Stop Ingiustizie Bancarie 12 gennaio 2016

Gallo (M5S): «Una commissione d’inchiesta sulle truffe bancarie»

L’ombra di ingiustizie su mutui, risparmi e investimenti. Il deputato del Movimento 5 Stelle: «Colpire gli speculatori, restituire i soldi ai cittadini»

Immagine articolo

Tra crack, “Salvabanche” e irregolarità, al fianco dei consumatori che si sentono truffati e traditi dalle proprie banche, l’onorevole del Movimento 5 Stelle Luigi Gallo, intervistato da Sanità Informazione, non ha dubbi sulla strada da intraprendere per una possibile e indispensabile risoluzione dei contenziosi.


«È necessario colpire giuridicamente gli speculatori dell’alta finanza, non i risparmiatori che vogliono solo mettere i propri soldi al sicuro. Oltretutto, i nostri partiti di centro destra e centro sinistra, sostengono di voler difendere i cittadini, e poi in Europa votano misure, come il bail in, che li penalizzano. In questi anni non si è mai voluto accendere un faro sui conflitti d’interesse in campo tra fondazioni bancarie e vigilanza, e noi chiediamo che questo venga fatto. Ma soprattutto, chiediamo che i soldi vengano presi dal fondo interbancario, dai dividendi di Bankitalia, perché sono loro che devono pagare i cittadini».

Adesso c’è forte attenzione mediatica su queste vicende. Ma i risparmiatori hanno tante altre preoccupazioni, come segnala il sito www.stopingiustiziebancarie.it: l’anatocismo bancario, i tassi usurari, i mutui irregolari. Anche questi sono problemi che meritano risalto e vanno affrontati?
«Sì, assolutamente. Noi abbiamo anche proposto una commissione d’inchiesta sulle truffe bancarie e finanziare; perché questo non è un caso isolato. Il sistema puntualmente e periodicamente si trova ad affrontare questi bubboni che scoppiano in mano ai risparmiatori, e a pagare sono sempre loro. Mentre gli speculatori veri, l’1% della popolazione mondiale, se ne approfittano».

A volte sembra una lotta impari, ma c’è un modo per tutelarsi? I cittadini possono in qualche modo riavere i soldi che hanno perso?
«Va modificata la legge: il fondo interbancario va usato sistematicamente per ripagare i risparmiatori truffati, perché in questo modo le banche staranno più attente. La stessa vigilanza di Banca d’Italia, sapendo di dover poi pagare in prima persona, presterebbe maggiore attenzione a ciò che accade. Senza una responsabilità diretta di amministratori e banche, questo non avverrà mai».

Ci sarà adesso una risposta politica, oppure sarà necessario rivolgersi ai tribunali tramite i ricorsi?
«I tribunali devono fare la loro strada, ma la risposta politica deve essere forte. Il governo Renzi ha annunciato una riforma del sistema bancario e adesso sta già facendo passi da gambero: ad esempio, dalla proposta di commissione d’inchiesta, si passa all’indagine d’inchiesta, per fare in modo che i parlamentari non abbiano poteri ispettivi. Credo che banche e politica si stiano di nuovo coalizzando contro i cittadini. Questo sistema va smantellato, perché la maggioranza è costituita dai cittadini truffati, mentre la minoranza è quella che si arricchisce alle loro spalle».


Articoli correlati
Decreto “Salvabanche”, un anno dopo: “Le nostre richieste non sono state ascoltate”
È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, […]
Fallimento Banca Etruria, presentato nuovo esposto. Il Procuratore: “Darà ulteriore forza all’indagine”
Nuovo esposto contro gli ex vertici di Banca Etruria. Le associazioni “Amici di Banca Etruria” e “Vittime del Salva-Banche” hanno evidenziato un «ipotetico dolo nella modalità di emissione di obbligazioni subordinate Banca Etruria del 2013, finalizzato a vendere in maniera capillare tali rischiosi prodotti finanziari ai piccoli risparmiatori». Per il procuratore Rossi questo esposto darà «ulteriore […]
Il “Salvabanche” gli toglie 50mila euro, imprenditore ternano fa ricorso
Ritrovarsi con 50mila euro in meno da un giorno all’altro. Precisamente il 22 novembre 2015, quando quasi un miliardo e mezzo di euro è andato in fumo in seguito all’approvazione, da parte del Governo, del Decreto “Salvabanche”. Un’ingiustizia (anzi, una «fregatura», come la chiama Giuseppe Alunni, imprenditore ternano da anni nel settore delle forniture tecniche […]
Caos Test Medicina: Miur annulla una domanda. Gli studenti sul piede di guerra. Ora che succede?
Il quesito numero 16 troppo ambiguo, Ministero costretto ad assegnare un voto d’ufficio a tutti i partecipanti. Monta la rabbia dei candidati: «Graduatoria falsata». Associazioni universitarie e studi legali già in campo: in attesa delle graduatorie del 4 ottobre in arrivo migliaia di ricorsi.
Giudici in soccorso delle vittime di anatocismo
Un’importante sentenza della Corte d’Appello de l’Aquila del 2 agosto fissa nuovi paletti a tutela delle vittime dell’anatocismo bancario. La sentenza stabilisce che quando cliente e banca non abbiano pattuito in maniera corretta ed espressa l’applicazione di interessi ultralegali, ovvero superiori rispetto a quelli previsti dalla legge, alla banca non sono dovuti né gli interessi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...