La Sanità del futuro 23 marzo 2017

Sanità territoriale, futuro antico? Emiliano (Puglia): «Innovazione contro multinazionali»

Il Presidente della Regione Puglia e candidato alla Segreteria PD: «Strutture che devono essere più efficienti perché la scusa per distruggerle è il costo. Quando una cosa costa troppo, la distruggiamo…»

«Le farmacie sono l’unico presidio di salute assieme ai medici di famiglia. Quindi la modernizzazione di queste strutture serve per opporsi al grande monopolio delle multinazionali» Scandisce queste parole con convinzione Michele Emiliano, Presidente Regione Puglia al convegno “Il futuro della farmacia: scenari, obiettivi, soluzioni” organizzato da Federfarma Roma.

«Le multinazionali vogliono realizzare un monopolio non solo sulla produzione dei farmaci ma anche sulla loro distribuzione», prosegue Emiliano.

«Quindi le farmacie sono, farà strano concepirle così, presidi anche di libertà e democrazia. Ovviamente queste strutture devono essere più efficienti perché la scusa per distruggerle è il costo. Quando una cosa costa troppo, la distruggiamo per poi trasferirla ad altri soggetti».

«Non bisogna arrivare a questo punto – ribadisce il Presidente -, questo va assolutamente evitato anche con l’aiuto della collaborazione del pubblico che ha interesse a favorire una distribuzione libera. D’altronde l’appropriatezza non è solo un compito del medico. E’ chiaro che il medico fa la prestazione però il farmacista ha il suo ruolo perché influenza l’opinione del cliente. Infatti così facendo il cittadino quando va dal medico, è più disponibile ad una discussione con il medico sull’appropriatezza del farmaco. Una discussione più intelligente, più coerente anche con gli obiettivi di risparmio della spesa pubblica».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...