Stop Ingiustizie Bancarie 5 gennaio 2016

«Irregolarità bancarie, si muovono Governo e Parlamento»

Intervista all’onorevole Giovanni Paglia: «Con questa incertezza normativa, ovvio che fioriscano i ricorsi e la giurisprudenza è ormai consolidata. Se le banche collaborassero sarebbe un grande segno di civiltà»
 

Immagine articolo

Alla Camera, la Commissione Finanze è in prima linea nell’affrontare i fenomeni delle irregolarità bancarie, tra cui la pubblicità ingannevole e l’anatocismo. Una situazione di confusione normativa cui è fondamentale porre un argine.


E se i ricorsi in tribunale aumentano sempre più, l’ultimo baluardo in difesa dei cittadini deve essere alzato dal Governo, con una legge ad hoc. Sanità informazione ha affrontato la questione con l’on. Giovanni Paglia, deputato SEL, membro della V Commissione Finanze.

«Il Parlamento due anni fa aveva legiferato – spiega Paglia – imponendo una volta per tutte che l’anatocismo dovesse sparire. Nei mesi scorsi Banca Italia ha lanciato una consultazione pubblica rispetto ad una sua proposta molto criticata, in quanto prevedeva il ripristino dell’anatocismo, seppur limitatamente ad alcune tipologie. Questo – continua – mi ha portato ad attuare una risoluzione in Commissione Finanze per indirizzare il Governo affinché si opponesse a far “rientrare dalla finestra” ciò che era uscito dalla porta. Credo che abbiamo trovato un buon compromesso – prosegue l’onorevole – approvato in Commissione, con cui si esclude qualsiasi possibilità di ricapitalizzazione».

In attesa di provvedimenti che possano definire la situazione, è comunque aperta per i cittadini la strada dei ricorsi. E, stando al consolidato orientamento giurisprudenziale, favorevole ai risparmiatori, sembra essere anche la più opportuna…
«Sì – concorda Paglia – dal momento che, ad oggi, le previsioni normative non sono ancora abbastanza chiare. Sono contento che la giurisprudenza abbia questo orientamento, tuttavia l’ideale sarebbe arrivare ad una situazione in cui non sarà più necessario ricorrere».

Interessante il dato divulgato dal Ministero della Giustizia secondo cui, in oltre il 50% dei casi, le banche, non appena il cittadino ricorre, diventano immediatamente disponibili ad una transazione e a chiudere la partita nel giro di pochi mesi.
«Questo dimostra che le banche hanno capito dove sta tirando il vento, sia dal punto di vista giurisprudenziale che normativo. Potrebbero tuttavia – conclude l’onorevole – fare un ulteriore sforzo: senza aspettare i ricorsi dei cittadini, adeguarsi spontaneamente ad una buona prassi, contribuendo a deflazionare il carico giudiziario e a renderci un paese più civile».

Articoli correlati
Il “Salvabanche” gli toglie 50mila euro, imprenditore ternano fa ricorso
Ritrovarsi con 50mila euro in meno da un giorno all’altro. Precisamente il 22 novembre 2015, quando quasi un miliardo e mezzo di euro è andato in fumo in seguito all’approvazione, da parte del Governo, del Decreto “Salvabanche”. Un’ingiustizia (anzi, una «fregatura», come la chiama Giuseppe Alunni, imprenditore ternano da anni nel settore delle forniture tecniche […]
“Salva Banche”: al via i rimborsi forfettari, ma dei decreti per l’arbitrato neanche l’ombra
Lunedì 19 settembre, con un ritardo di quasi tre mesi rispetto al termine del 30 giugno fissato dal premier,  è il giorno previsto per i rimborsi forfettari per gli oltre 10mila obbligazionisti coinvolti nel fallimento di Banca Etruria, Banca Marche, Carife e CariChieti. Ancora nessuna novità, invece, riguardo ai decreti attuativi dell’arbitrato bancario, il cui […]
Giudici in soccorso delle vittime di anatocismo
Un’importante sentenza della Corte d’Appello de l’Aquila del 2 agosto fissa nuovi paletti a tutela delle vittime dell’anatocismo bancario. La sentenza stabilisce che quando cliente e banca non abbiano pattuito in maniera corretta ed espressa l’applicazione di interessi ultralegali, ovvero superiori rispetto a quelli previsti dalla legge, alla banca non sono dovuti né gli interessi […]
Il cliente chiede alla banca i documenti sul suo mutuo? Ecco come gli istituti (illegittimamente) aumentano i costi
10, 20, addirittura 30 euro per ogni foglio. Secondo un recente articolo di approfondimento pubblicato da Plus24 – Il Sole 24 Ore – sono questi i costi che le banche applicano ai documenti, spesso voluminosi, richiesti dai clienti per fare luce sulla loro situazione. I noti casi di anatocismo, usura bancaria e pubblicità ingannevole, infatti, […]
Deutsche Bank: no a tassi negativi, ma sì a nuovi costi
In un verso o nell’altro sembra che tocchi sempre al correntista rimetterci. Questa volta è il turno di Deutsche Bank che in una recente intervista al quotidiano Bild, da una parte rassicura i suoi clienti spiegando che non applicherà tassi negativi sui depositi, ma dall’altra anticipa l’aumento dei costi di gestione dei conti corrente, ipotizzandolo anche per altri istituti. La motivazione dell’aumento? I costi derivanti dalla politica espansiva della Banca Centrale Europea, che negli ultimi mesi hanno portato i tassi di interesse in territorio negativo.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...