Stop Ingiustizie Bancarie 19 gennaio 2016

Ingiustizie bancarie, l’urlo della piazza: «Dopo i soldi ci portate via anche le case?»

I risparmiatori che hanno perso tutto con il “Salvabanche” temono anche per i mutui: «Pronti a rivolgerci ai tribunali»

Immagine articolo

Le manifestazioni vanno bene, ma non bastano: bisogna rivolgersi ai tribunali». Di nuovo in piazza i risparmiatori vittime del decreto “Salvabanche”. Dopo Bankitalia e Montecitorio, stavolta sono andati a urlare la loro rabbia sotto la sede della Consob, contestata per non aver svolto il suo principale compito: quello di vigilare.


Una protesta sempre più veemente mentre cresce la sfiducia verso le banche e monta la rabbia verso il governo. Nel frattempo, però, prende ancora maggiore consapevolezza la necessità di dover far valere le proprie ragioni nelle aule dei tribunali non solo per la gestione dei risparmi, ma anche per mutui e conti correnti, come segnala il portale www.stopingiustiziebancarie.it.

«Non ci fermeremo, faremo tutto quello che c’è da fare e, se necessario, anche di più», afferma un pensionato che dopo aver fatto il pescatore per una vita a Goro, località in provincia di Ferrara, sul delta del fiume Po, ha perso 130mila euro. «Ce la metteremo tutta perché è diventata una questione di principio: se la fanno franca anche stavolta, significa che possono fare tutto».

Ed è proprio questo il timore che emerge dalla protesta. Lo sostiene anche Monica Cirillo dell’Adusbef, l’associazione che ha organizzato la protesta insieme a FederConsumatori. Nel corso della protesta ha consegnato un oscar alla carriera al presidente di Consob Giuseppe Vegas per poi affermare: «Il panorama è pieno di irregolarità bancarie. Se non si interviene, tra sei mesi saremo di nuovo qui a protestare per un altro caso. C’è un unico filo che lega tutto: si parte dal caso Parmalat  e si arriva al Salvabanche. Nel 2012, quando scoppiò il caso Deiulemar (compagnia di navigazione i cui obbligazionisti hanno perso migliaia di euro, ndr) era stata chiesta una commissione d’inchiesta per verificare perché Consob e Bankitalia non avessero vigilato. Se si fossero presi gli adeguati provvedimenti, oggi non saremmo a questo punto. Oggi i cittadini temono per tutto, anche per i loro mutui. Non c’è più fiducia nel sistema. Cosa si aspetta, che i risparmiatori si tengano i soldi sotto la mattonella?».

Dopo aver visto “evaporare” i soldi dai conti correnti, ora si teme per le case, quelle conquistate con anni e anni di sacrifici. «Sono correntista della stessa banca da 39 anni e mi aspettavo più correttezza – racconta una commerciante venuta a Roma da Empoli – e non si dica che quei soldi li abbiamo investiti male: ce li hanno rubati! Sui mutui, poi, nel nostro caso, per ottenerli ci hanno fatto acquistare delle obbligazioni, facendoci credere che avremmo potute venderle. Invece, poco dopo, quei titoli sono crollati e si è scoperto che era un gioco, fatto di proposito, dalle banche. Un vero ricatto, che ci aveva già fatto perdere la fiducia». «Cerchiamo di far rumore con queste proteste – afferma uno dei più giovani in piazza, venuto a Roma dall’Emilia Romagna, dopo aver perso più di 40mila euro – ma siamo disposti anche ad andare davanti ai tribunali. Ci hanno tolto tutto: i soldi, la dignità, ma non la voglia di lottare per i nostri diritti».

Ma la gente non ci sta. In piazza non c’è aria di rassegnazione. La protesta si colorisce di insulti, ma la rabbia non fa perdere la bussola a chi va in piazza. «Sono i risparmi di una vita, soldi che abbiamo messo da parte con il duro lavoro e questi soldi devono ridarmeli fino all’ultimo centesimo», afferma un operaio di un’azienda chimica, venuto a Roma dalla Toscana, direttamente dopo un turno di notte. Con lui c’è un pensionato disabile che non ha dubbi: «Non ci fermeremo qui, porteremo banche e governo in tribunale» ed una ex impiegata, ora in pensione, chiama in causa il premier Matteo Renzi («Lo sfiduceremo noi») e aggiunge: «Non ci arrendiamo perché abbiamo ragione». Chi nel frattempo ha già perso la fiducia dei cittadini, sono le banche: sotto la sede della Consob, il ritornello di bocca in bocca è lo stesso: «La fiducia? è scesa sotto lo zero…». «Sono deluso – afferma un uomo con 43 anni di lavoro sulle spalle come operaio specializzato – ma non posso farmi portare via quello che ho messo da parte, cominciando a lavorare quando non avevo neppure 13 anni: io porto tutti in tribunale».

Articoli correlati
Decreto “Salvabanche”, un anno dopo: “Le nostre richieste non sono state ascoltate”
È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, […]
Il “Salvabanche” gli toglie 50mila euro, imprenditore ternano fa ricorso
Ritrovarsi con 50mila euro in meno da un giorno all’altro. Precisamente il 22 novembre 2015, quando quasi un miliardo e mezzo di euro è andato in fumo in seguito all’approvazione, da parte del Governo, del Decreto “Salvabanche”. Un’ingiustizia (anzi, una «fregatura», come la chiama Giuseppe Alunni, imprenditore ternano da anni nel settore delle forniture tecniche […]
Irregolarità bancarie, la sentenza: “Illegittimo l’anatocismo su conto corrente”
L’anatocismo è vietato per contratti di conto corrente stipulati prima del 22 aprile del 2000. Lo ha stabilito il Tribunale di Treviso con una sentenza emanata il 30 giugno scorso, che sancisce la nullità delle pratiche di anatocismo bancario trimestrale su estratto conto. In particolare, in un caso del genere si configurerebbe una violazione dell’articolo […]
Anatocismo bancario, vietato anche per carte di credito revolving
L’anatocismo bancario non può essere applicato alle carte di credito revolving. Lo ha stabilito il Collegio di Napoli dell’ABF (Arbitro Bancario Finanziario) con la decisione numero 2059 del 4 marzo scorso. Dovendo decidere su un controversia relativa ad un caso di capitalizzazione degli interessi messa in atto da un istituto bancario all’interno di un rapporto (come detto […]
Mutui irregolari, Giorgia Meloni: «Così le banche possono toglierti la casa»
In Italia vige ancora l’anatocismo ed una serie di strumenti con i quali le banche letteralmente si “fregano” le case della gente». Giorgia Meloni, deputata e leader di Fratelli d’Italia, è scesa in piazza al fianco delle vittime del decreto Salvabanche, richiamando l’attenzione sulle numerose irregolarità del sistema creditizio italiano. Partendo dal caso delle obbligazioni […]
di Anatocismo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...