Stop Ingiustizie Bancarie 29 agosto 2016

Deutsche Bank: no a tassi negativi, ma sì a nuovi costi

In un verso o nell’altro sembra che tocchi sempre al correntista rimetterci. Questa volta è il turno di Deutsche Bank che in una recente intervista al quotidiano Bild, da una parte rassicura i suoi clienti spiegando che non applicherà tassi negativi sui depositi, ma dall’altra anticipa l’aumento dei costi di gestione dei conti corrente, ipotizzandolo anche per altri istituti. La motivazione dell’aumento? I costi derivanti dalla politica espansiva della Banca Centrale Europea, che negli ultimi mesi hanno portato i tassi di interesse in territorio negativo.

In un verso o nell’altro sembra che tocchi sempre al correntista rimetterci. Questa volta è il turno di Deutsche Bank che in una recente intervista al quotidiano Bild, da una parte rassicura i suoi clienti spiegando che non applicherà tassi negativi sui depositi, ma dall’altra anticipa l’aumento dei costi di gestione dei conti corrente, ipotizzandolo anche per altri istituti. La motivazione dell’aumento? I costi derivanti dalla politica espansiva della Banca Centrale Europea, che negli ultimi mesi hanno portato i tassi di interesse in territorio negativo.

 

Questo in sintesi quanto affermato da Christian Sewing, responsabile del retail banking di Deutsche Bank, sulle pagine del popolare quotidiano Bild. Sewing ha voluto rassicurare i correntisti della banca tedesca dopo le recenti dichiarazioni di una piccola banca bavarese, decisa a imporre un tasso negativo dello 0,40% sui depositi superiori ai 100mila euro, con l’intenzione di contenere i costi derivanti dalla politica accomodante della Bce sui tassi di interesse.

 

Oltre a fugare i dubbi sull’applicazione di tassi negativi, il manager è stato altrettanto esplicito sui costi di gestione dei conti correnti, spingendosi a pronosticarne l’aumento non soltanto per Deutsche Bank, ma anche per molte altre banche tedesche. L’istituto tedesco, infatti, non versa in condizioni di salute eccellenti e, se l’anno scorso ha accusato una perdita sanguinosa di 6,8 miliardi di euro, anche gli stress test condotti dall’Autorità Bancaria Europea nel mese di luglio non hanno dato esiti particolarmente positivi, circostanze che hanno spinto il management a non versare né dividendi né bonus agli azionisti.

 

La prospettiva di un aumento dei costi di gestione suggerisce al correntista una maggiore cautela in fase di stipulazione del contratto, soprattutto in considerazione di commissioni e spese non sempre esplicite, della capitalizzazione degli interessi (meglio nota come anatocismo) e del ricorso a pubblicità ingannevoli.

 

Insomma, al correntista non resta che aprire bene gli occhi e tenere sotto controllo tutte le spese e le commissioni, spesso implicite, che in alcuni casi configurano veri e propri casi di usura bancaria.

Articoli correlati
Giudici in soccorso delle vittime di anatocismo
Un’importante sentenza della Corte d’Appello de l’Aquila del 2 agosto fissa nuovi paletti a tutela delle vittime dell’anatocismo bancario. La sentenza stabilisce che quando cliente e banca non abbiano pattuito in maniera corretta ed espressa l’applicazione di interessi ultralegali, ovvero superiori rispetto a quelli previsti dalla legge, alla banca non sono dovuti né gli interessi […]
Ristorante in fallimento per usura: parte la sfida alla banca
L’usura bancaria continua ad essere al centro dei numerosi contenziosi tra banche e imprenditori. L’ultimo caso ha coinvolto il rinomato ristorante torinese “La Smarrita”, ospitato nell’ex studio del Conte di Cavour. Nonostante l’attività fosse finanziariamente sana, il pagamento di interessi usurari ne ha portato i bilanci in rosso, in pratica sull’orlo del fallimento. Passate al […]
Irregolarità bancarie, la sentenza: “Illegittimo l’anatocismo su conto corrente”
L’anatocismo è vietato per contratti di conto corrente stipulati prima del 22 aprile del 2000. Lo ha stabilito il Tribunale di Treviso con una sentenza emanata il 30 giugno scorso, che sancisce la nullità delle pratiche di anatocismo bancario trimestrale su estratto conto. In particolare, in un caso del genere si configurerebbe una violazione dell’articolo […]
Anatocismo bancario e interessi usurari, così cinque orafi hanno vinto la battaglia contro le banche
Un conto da 261mila euro. È questo l’ammontare della salatissima richiesta che cinque orafi di Arezzo si sono visti recapitare da un istituto di credito in seguito al fallimento della società di cui erano anche fideiussori. Una somma enorme che, com’è ovvio, i diretti interessati non avevano assolutamente alcuna voglia di pagare, anche perché ritenuta […]
Anatocismo bancario, vietato anche per carte di credito revolving
L’anatocismo bancario non può essere applicato alle carte di credito revolving. Lo ha stabilito il Collegio di Napoli dell’ABF (Arbitro Bancario Finanziario) con la decisione numero 2059 del 4 marzo scorso. Dovendo decidere su un controversia relativa ad un caso di capitalizzazione degli interessi messa in atto da un istituto bancario all’interno di un rapporto (come detto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...