Speciale Cardiologia 23 novembre 2017

«Cardiomiopatie incubo per sportivi. Ma la scuola italiana è la più virtuosa al mondo». L’intervista al Professor Cecchi, Cardiologo Università Firenze

Sono patologie insidiose, spesso alla base delle morti improvvise. Ne parla una delle figure più autorevoli del settore: «Oggi abbiamo più strumenti per diagnosticarle ma serve comunque tanta formazione ECM»

«Le cardiomiopatie sono malattie che colpiscono il muscolo cardiaco portando ad alterazioni della struttura e delle funzioni» così Franco Cecchi, Professore Associato di Cardiologia Università di Firenze e Responsabile Centro di riferimento regionale Cardiomiopatie intervistato in occasione dell’evento ‘Place’, meeting internazionale che ha riunito a Roma i più importanti esponenti di cardiologia a livello mondiale.

«Finalmente oggi possiamo dire di avere una piena comprensione delle cardiomiopatie – prosegue il Professore luminare nel settore e iniziatore della scuola di ricerca sulle cardiomiopatie di Firenze – malattie del muscolo cardiaco più frequenti di quello che originariamente si pensava. In questo settore è bene specificare che la scuola italiana è un esempio virtuoso, infatti i centri italiani che hanno investito culturalmente nella ricerca e nello studio delle cardiomiopatie sono punti di riferimento illustre per la cardiologia mondiale».

«Tra i centri di spicco in Italia, segnalerei Firenze per le cardioipertrofie, Padova per le cardiomiopatie del ventricolo destro, malattie aritmogene e del ventricolo sinistro, Trieste per le cardiomiopatie dilatative e Bologna per l’amiloidosi».

«Con tutti questi centri d’eccellenza, abbiano dimostrato chiaramente che questo investimento ha pagato per il futuro – continua il Professor Cecchi – conosciamo approfonditamente le varie forme di cardiomiopatie e riusciamo a rappresentare un punto di riferimento solido per i nostri pazienti».

Ricerca e formazione sono i principali vettori per «progredire e migliorare la conoscenza su patologie così complesse – aggiunge -. In quest’ottica per quel che riguarda la formazione io credo che i processi di formazione oggi debbano tenere conto di due possibilità: uno partecipare a questo tipo di congressi dove si riesce a stare al passo con le ultime scoperte e le innovazioni in medicina e l’altra informarsi attraverso il web dove sono presenti eventi, corsi e materiale ben documentato da utilizzare da remoto per poter aggiornarsi facilmente e senza togliere troppo tempo alla professione».

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...