Sanità internazionale 28 agosto 2018

Vaccini, perché in Italia sono obbligatori e in altri Paesi no? Lo spiega Rezza (ISS) sul British Medical Journal

«Non è irragionevole che il governo italiano consideri la possibilità di rivedere l’obbligatorietà dei vaccini. Ma qualunque modifica dovrebbe essere guidata da evidenze scientifiche, supportata da investimenti adeguati e valutata con attenzione, non affrettata con tanta urgenza». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene sulla questione vaccini con un lungo […]

«Non è irragionevole che il governo italiano consideri la possibilità di rivedere l’obbligatorietà dei vaccini. Ma qualunque modifica dovrebbe essere guidata da evidenze scientifiche, supportata da investimenti adeguati e valutata con attenzione, non affrettata con tanta urgenza». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene sulla questione vaccini con un lungo articolo pubblicato nella sezione “opinioni” del British Medical Journal.

Spiegando ai colleghi d’Oltralpe cosa sta avvenendo in Italia e perché le vaccinazioni sono un tema così caldo e protagonista della scena politica, mette in relazione sin dal titolo le evidenze scientifiche e le controversie politiche. Inizia poi con una frase divenuta ormai nota a chi negli ultimi tempi si occupa dell’argomento: «I vaccini sono le vittime del loro stesso successo. Grazie a loro – scrive Rezza – l’incidenza di molte malattie è diminuita, alcune patologie sono scomparse. Ma in questo modo, si è diffusa la percezione che le malattie combattute dai vaccini non sono rischiose, dando vita a riluttanza o rifiuto nei confronti delle vaccinazioni».

Intanto, però, l’emergenza morbillo in Europa è una realtà, come confermano i dati pubblicati recentemente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità secondo i quali nel 2018 è stato raggiunto il record di casi rispetto agli ultimi 10 anni. Ecco perché, come scrive il Professore, «non possiamo restare indifferenti davanti all’aumento del sentimento antivaccinista».

Rezza prosegue il suo articolo ricordando le tappe che hanno portato il governo precedente ad adottare la Legge che ha introdotto l’obbligo vaccinale in Italia: l’abbassamento delle coperture, gli effetti positivi dell’obbligatorietà riscontrati ad esempio in California e, soprattutto, l’inefficacia di sistemi non coercitivi in un contesto sociale e culturale come quello italiano.

Quindi, il dibattito sempre acceso tra chi ritiene prioritario il principio della libertà individuale e chi quello della protezione della comunità; i risultati positivi dei primi mesi di applicazione della Legge sull’obbligo vaccinale che ha consentito l’aumento della copertura dell’esavalente e del trivalente rispettivamente del 1,2% e del 4,4%. Infine, il dibattito in campagna elettorale, il cambio di governo, il favore nei confronti dei vaccini ma la contrarietà all’obbligo, l’introduzione delle autocertificazioni e le varie proposte di obbligo flessibile.

LEGGI ANCHE: VACCINI, IL BALLO DELLE INCERTEZZE. COSA È CAMBIATO DAVVERO PER MEDICI, ASL, SCUOLE E FAMIGLIE?

«Mantenere alte coperture vaccinali senza coercizioni sarebbe l’ideale – scrive il professor Rezza – ma nel contesto italiano attualmente ciò è difficile, a causa della bassa alfabetizzazione sanitaria, un’alta percentuale di genitori riluttanti nei confronti dei vaccini (secondo un sondaggio del 2016 condotto su oltre 3mila genitori lo 0,7% era antivaccinista e il 16% riluttante) e, infine, una forte pressione mediatica condotta dal movimento no-vax».

«Inoltre, come già detto – prosegue – grazie alla Legge le coperture vaccinali stanno aumentando. Per questo motivo, sarebbe saggio mantenerla finché non sarà raggiunta la copertura di gregge contro il morbillo e non saranno assicurate alte percentuali di vaccinati contro tutte le altre malattie».

«Ad ogni modo – conclude Rezza – è importante che qualunque decisione sull’introduzione di un sistema non coercitivo venga presa in considerazione di valutazioni sui costi e benefici. Il successo delle diverse strategie vaccinali è legato al contesto geografico e culturale di un Paese e queste valutazioni devono tenerne conto».

Articoli correlati
Vaccini, FTOM: «Soddisfazione per Legge regionale che conferma obbligatorietà delle vaccinazioni»
Plaudo della Federazione Toscana degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri per l’approvazione da parte del Consiglio Regionale della Toscana della Legge che conferma la profilassi obbligatoria
Vaccini, D’Amato (Lazio): «On line i dati fascia 0-16 anni, a disposizione di scuole e Asl»
Risultano immessi on line i dati sanitari di più di 506mila bambini e oltre 12,5 mln di vaccinazioni nella fascia di età fino ai 16 anni, consultabili da scuole e Asl attraverso il portale Salutelazio.it. D'Amato: «Il servizio agevola il lavoro dei centri vaccinali, dei pediatri e del personale di supporto amministrativo delle scuole»
Vaccini, SIPPS: «Non aspettare focolaio di epidemia per procedere a vaccinazioni»
Un osservatore esterno che volesse cercare di comprendere le motivazioni che stanno spingendo la politica italiana a sostituire, a distanza di poco più di un anno dalla sua approvazione da parte del Parlamento, una legge che aveva aumentato il numero delle vaccinazioni obbligatorie da 4 a 10 ed esteso l’obbligo a vaccinazioni raccomandate già presenti […]
Emergenza sanitaria in volo, cosa fare? Rosi (ISS): «In Italia non esiste protocollo. Manca una cabina di regia»
Sono tre i voli intercontinentali su cui, in questi giorni, centinaia di passeggeri si sono sentiti male. Come comportarsi in questi casi? «Se succedesse nel nostro Paese sarebbe un problema, in assenza di un coordinamento intersettoriale ognuno rivendica la propria autorità». Lo spiega Luca Rosi, responsabile dell'Unità Affari Internazionali dell'Istituto Superiore di Sanità
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...
Formazione

Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»

Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle ...