Stop Ingiustizie Bancarie 5 gennaio 2016

In piazza la rabbia e le richieste di rimborsi

Anche infermieri e medici al sit-in sotto la Banca d’Italia: «Gli istituti di credito hanno tradito la nostra fiducia, ma ora vogliamo solo essere risarciti»

Immagine articolo

Ci ho messo una vita a mettere da parte 20mila euro. Me li hanno rubati. Non mi accontenterò fino a quando non me li ridaranno, fino all’ultimo centesimo. Sono soldi nostri messi da parte per il futuro, per una emergenza, per i figli che non lavorano. Vi sembra giusto? Io sono un’infermiera, faccio turni massacranti e dal 22 novembre i miei soldi sono stati azzerati».


È uno dei tanti sfoghi raccolti all’esterno della Banca d’Italia, dove si sono radunati centinaia di manifestanti del “Comitato Vittime del Salvabanche” che hanno visto svanire nel nulla i loro risparmi. «Dalla banca mi sento ingannata – continua l’infermiera – ma il problema è quello che ha fatto il governo. Dovevo essere più attenta? Quando andavo in filiale e chiedevo, mi dicevano: “Hai mai visto una banca fallire?”. E io (finora) mi fidavo della mia banca…».

Più di cartelli, slogan e striscioni, colpiscono i volti e le storie dei tanti italiani che hanno perso i loro risparmi con il decreto legge del 22 novembre. «Urliamo – spiega un pensionato – perché siamo stati truffati da tutti: da Governo, Banca d’Italia e Consob. È stata autorizzata l’emissione di carta straccia con le banche in sofferenza e poi con un decreto è stata azzerata, salvando amministratori e dipendenti a nostre spese. Forse siamo stati 130mila idioti a fare quel tipo di investimento, ma è anche vero che il fondo interbancario poi non ha tirato fuori un euro: ora chiediamo solo di essere risarciti».

Comunque andrà a finire questa vicenda, il rapporto tra cittadini e banche sembra segnato: «Saremo anche un tantino ignoranti in campo finanziario –  fa notare un’altra manifestante – ma se viene meno il rapporto di fiducia, crolla tutto il sistema creditizio». A supporto dei manifestanti, associazioni, comitati ed esponenti politici. Tra loro, anche il vicepresidente del Senato, l’esponente di Forza Italia Maurizio Gasparri: «Sicuramente occorre più trasparenza nelle informazioni della banca e, una volta chiusa questa storia con i risarcimenti dei danneggiati, sarà necessaria una semplificazione. Ora si regge tutto sul rapporto di fiducia personale, un po’ come quando ci si rivolge al medico: se prescrive un medicinale, lo assumi senza verificare, ma se poi si rivela dannoso ne paghi tu le conseguenze».

Anche in piazza è forte la sensazione che il caso “Salvabanche” sia solo la punta dell’iceberg. Sono numerose le irregolarità sempre più spesso contestate agli istituti di credito: dall’anatocismo all’usura, passando per i mutui fuorilegge. «Le banche esisteranno sempre – afferma ancora il senatore Gasparri – ma c’è un limite oltre il quale non devono andare».

Importante, allora, che ci sia una risposta politica. La chiede anche il presidente di FederConsumatori Rosario Trefiletti: «Il Governo deve intervenire, non può passare il messaggio che il risparmio può scomparire dalla sera alla mattina. La gente si sente truffata ma anche tradita dal governo che non trova una soluzione, sottovalutando che così si danneggia un sistema che deve essere più trasparente e più chiaro proprio per recuperare la fiducia dei risparmiatori». Non sarà semplice. «Siamo stati truffati, rivogliamo i nostri soldi», urlano i manifestanti e qualcuno solleva anche un’altra questione: «La banca del nostro territorio per erogare mutui obbligava ad acquistare proprio quelle azioni: un vero e proprio ricatto. È toccato a tantissime persone, molte non hanno il coraggio di venire allo scoperto…».

Articoli correlati
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Ex Specializzandi: “37 milioni in 37 giorni”. Arrivano rimborsi in tutta Italia
Partita dalla Sardegna la nuova iniziativa di Consulcesi: fino al 13 luglio rimborsi in tutte le Regioni italiane per le borse di studio negate ai medici specialisti il 1978 ed il 2006. Nuove tappe nelle Marche, in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania e via via tutte le altre. Intanto accordo transattivo ancora al palo, ma rischio prescrizione. Consulcesi lancia nuova azione collettiva il 15 luglio
Per i medici specialisti 11 milioni di euro a Palermo grazie alle azioni di Consulcesi
Nuova vittoria per le azioni portate avanti da Consulcesi per le mancate remunerazioni durante la specializzazione. Appello del presidente dell’OMCeO Palermo, Salvatore Amato: «Governo e Parlamento si diano una bella smossa per i diritti dei colleghi». Le testimonianze dei medici rimborsati
Ex specializzandi, nessuna prescrizione. Consulcesi: «Scatterà il 2 novembre»
I legali del gruppo leader nella tutela degli ex specializzandi spiegano: «La prescrizione scatterà a 10 anni dal Dpcm del 2 novembre 2007. Senza questo atto i due precedenti decreti del 7 marzo e del 6 luglio sarebbero stati inapplicabili». È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...