Sanità internazionale 8 giugno 2016

Verso un vaccino “universale” contro il cancro

Un team di ricercatori tedeschi ha utilizzato nanoparticelle contenenti Rna di cellule tumorali, capaci di stimolare una risposta immunitaria in grado di aggredire le cellule tumorali stesse, ottenendo risultati incoraggianti. Questo progresso può dar vita ad «una nuova classe di vaccini applicabili universalmente per l’immunoterapia contro il cancro». Così si conclude un articolo scientifico tedesco […]

Un team di ricercatori tedeschi ha utilizzato nanoparticelle contenenti Rna di cellule tumorali, capaci di stimolare una risposta immunitaria in grado di aggredire le cellule tumorali stesse, ottenendo risultati incoraggianti. Questo progresso può dar vita ad «una nuova classe di vaccini applicabili universalmente per l’immunoterapia contro il cancro». Così si conclude un articolo scientifico tedesco pubblicato il 2 giugno sulla rivista Nature. Si tratta di una svolta che è però stata verificata soltanto su un piccolo numero di pazienti, e non si tratta dunque di un risultato già acquisito. Ma il lavoro di ricerca che sta alla base è considerato dagli esperti molto promettente. L’idea è semplice: stimolare il sistema immunitario di una persona con il cancro per indurlo a riconoscere le sue cellule tumorali. Più facile a dirsi che a farsi, però, perché il cancro, a differenza di un virus che viene rapidamente riconosciuto dal corpo, è composto da cellule che per molti aspetti assomigliano parecchio alle cellule normali: per questo il sistema immunitario non va ad attaccarle spontaneamente. Lo sviluppo del cancro, inoltre, non è accompagnato da un’infiammazione (e da segnali d’allarme biochimici che si accompagnano ad essa) come nel caso di un’invasione microbica. È per questo che una persona può convivere per anni con il cancro senza accorgersene.

Articoli correlati
Censis: genitori non informati sui rischi del Papillomavirus
L’87,4% dei genitori sa che alcuni ceppi del Papillomavirus umano (o HPV) sono responsabili del tumore al collo dell’utero, ma solo il 47,2% sa che possono causare diversi altri tumori anche nell’uomo. E solo il 34,4% delle mamme è consapevole che l’HPV può causare i condilomi genitali
Il 40% di tumori è prevenibile, basta seguire uno stile di vita sano. L’appello di AIOM
L'Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) in occasione della presentazione al Senato del 'Rapporto sullo stato dell'oncologia in Italia 2017' spiega che in Italia si spendono 5 miliardi di euro (2014), pari a solo il 4,22% della spesa sanitaria totale. Il tetto programmato stabilito nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) è invece del 5%
Lotta al cancro, Lorenzin: «Prevenzione, formazione e film…»
Il tumore più frequente per le donne, nel 29% dei casi, è il tumore al seno. Il docureality 'Kemioamiche' accende i riflettori sul dramma della malattia. Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ai nostri microfoni: «Condividere è importante, insieme si affronta tutto con più coraggio. Importante fare controlli frequenti. Formazione medici è basilare»
Meningite, consigliare il vaccino anche per gli adulti? La parola all’esperto, Roberto Burioni (virologo)
La psicosi per la malattia genera sempre più panico. Roberto Burioni, il noto microbiologo e virologo dell’Università San Raffaele di Milano: «Non si tratta di epidemia ma la situazione della Toscana è anomala e va tenuta sotto controllo»
Puglia, nuova frontiera in medicina, tumore maligno sconfitto con laser terapia
Un tumore maligno al labbro trattato con terapia laser innovativa. La tecnica innovativa chiamata ‘termoablazione’ è stata messa in pratica dall’equipe del reparto di Otorinolaringoiatria dell’Istituto “Giovanni Paolo II” di Bari.  Dopo il successo dell’operazione l’istituto si candida a diventare punto di riferimento italiano per questo tipo di trattamento.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...