Stop Ingiustizie Bancarie 3 novembre 2015

Ingiustizie bancarie, Roma “insegue” Milano

La giurisprudenza si uniforma contro l’anatocismo: il Tribunale di Roma si uniscea quello di Milano per evitare che le irregolarità creditizie “rientrino dalla finestra”

Immagine articolo

L’anatocismo è una pratica illegale e tale condizione non cambia anche se la delibera del Comitato Interministeriale per il Credito ed il Risparmio (C.I.C.R.), volta a stabilire in che modo questa norma debba essere attuata, non è ancora stata emanata.


Lo ha ribadito il Tribunale di Roma che, attraverso l’ordinanza del 20 ottobre scorso, si è allineata a quanto già stabilito dal Tribunale di Milano: a partire dal primo gennaio del 2014 vige il divieto di anatocismo, sancito dall’articolo n. 120 del T.U.B. (Testo Unico Bancario) e tutto quel che verrà stabilito in seguito all’emanazione del C.I.C.R. riguarderà soltanto aspetti tecnici che non possono in alcun modo cambiare la natura della norma, che come detto vieta la capitalizzazione degli interessi passivi. Per lo stesso motivo, non va nemmeno considerata l’eventualità che questa delibera possa in qualche modo andare contro la volontà del legislatore e far “entrare dalla finestra” una norma che consenta alle banche di produrre interessi supplementari dagli interessi passivi.

Il Tribunale di Roma, citando quello di Milano che già si era espresso sulla materia, scrive nero su bianco che la mancanza della delibera C.I.C.R. comporta unicamente che «allo stato gli intermediari sono liberi di adottare qualunque modalità operativa contabile al fine di garantire che gli interessi non siano mai calcolati sugli interessi in tutte le operazioni bancarie. Allo stato non vi è alcun impedimento né al calcolo degli interessi, né alla loro separata annotazione in conto, vigendo al contrario la massima libertà in proposito». Insomma, «nessuna specificazione tecnica di carattere secondario potrebbe limitare la portata o disciplinare diversamente la decorrenza del divieto».

Secondo il Tribunale di Roma, inoltre, quanto stabilito vale non soltanto per i contratti di conto corrente bancario che verranno stipulati in futuro, ma anche per quelli firmati tra il 20 ottobre (data in cui è stata emanata l’ordinanza) e il primo gennaio 2014 (ovvero, come già detto, il giorno in cui è cambiato il modo in cui è disciplinata la materia). Ciò significa che non è «dubitabile che tale innovazione ben possa applicarsi anche ai contratti sorti in precedenza, ma non esauriti e pertanto ancora in corso».

Va avanti dunque la stretta della magistratura verso le irregolarità commesse dalle banche nei confronti dei correntisti. Insieme a quelle sull’anatocismo, infatti, continuano ad arrivare sentenze di condanna nei confronti degli istituti bancari che applicano tassi usurai, pubblicità ingannevole e a stipulare mutui irregolari.

Articoli correlati
Tassi Usurari, Corte d’Appello di Roma condanna banca. Clienti potranno chiedere risarcimento
Nuova sentenza di condanna verso una banca per tassi usurari. I giudici della Corte d’Appello di Roma hanno bocciato l’istanza presentata dalla difesa di un noto Istituto di Credito, confermando in sostanza la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale Civile di Terracina. Il problema tra banca e i correntisti che hanno intentato la causa […]
Decreto “Salvabanche”, un anno dopo: “Le nostre richieste non sono state ascoltate”
È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, […]
Giudici in soccorso delle vittime di anatocismo
Un’importante sentenza della Corte d’Appello de l’Aquila del 2 agosto fissa nuovi paletti a tutela delle vittime dell’anatocismo bancario. La sentenza stabilisce che quando cliente e banca non abbiano pattuito in maniera corretta ed espressa l’applicazione di interessi ultralegali, ovvero superiori rispetto a quelli previsti dalla legge, alla banca non sono dovuti né gli interessi […]
Deutsche Bank: no a tassi negativi, ma sì a nuovi costi
In un verso o nell’altro sembra che tocchi sempre al correntista rimetterci. Questa volta è il turno di Deutsche Bank che in una recente intervista al quotidiano Bild, da una parte rassicura i suoi clienti spiegando che non applicherà tassi negativi sui depositi, ma dall’altra anticipa l’aumento dei costi di gestione dei conti corrente, ipotizzandolo anche per altri istituti. La motivazione dell’aumento? I costi derivanti dalla politica espansiva della Banca Centrale Europea, che negli ultimi mesi hanno portato i tassi di interesse in territorio negativo.
Irregolarità bancarie, la sentenza: “Illegittimo l’anatocismo su conto corrente”
L’anatocismo è vietato per contratti di conto corrente stipulati prima del 22 aprile del 2000. Lo ha stabilito il Tribunale di Treviso con una sentenza emanata il 30 giugno scorso, che sancisce la nullità delle pratiche di anatocismo bancario trimestrale su estratto conto. In particolare, in un caso del genere si configurerebbe una violazione dell’articolo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...