi usurari sui mutui? La Cassazione torna a farsi sentire sull’usura bancaria, sanzionando il comportamento delle banche.

I giudici della Suprema Corte – con la sentenza n.801 dello scorso 19 gennaio – hanno  messo in guardia gli istituti bancari, aprendo un nuovo fronte di ricorsi. Chiamata in causa, la prima sezione civile della Cassazione ha ulteriormente chiarito che il valore di riferimento per il Taeg è quello del momento in cui avviene la stipula del finanziamento e non quello del pagamento: questo vale sia per i mutui a tasso fisso che per quelli variabili.

Insieme all’anatocismo bancario, quella dei mutui usurari si conferma, dunque, una delle maggiori irregolarità che i cittadini subiscono da parte delle banche, con le quali continua l’acceso braccio di ferro anche per altre vicende: in primis i rimborsi per le vittime del decreto Salvabanche. «Penso che verranno rimborsati – afferma il presidente del Codacons Carlo Rienzi – perché il governo, su questa vicenda, si gioca la faccia e poi queste persone hanno subito un’autentica truffa. In sede civile o penale riavranno quei soldi. Di sicuro si passerà dai tribunali».

Tornando alla recente sentenza della Cassazione sui mutui usurari, da segnalare che la norma interpretativa presa in esame comporta l’inapplicabilità del meccanismo dei tassi soglia alle pattuizioni di interessi stipulate in data precedente all’entrata in vigore della legge n. 108 del 1996 sull’usura bancaria. Questo significa che per i mutui a tasso variabile ci si potrebbe trovare di fronte a situazioni di “usura legale”.

Articoli correlati
La privacy dei pazienti nei certificati di malattia al datore di lavoro va tutelata?
In linea di principio il medico non deve specificare nel certificato di malattia indicazioni diagnostiche e/o specifiche sulla patologia, trattandosi di dati sensibili. Recentemente la Suprema Corte di Cassazione ha affrontato la tematica nell’ordinanza n. 2367 del 31/1/18 e in quella sede ha ritenuto che il medico non fosse responsabile per aver indicato sul certificato […]
Il medico risponde anche delle negligenze dell’infermiere che lo supporta nella cura del paziente?
La Corte di Cassazione si è pronunciata diverse volte su questo punto (vedi sez. IV 9638/00; 24573/11; 2541/15) precisando che l’infermiere svolge una specifica posizione di garanzia nei confronti del paziente. Recentemente, tale tematica è stata ripresa nella sentenza n. 5/18 della IV sez. della Corte di Cassazione, nell’ambito della quale si è ribadita la […]
E’ corretto che i rimborsi per le spese di viaggio dovuti agli specialisti ambulatoriali siano tassati?
La Suprema Corte di Cassazione con l’ordinanza 6793/15 ha chiarito la natura risarcitoria, e non retributiva, delle spese di viaggio sostenute dagli specialisti ambulatoriali, cui vengono assegnati incarichi al di fuori del comune di residenza. Dunque, se i rimborsi sono mere reintegrazioni patrimoniali non possono essere tassati ai fini IRPEF. Recentemente tale interpretazione è stata […]
In caso di diagnosi equivoca quale responsabilità per il medico?
La Corte di Cassazione Penale con la sentenza n. 29053 del 12 giugno 2017 ha stabilito che in caso di diagnosi equivoca non c’è imperizia a carico dei sanitari che hanno effettuato una scelta chirurgica proprio perché dagli esami compiuti durante otto giorni di degenza del paziente nel reparto di chirurgia d’urgenza non era stata […]
IRAP e medicina di gruppo. Quali novità dalla Cassazione?
La Corte di Cassazione con la recentissima sentenza n. 27267 del 28 dicembre 2016 ha ribadito che, in materia di IRAP, la medicina di gruppo non è un’associazione tra professionisti ma un organismo promosso dal Servizio sanitario nazionale, quindi la sua attività diventa rilevante ai fini dell’imposizione fiscale non per la forma associativa del suo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...