Speciale vaccini 1 agosto 2017

«Lorenzin, guarda quante reazioni avverse». In piazza la rabbia dei No Vax

Mentre l’obbligo diventava legge, a Monte Citorio montava la protesta di chi considera i vaccini un diritto e non un dovere: «Sulla pelle di mio figlio niente può essere obbligatorio. Sì alla libertà di scelta»

Mentre i Deputati votavano il Decreto vaccini, di lì a poco convertito in Legge, un centinaio di militanti del movimento No vax si sono radunati in piazza Monte Citorio, dando vita a un’animata e rumorosa protesta. «Assassini, assassini» e «libertà, libertà» intonano a intermittenza, esibendo al centro del presidio il cartello con la scritta “#Non finisce qui”.

Alcuni tra i promotori della protesta anti vaccini davanti al Parlamento hanno chiesto pubblicamente dal microfono «collaborazione e aiuto a difesa dei nostri figli» agli agenti di Polizia e delle altre forze dell’ordine schierate, piuttosto numerose, a cordone spalle alla Camera e faccia ai manifestanti. «Vi chiediamo – è stata la richiesta rimasta ovviamente inevasa e che ha diviso la stessa piazza di manifestanti – di lasciarci passare e di farci entrare. Noi non ce l’abbiamo con voi, vi siamo amici e sappiamo che non c’entrate niente, ma noi non ci possiamo fermare. Dobbiamo andare fino in fondo in questa battaglia di difesa della nostra libertà e della nostra salute. Siamo pacifici, la nostra è una protesta ghandiana: ci sdraieremo per terra, non so cosa altro ci inventeremo. Ma niente e nulla può fermare questa battaglia di libertà».

Ma dopo l’approvazione del Decreto, mentre i Deputati uscivano da palazzo Montecitorio, la protesta “ghandiana” si è trasformata in un’aggressione nei confronti di tre Parlamentari del Pd (Elisa Mariano, Ludovico Vico e Salvatore Capone). Un gruppo contrario ai vaccini ha chiesto ai tre come avessero votato e la tensione è salita rapidamente: «Siamo usciti dalla Camera – spiega la Mariano – andavamo a prendere la macchina per andare in aeroporto e siamo stati inseguiti e insultati. Avevano magliette arancioni con su scritto ‘libertà di scelta’, ci urlavano ‘assassini’». Una volta saliti in auto, «la macchina è stata circondata e presa a calci e pugni per alcuni minuti, finché è intervenuta la Digos. Noi ci siamo presi un grosso spavento», conclude l’Onorevole Mariano.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»